12 – FREE MARKET

Il mercato esiste da sempre, fin da quando l’Uomo ha cercato di approvvigionarsi di tutto ciò di cui aveva bisogno per cibarsi e per vivere secondo le sue necessità. Il mercato però ha sempre avuto un carattere locale. Il più comune e noto è il mercato dei prodotti agricoli che si svolge giornalmente o settimanalmente un pò dappertutto. Fra i più belli e caratteristici ancora oggi forse è il mercato dei tanti paesi dell’Africa ove si radunano, provenienti dai terreni circostanti, lontani anche chilometri, come delle figure stilizzate da grandi pittori del Rinascimento, coi vari prodotti trasportati in appositi cesti sulle loro teste, periodicamente le donne africane coi loro lunghi abiti dai colori sgargianti e coi loro pargoletti lattanti legati in un foulard sulla schiena , e dove si vendono, o si barattano con altri, tali prodotti che sono tanti e vanno dalle banane alle arance, dalla verdura alle patate, dal cotone ai tessuti, dal sapone ai sandali, eccetera.

L’idea del mercato è stata originariamente quindi quella di creare un luogo dove trovare dei prodotti non reperibili sul proprio terreno di residenza e dove la “competizione” vi giocava un ruolo più che marginale dato che i mercati erano all’interno delle singole nazioni ciascuna con il suo livello standard di vita. Nel tempo si è perciò sempre parlato di solo e semplice mercato. Tant’è che nel 1957 i paesi fondatoru dell’Europa Unita, visto il loro più o meno simile livello di sviluppo, decisero di unirsi in un solo paese mercato dando origine al Mercato Comune Europeo. In questo nuovo tipo di mercato a carattere internazionale  le merci quindi potevano essere prodotte, trasportate e vendute senza restrizioni come se si fosse trattato di un singolo paese e di un singolo mercato.

Quando fu fondato il mercato comune europeo il “free” market, o “libero” mercato non esisteva, non era mai esistito nella storia e nè nessuno sapeva che cosa fosse. Fu solo in conseguenza della “guerra fredda” contro il comunismo dell’Unione Sovietica che i paesi capitalisti e democratici occidentali, per distanziarsi dall’ideologia marxista e per aggiudicarsi una superiorità sul sistema sovietico, aggiunsero alla parola millenaria di mercato il”free” o “libero”. Ed allorchè nel 1989 il sistema comunista ed il marxismo e l’Unione Sovietica crollarono, l’idea di “free market” o “libero mercato” si consolidò, fu considerata l’idea uscita vittoriosa dal confronto con “il regno del male” sovietico e si venne a concretizzare in tutto il mondo con la globalizzazione.

Come successo con la visione del cosmo quando l’eliocentrismo gettò nelle ortiche il geocentrismo, così l’Uomo moderno occidentale, prendendo fischi per fiaschi, come quando uno vince centinaia di milioni al superenalotto perdendo il senno dalla contentezza, si è abbandonato e dato ciecamente a praticare il “free market” o “libero mercato” gettando alle ortiche l’idea di mercato. La tanto maturata e giusta idea del mercato comune europeo saltò letteralmente in aria decretando forse l’inizio della fine per l’unione politica europea. Tutte le frontiere dei paesi del mondo si abbatterono e, in omaggio a questa parola di “free” e “libertà” si permise la libera circolazione delle merci e degli uomini in un unico mercato globale e planetario.

Abbattendo le frontiere e permettendo la libera circolazione delle merci senza prima unificare tutti i paesi del mondo in una sola nazione, o federazione di nazioni, planetaria, con un solo governo, una sola moneta, una sola legislazione, una sola cultura, una sola lingua, una sola religione, una sola giustizia, una sola costituzione ed un solo sistema politico o visione della vita, l’Uomo occidentale moderno in pratica ha decretato (inconsapevolmente???) il suo suicidio. La domanda che quì si pone e che sorge spontanea è come è possibile, come è possibile che quest’uomo moderno occidentale, istruitosi presso le università più prestigiose al mondo, sia capace di fare errori così macroscopici???

C’è una sola risposta. Il cattivo insegnamento. Un insegnamento dalla Ragione distorta venutasi a sviluppare nei secoli come descritto dall’inizio di questo blog di pensieri. Grazie a questa nuova libertà di circolazione delle merci su un pianeta però rimasto diviso in 194 diverse nazioni, un gran numero di centri di produzione ed intelligenze occudentali si è trasferito in molti paesi dai costi vicini allo zero dai quali poi esporta in tutto il mondo prodotti dai prezzi cosiddetti “competitivi” ma in realtà imbattibili e fuori da ogni idea di competizione. Così prestigiose università e prestigiosi centri di ricerca, sovvenzionati per lo più con soldi pubblici, cioè di cittadini che pagano le tasse, producono intelligenze che poi vanno a mettere in pratica il loro sapere nei paesi a costo zero per poi ridurre sul lastrico i cittadini ed il paese o paesi per mezzo dei quali essi si sono formati.

Insomma il “free”, o “libero”, aggiunto alla parola mercato ha prodotto effetti contrari a quelli che forse si prefiggeva.

Annunci

3 Risposte to “12 – FREE MARKET”

  1. Io credo che uno degli obbiettivi dell’essere umano sia quello di riconoscersi come un unico popolo, una unica nazione, una sola razza… nell’ottica dell’evoluzione di tutta la manifestazione.
    Per mezzo dell’Amor ” che move il mondo e le altre stelle” .
    Per mezzo della Conoscenza che tu contribuisci a diffondere.
    Io continuo a credere che ce la faremo! E tu?

  2. Ti ringrazio del commento. Fondamentalmente la penso come te anche se ho potuto forse dare l’impressione di essere razzista. Gli uomini appartengono ad una sola razza, quella umana, come diceva Einstein. Sono le culture e le credenze che fanno la differenza.

    Le culture e le credenze purtroppo non si possono eliminare e sono una grande ricchezza ad una sola condizione: il rispetto reciproco. Ma spesso il rispetto è facile da predicare e difficile e a volte impossibile da attuarsi. Il rispetto lo si acquisisce imparando, col tempo, a conoscere l’altro.

    In altre parole “col tempo” significa che in queste problematiche o obiettivi, come per altri,, bisognerebbe usare la Misura o il senso della Misura. Che è poi il governo degli opposti e dei contrari. Il cervello dell’uomo purtroppo è lento ed assimila i cambiamenti con molto ritardo. E ciò vale anche per la tecnologia, per esempio.

    Una unica nazione dovrebbe essere l’obiettivo per il futuro dell’umanità, con un solo governo ed una sola moneta ed una sola legislazione, ma ciò potrà essere raggiunto solo con il rispetto o l’amore, senso della misura e gradualità. Senza queste condizioni c’è solo caos e sfruttamento.

    Sinceramente io non so se ce la faremo. Mi piace però sperare che ce la faremo. La speranza, come l’amore, è sempre un grande valore ed è il caso di ripetere una famosa frase di un ragazzo napoletano: io speriamo che me la cavo!!

  3. I believe thiѕ іs аmong the such a lot significаnt information foг
    me. Аnd i аm satisfied reading уour article.

    But ѕhould statement on somе generɑl things, The ste taste
    is wonderful, the articles іs really excellent : D. Justt гight
    process, cheers

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: