Archivio per dicembre, 2010

22 – IL CAPOLINEA MILLENARIO E LA FINE DEL MONDO CONOSCIUTO – LA FINE DELL’OCCIDENTE – INIZIO DI UN NUOVO UOMO E DI UN NUOVO MONDO SU UN NUOVO CAMMINO.

Posted in ARMONIA, ECONOMIA E POLITICA, EVOLUZIONE, MISURA E GIUSTIZIA, PROPOSTE MILLENARIE, RIFLESSIONI, SPIRITUALITA', TUTTE LE CATEGORIE with tags , , , , , , , , , , , , , , , , , , on dicembre 31, 2010 by beautiful41

E così siamo arrivati al Capolinea. I nostri politici e vari importanti uomini di Stato e personalità del mondo della scienza e della cultura da alcuni giorni o qualche mese finalmente si sono accorti che in questa crisi che stiamo vivendo c’è qualcosa di più di una semplice crisi di transitoria contingenza. Meglio tardi che mai!!! Per dare l’idea che si tratta di una cosa seria e non più di una crisi passeggiera, lor signori ora la chiamano “crisi strutturale” per curare la quale non si può fare pressocchè niente, che è la conclusione raggiunta in un recente vertice dei capi di Stato europei.

Il nostro tanto discusso premier Sivio Berlusconi in una recente intervista, nella sua tipica ingenuità, ha ammesso che questa crisi “strutturale” è dovuta al fatto che l’occidente si deve misurare, per esempio, con il costo del lavoro indiano che è un euro all’ora. Ma Berlusconi, come tanti altri “papaveri” come lui, dopo aver detto questo, si è fermato lì senza averne tratto le conseguenze e nè indicato cosa ciò comporta, dopo aver però detto, più che altro con l’istinto del manager, che “dobbiamo svegliarci”. Il nocciolo di questa crisi “strutturale” sta proprio quì, in questo “dobbiamo svegliarci”. Ma come??? Certamente non con la tanto strombazzata filastrocca di una ridicola maggiore inventiva. Quì ci vuole ben altro!!

Ciò comporta che in una economia globalizzata l’occidente dovrebbe ridurre il suo standard di vita allo stesso livello dei paesi simili all’India se vuole competere su una base di parità. Solo in quel momento l’economia potrà ricominciare a crescere. E questo significa che il primo ministro Berlusconi dovrebbe prendere gli stessi soldi del primo ministro indiano, e similmente giù giù per tutti gli altri gradi della pubblica amministrazione- Parimenti nel settore privato i costi del lavoro dovrebbero scendere al livello di un euro per ora.

Scendendo i costi dovrebbero in parallelo e gradualmente scendere anche i prezzi. La signorina del supermercato che per decenni con una macchinetta etichettetrice aumentava pressocchè ininterrottamente i prezzi dei vari prodotti, adesso la stessa signorina dovrebbe applicarsi alla stessa operazione ma al contrario, facendo diminuire continuamente i prezzi. E questo naturalmente vale per tutti i prezzi di beni e servizi al pubblico. Diminuendo le paghe, cioè i costi, parallelamente e proporzionalmente ai prezzi, potremmo così abbassarci, gradualmente e nell’arco, diciamo, di dieci anni, al livello dell’India con la quale dobbiamo competere.

Nel secolo passato queste grandi crisi economiche venivano risolte con il protezionismo e con le catastrofiche guerre che conosciamo perchè si pensava che la guerra, assieme alla distruzione portava principalmente anche una nuova spinta fortissima verso la crescita economica e la ricostruzione, era cioè un pò come risettare tutto un sistema ripartendo da zero. Ciò era possibile, anche se moralmente condannabile, perchè si trattava ancora di guerre di forze armate contro altre forze armate, cioè di militari contro altri militari, fatte le debite eccezioni per i vari olocausti da un lato e l’uso delle sole prime due bombe atomiche dall’altro. Oggi risolvere questa crisi “strutturale” allo stesso modo è impensabile perchè l’uso delle tante bombe atomiche esistenti porterebbe all’estinzione del genere umano e della sua civiltà. Ecco perchè al vertice europeo si è convenuto che non si può fare niente. Bisogna quindi trovare soluzioni alternative ma nessuno ha il coraggio di cimentarsi nell’avanzare proposte concrete. E bisogna trovarla una soluzione perchè il tempo che passa ci stringe sempre di più il cappio intorno al collo.

In teoria quindi, come accennato, con la riduzione di costi e prezzi, se l’uomo fosse un essere razionale e se i governi sapessero veramente govermare, la soluzione per abbassarsi allo stesso livello dei paesi come l’India ci sarebbe. E rimarrebbe solo un grande ed irrisolvibile rebus e cioè di come pagare l’enorme debito pubblico che il Paese ha accumulato. Questo debito diventerebbe impagabile a causa del ridursi del livello economico su standards inferiori.

Nonostante ciò però il rebus potrebbe ancora a sua volta essere risolto se esso, il debito pubblico, venisse fatto proprio dai Paesi “neo ricchi” e dai grandi capitalisti che hanno beneficiato dalla globalizzazione, radunandoli e facendogli il seguente discorso:

“””””Cari amici, come vi sarete resi conto, i nostri predecessori alla dirigenza dei paesi occidentali intorno agli anni 80 e 90 dello scorso secolo avevano quasi tutti perso la testa a causa di una illusoria superiorità del loro pensiero distorto. Ciò ne faceva in pratica dei folli, dei pazzi, che in tempi più ragionevoli sarebbero stati rinchiusi in manicomio. Costoro, apparentemente senza rendersene conto, vi hanno regalato, con il via libera alla delocalizzazione dei centri produttivi e con la globalizzazione del libero commercio in un unico libero mercato planetario, tutta la ricchezza del pianeta, a voi, ai capitalisti delocalizzatori ed ai paradisi fiscali, riducendo al lumicino ed in povertà e senza più un futuro quasi tutti i paesi occidentali che si reggevano sul lavoro manufatturiero ed a cui essi, i grandi capitalisti, appartenevano.

Ora cerchiamo di essere seri. Prima noi mangiavamo antipasto, primo e secondo piatto mentre voi mangiavate solo un pò di pane ma ora la situazione si è capovolta, o si sta avviando rapidamente verso il suo opposto, dove voi mangiate antipasto, primo e secondo piatto mentre noi mangiamo solo un pò di pane ed anche questo a volte sembra andare a scomparire. E’ chiaro che noi in questa nuova situazione non possiamo restare a guardare e dobbiamo fare qualcosa per evitare di morire di fame. Quello che dovremmo fare e potremmo fare naturalmente è di attuare il protezionismo, cioè istituire dazi doganali o tassazioni su tutte le merci importate in modo da proteggere la nostra produzione ed il lavoro nel nostro o nei nostri paesi. Ci rendiamo conto però che il protezionismo, nell’attuale mondo globalizzato, interconnesso ed interdipendente. potrebbe essere causa di irrigidimenti nazionalistici, egoismi e contrapposizioni poco auspicabili.

Noi quindi non vogliamo alcuna guerra, nè militare e nè commerciale. Vi abbiamo chiamato perchè è nostra intenzione di collaborare e stringere un patto con voi, al fine di progredire nella pace e nella giustizia, noi e voi. Siamo convinti che una crescita pacifica sia nell’interesse di tutti. Siamo anche convinti che una crescita pacifica si può realizzare solo all’insegna della giustizia e della solidarietà. Siamo convinti cioè che una crescita pacifica si possa realizzare solo alla condizione che noi e voi riusciamo a stabilire delle comuni basi di partenza nei vostri e nostri paesi. Siamo convinti che una comune base di partenza sia il presupposto per una crescita competitiva e pacifica. Pertanto noi vi proponiamo il seguente patto:

1 – Noi abbassiamo costi e prezzi agli stessi o simili livelli di costi e prezzi dei vostri paesi.

2 – Voi, che avete le tasche strapiene di soldi di cui non sapete che farvene oltre al comprare il mondo intero, vi farete carico di pagare i nostri debiti ad oggi che noi non potremmo più pagare se questo patto viene accettato.

3 – Una volta raggiunta la stessa base comune di partenza per tutti i cittadini dei vostri e dei nostri paesi, istituiremo un Giudice di Gara sovranazionale trasformando la attuale organizzazione delle Nazioni Unite, o ONU, inutile ed attualmente adibita tutt’al più come uno “speaker’s corner” dei parchi londinesi, in Organizzazione per il Controllo dei Costi e dei Prezzi dei vostri e dei nostri paesi, mettendo così la parola fine all’arbitrario “libero” aumento degli stessi in modo così sfacciatamente turlupinoso e rapace.

4 – Istituiremo, per i vostri ed i nostri paesi, una costituzione unica, ispirata a pochi e semplici valori umanitari fondamentali quali l’uguaglianza alla nascita, democrazia, pari opportunità e libertà di espressione e di religione dove per libertà si intende libertà nella giustizia e non libertà di fare quello che ciascuno vuole, e dove giustizia significhi misura e giusta misura. Quale segno di distinzione e quale vessillo di speranza in un nuovo futuro rilasceremo ai vostri ed ai nostri cittadini un passaporto unico intestato alla Comunità del Pianeta Terra o “Earth Community” ed abbatteremo tutte le frontiere fra i vostri ed i nostri paesi ove tutti i cittadini vi potranno liberamente circolare.

5 – Aboliremo e disconosceremo i paradisi fiscali ed i grandi capitalisti che non vorranno aderire a questo patto saranno proibiti dall’ingresso nei nostri e vostri paesi, assieme ai loro prodotti e merci.

6 – Riformeremo gli accordi sulle comunicazioni, telecomunicazioni, televisioni e stampa all’insegna non più della libertà incondizionata, ma di una libertà giusta e vigilata e rispettosa dei diritti sacrosanti di “privacy” di qualsiasi persona ed all’insegna di una più razionale e sobria distribuzione.

7 – Una volta raggiunto il traguardo di un livello economico comune ed uniforme istituiremo una nuova moneta unica globale che chiameremo ECU (per EARTH CURRENCY UNIT) dove 1 ECU sarà composto di 1000, mille, MONEY tutti di carta tranne i primi 10 MONEY che potranno essere di monete metalliche e dove 1 ECU sarà  il corrispondente di circa un euro di oggi, assieme ad un governo unico globale e confederato valevole per tutti i paesi che vorranno aderire a questo patto.”””””

Quanto sopra a prima vista potrebbe sembrare un sogno, brutto per qualcuno e bello per qualche altro, o potrebbe sembrare il vaneggiare di un idealista senza arte nè parte. Ma pensandoci bene, forse, potrebbe essere una strada quasi obbligata se vogliamo evitare le due altre possibili alternative, il protezionismo e una guerra planetaria da una parte ed il caos attuale senza regole dall’altra parte. Più passa il tempo e più la medicina, qualsiasi essa sia, sarà dura. Il patto proposto sembra l’unico che si possa realizzare pacificamente. Quanto sopra è comunque solo una indicazione di un nuovo cammino sul quale l’uomo moderno sente la necessità di dirigersi avendo egli perso tutti i riferimenti ed i valori immortali della sua stessa umanità.

L’occidente scompare per la cieca fede nei falsi paradugmi del passato fra cui il cieco credo nell’autonomo incontrollato aumento dei prezzi e dei costi, paradigma che si è venuto a schiantare contro la realtà del libero mercato globale che in poco tempo lo annienterà se non si ha il coraggio di prendere provvedimenti coraggiosi. E la follia di questo credo è tanto più pervicace quando si pensa che ancora oggi non si è capito questo problema, o si fa finta di non capire, e si lasciano tranquillamente continuare a far salire prezzi e costi autonomamente, facendo aumentare la distanza dall’India anzichè diminuirla, perchè, anche se qualcuno se ne è accorto, è tabù o non politicamente corretto il solo accennarne.

I lavaggi del cervello, i fondamentalismi, le ideologie e gli estremismi culturali provenienti dal passato, descritti in parte su questo blog, i tanti bombardamenti culturali su materialismo, consumismo, rapina della natura e crescita infinita in una perenne giovinezza, le ingiuste ed abissali differenze, hanno reso l’uomo moderno consapevole di essere arrivato ad un Capolinea, Il Capolinea “strutturale” del Millennio dal quale egli intravede che la risposta ai suoi dubbi e necessità della speranza nel futuro può venire solo da una rinnovata Spiritualità e da un saggio uso della Giustizia e della Misura, nel rispetto dei propri simili, in un mondo senza eccessi ove egli possa governare armonicamente gli opposti ed i contrari ritornando ad essere il padrone di sè stesso ed il signore del suo mondo. Se ne avrà il coraggio ed il tempo.

Questo articolo vuole contribuire a “farci svegliare”.

21 – SIRIO E ISIDE – LA STELLA DI NATALE E CAPODANNO

Posted in ARMONIA, ASTROLOGIA, ASTRONOMIA, EVOLUZIONE, LEGGENDE, RELIGIONE, RIFLESSIONI, STORIA, TESTIMONIANZE, TUTTE LE CATEGORIE with tags , , , , , , , , , on dicembre 21, 2010 by beautiful41

Intorno alla mezzanotte dei giorni che precedono e seguono il Solstizio d’inverno e Capodanno, tutti gli anni, da molte migliaia di anni, da tutte le abitazioni che hanno una finestra esposta verso sud, davanti ai propri occhi appare la più grande e lucente stella del firmamento, Sirio. E’ finanche più lucente di un pianeta e non si può sbagliare nel riconoscerla. Sirio, nella plurimillenaria storia egiziana, rappresenta la grande dea Iside. Stella e Dea sono entrambe affascinanti e misteriose ed interi volumi sono stati scritti su entrambe. La loro storia risale alla notte dei tempi ed il loro culto è all’origine finanche delle nostre fedi religiose. Sirio è bella, come Iside è bella. ed il loro misterioso fascino di natura femminile può forse essere paragonato all’ispirazione del Divino dato dal quadro più famoso al mondo, la celebre Monna Lisa di Leonardo.

Sirio non è una stella come tutte le altre. Essa è davvero particolare, anzi per meglio dire, speciale. Essa marca la direzione verso la quale la Terra e tutto il sistema solare si stanno dirigendo. Cioè intorno alla mezzanotte di ogni capodanno guardando Sirio automaticamente noi guardiamo l’autostrada sulla quale stiamo procedendo. Sirio, o Iside, la “Sothis” greca o la “Spdt” egiziana, potrebbe essere la meta del nostro viaggio, una visita alla Monna Lisa del cosmo. E la sua lucentezza sembra fatta apposta per facilitarci questo viaggio, come per dire “segui la mia luce di splendore e ti ritroverai a casa”.

Come facciamo a dire che è la nostra direzione di marcia??? E’ semplice, ci sono sempre 181 giorni e 18 ore fra il solstizio invernale e quello estivo, e ci sono sempre 183 giorni e 12 ore, sempre quasi 2 giorni in più, fra il solstizio estivo e quello invernale. Il Sole quindi viaggia verso il solstizio d’inverno trascinandosi appresso tutto il sistema solare. La Terra impiega pertanto minor tempo fra il solstizio invernale e quello estivo perchè in questo tratto si muove in direzione opposta a quella del Sole. Ed impiega di più fra il solstizio estivo e quello invernale perchè in questo tratto la Terra si muove nella stessa direzione verso cui si sta muovendo il Sole, un pò come una autovettura che ne deve sorpassare un’altra in autostrada.

E’ in pratica come una seconda Stella Polare, nel senso di riferimento, perchè mentre la Polare ci indica la direzione dei punti cardinali, Sirio ci indica la nostra posizione nella nostra galassia e la direzione verso la quale la Terra e tutto il sistema solare si stanno dirigendo. Verso di Lei, come detto, c’è la direzione della nostra meta ed il nostro futuro intorno al centro della nostra galassia. A 90 gradi, a sinistra, c’è la parte di cielo che noi possiamo vedere bene alla mezzanotte dei giorni intorno all’equinozio di primavera, la parte di cielo più piena di stelle proprio perchè quella è la direzione del centro del nostro ammasso galattico intorno al quale tutto il sistema solare gira. Ancora più avanti, alla mezzanotte dei giorni intorno al solstizio d’estate, la parte di cielo che si apre davanti a noi indica la zona o strada da cui siamo passati e stiamo provenendo. Proseguendo ancora, alla mezzanotte dei giorni intorno all’equinozio d’autunno possiamo vedere la parte di cielo più povera di stelle proprio perchè stiamo guardando verso la parte opposta a quello del centro galattico. Finchè di nuovo, alla mezzanotte dei giorni intorno al solstizio d’inverno e capodanno, la nostra bella Sirio, o Iside, ritorna a splendere come non mai e ad indicarci la nostra meta con Lei come guida.

Sirio, durante la plurimillenaria antica civiltà egiziana, era la rappresentazione della dea Iside, moglie di Osiride, a sua volta rappresentato dalla seconda forse più bella costellazione del cielo, la costellazione di Orione,  che la precede di circa una ora, quasi ad aprirle la strada, come farebbe qualsiasi uomo che si rispetti con la propria amata. Così Sirio, o Iside, segue Orione, o Osiride, nel cielo per l’eternità, a testimonianza del loro Amore cosmico e dell’Amore universale, oltre che di forse profonde verità, spirituali e scientifiche che ancora oggi ci sfuggono. La famosa Stella di Natale, che noi mettiamo su tutti i presepi, non è altro che Sirio, o Iside, la più lucente e bella stella che da millenni, nei giorni di Natale, illumina la capanna del nuovo anno che nasce e la capanna della divinità che nasce e che rinasce con noi e dentro di noi.

Fino all’avvento del Cristianesimo il culto di Iside era osservato in tutto l’oriente  e nei paesi del mediterraneo. Finanche a Roma e nel mondo romano esso era conosciuto e praticato e vi erano molte statue che la raffiguravano con un bambino in braccio. E qualcuna esisterà ancora oggi. Il bambino che Iside portava in braccio era suo figlio Horus, o Horo, avuto, così dice la leggenda, in pratica per magia o, come diremmo noi oggi, per opera dello spirito santo, anche se il concepimento fu frutto del seme di Osiride, perchè quando Lei concepì Horus suo marito Osiride era già morto, caduto in una trappola mortale tesagli, per invidia per il suo successo e popolarità, da suo fratello Seth assieme ad altri 72 congiurati. Osiride fu un grande civilizzatore e girò il mondo intero portando il primo fondamentale messaggio di luce di sapienza, fratellanza, amore, giustizia, spiritualità, pace e perdono a tutti gli esseri umani. Insomma egli fu, molte migliaia di anni prima, il nostro Gesù così come Iside fu l’antesignana della Madonna col Bambino. E fu la storia di Iside a dare chiaramente l’idea al Cristianesimo dell’Immacolata Concezione.

L’importanza, la grandezza ed il mistero di Sirio non finiscono qui. Sirio fu scelta dagli antichi egiziani, già dai tempi predinastici, dal 3500 A.C. per certo, ma forse risalente a tempi più antichi, quale stella adatta a marcare l’anno di 365,2422 giorni che noi oggi conosciamo col calendario Gregoriano. Ciò era possibile perchè Sirio era, ed è, l’unica stella del firmamento che non ha movimenti precessionali come tutte le altre stelle. Noi sappiamo che a causa della precessione degli equinozi ogni 2160 anni circa tutte le stelle subiscono appunto un movimento precessionale di 30 gradi di ascensione retta. Sappiamo, per esempio, che a causa di tale movimento fra alcune migliaia di anni la stella che c’indicherà la direzione del Nord sarà la stella Vega e non più la attuale stella Polare dell’Orsa Minore. Ebbene per Sirio ciò non è accaduto e non si è verificato per oltre, ad oggi, 5500 anni!! Molti studiosi e storiografi non sono d’accordo sull’interpretazione di questa strana faccenda, anche perchè una sentenza veritiera su quest’argomento richiede un lungo periodo di osservazioni, mentre la scienza, timidamente, a causa del disagio a toccare questi argomenti da essa ritenuti un abracadabra, sembra che voglia fare capolino dicendo che sì, effettivamente, sembra che i parametri precessionali di Sirio siano ridotti quasi a zero.

Quindi Sirio è la stella fissa, o quasi, per eccellenza. Un punto fermo nel Cosmo quasi a voler dare la possibilità a tutti gli uomini del pianeta di poter trovare, un giorno, la giusta strada della verità nella sapienza e nella spiritualità. Essa pertanto indica il Natale, Capodanno e l’Epifania tutti gli anni, adesso come duemila anni fa e come sei mila anni fa ed ancora più indietro.

Nella prima metà dello scorso secolo, nel 1931, un professore di antropologia francese, Monsieur Marcel Griaule, assieme ad una antropologa tedesca, Madame Germaine Dieterlein, diedero inizio ad una campagna di ricerche antropologiche in Africa, in Mali, intorno alla zona di Timbuctu, ove si soffermarono nello studio delle credenze e nozioni conosciute dall’etnia dei Dogon, appartenenti alla più grande etnia dei Bambara, a loro volta connessi con i Fulani o Peul di quell’area. I due professori non immaginavano che le loro ricerche sarebbero entrate negli annali della storia sollevando un enorme scalpore ed incredulità che perdura ai giorni nostri.

Queste ricerche durarono molti anni, circa 20, e portarono alla conclusione strabiliante ed incredibile che i Dogon da migliaia di anni sapevano, e si tramandavano di generazione in generazione, tutto sul sistema di Sirio che, anche se a noi appare come una singola stella, è in realtà parte di un sistema, appunto chiamato il sistema di Sirio. E’ cioè un sistema di stelle binarie di cui una, Sirio A, che è quella che noi vediamo, ruota intorno ad una “nana bianca”, detta Sirio B, una stella estremamente densa che non emette luce, con un periodo di rivoluzione di 50 anni. Tutte cose che la scienza ufficiale ha praticamente ignorato fino alla metà dello scorso secolo dopo aver cominciato solo a supporne qualcosa nel XIX° secolo.

Sirio inoltre è la stella che, nella sua culminazione in meridiano, cioè al centro del cielo ed in direzione sud, era traguardata, come attraverso un cannocchiale, dal condotto meridionale della Camera della Regina della Grande Piramide di Giza, condotto che pertanto appare essere stato costruito appositamente per Lei, questa stella fantastica e più che speciale, quasi a voler confermare tutto quanto detto finora. Gli antichi chiaramente si dovettero rendere conto dell’importanza e dell’eccezionalità di questa stella, molto più di quanto siamo disposti a concedere noi oggi, nella nostra scettica aridità spirituale, pianificando la costruzione del più grande monumento al mondo, la Grande Piramide di Giza in Egitto, intorno alla sua essenza di Stella e Dea.

L’aver voluto far rappresentare l’unicità di questa splendente e magnifica stella dalla Dea Iside, una Donna, sembra infine essere stata una deliberata e chiara testimonianza dei fondatori della civiltà umana ad onorare, rispettare e ad amare la femminilità e l’eterno femminino di tutte le Donne, portatrici dell’affascinante mistero del Divino e dell’Amore che è all’origine della Vita e della sua rigenerazione.

Tutte queste caratteristiche di Sirio, qui solo accennate, sembrano volerci invitare ad una profonda riflessione, in occasione di questo Natale e di questo Capodanno, che ci possa aiutare a delineare meglio la strada ed il percorso da intraprendere, il cammino di mille miglia, sul quale l’uomo pensante moderno ha disperatamente bisogno di ritrovare sè stesso, nella verità, come descritto dall’inizio di questo blog.

……

P.S. – NOTA PER COLORO CHE CERCANO LA DIREZIONE DI SIRIO. –

A mezzanotte di ogni 31 Dicembre Sirio è osservabile esattamente a Sud, cioè nella posizione dove a mezzogiorno il Sole raggiunge la massima altezza. Un’ora prima della mezzanotte, alle 23.00, Sirio si trova 15° (gradi) più a sinistra della detta posizione. Alle 01.00, un’ora dopo la mezzanotte, Sirio si trova 15° più a destra della detta posizione. E così via di seguito. Ed è così per migliaia e migliaia di anni.

A mezzanotte di ogni 1° Dicembre, un mese prima di Capodanno, Sirio si trova 30° più a sinistra sempre della stessa detta posizione. Ed a mezzanotte del 31 Gennaio, un mese dopo il Capodanno, Sirio si trova 30° più a destra della detta posizione o direzione.

……

Vedi anche n. 24 sul disconoscimento di Sirio.

E vedi anche n. 61 – Per l’importanza di Sirio in una nuova formulazione dei moti celesti e nella sua testimonianza per gli errori di Copernico e Newton.

20 – STORIE DI COMUNISMO

Posted in ARMONIA, ECONOMIA E POLITICA, FOLLIE, MISURA E GIUSTIZIA, RIFLESSIONI, STORIA, TESTIMONIANZE, TUTTE LE CATEGORIE with tags , , , on dicembre 20, 2010 by beautiful41

1968. Strada per Lvov, o Leopoli. Ingresso nell’Unione Sovietica. Prima sbarra abbassata. Stop per una prima ispezione visiva da lontano. Esame superato, la sbarra si alza e procedo con l’auto attraverso la mitica cortina di ferro verso un secondo stop cento metri più avanti ad una seconda sbarra abbassata. Esame visivo ravvicinato ed indagatore da parte di soldati armati. Qualche minuto di attesa prima che anche la seconda sbarra si alzi. Procedo con l’auto al centro di un piazzale ove troneggia un ufficiale dell’armata rossa, alto, vestito impeccabilmente con pantaloni, giacca e camicia freschi lavati e stirati, stivali neri lucidissimi e tirati a specchio, il quale, con fare altero, serio, cortese e deciso, saluta ordinando di procedere con l’auto su un ponte in muratura costruito appositamente al centro del piazzale.

Mentre l’auto sul ponte veniva passata al setaccio con un fil di ferro in tutti i buchi e anfratti, io venivo passato al setaccio nel “bureau” con i controlli dei miei dati personali, controlli abbastanza normali perchè loro già sapevano tutto di me dato che a quei tempi l’ingresso nell’Unione Sovietica era subordinato ad una richiesta di visto rilasciato da una agenzia di viaggio di Roma denominata “Intourist” i cui impiegati e impiegate, queste ultime belle e super, erano il fiore dell'”Intellighenzia” cerebrale del KGB. Era uno spettacolo il solo vederli operare. Erano allenati a leggere nei pensieri dell’interlocutore e ad inquadrare rapidamente  la personalità dell’interessato, cosa che poi fu copiata dagli agenti della CIA in America e su cui è stato girato un film dove, solo per dare un’idea dato che la realtà era molto più potente ed affascinante, si vede l’apertura per 30 secondi di un frigorifero pieno, dopodichè il frigorifero viene chiuso e l’aspirante agente deve dire tutto il contenuto senza errori.

Dopo aver smontato tutti i sedili, anteriori e posteriori, dell’auto, una fiammante Fiat 124, e non aver riscontrato nulla di anormale, fui finalmente autorizzato alla prosecuzione del mio viaggio non senza prima però avermi sequestrato, perchè potevano dare adito a “propaganda capitalista”, tutte le copie di giornali e riviste italiani di quei tempo, quali Corriere della Sera – Epoca – Europeo – e altri, che erano sul cruscotto posteriore. Destinazione Mosca, leggendaria capitale e sogno mai concretizzato di tanti conquistatori, via Lvov, Kiev, Poltava e Kursk.

Le strade erano percorse pressocchè solo da camion, tanti camion, per lo più trasportanti truppe dell’esercito, oltre a saltuari autobus passeggeri di linea, impolverati e gremiti di folla. Occasionalmente passava una motocicletta della polizia stradale. I turisti potevano viaggiare solo di giorno e non potevano superare 500 chilometri al giorno. Dopo i Carpazi si apriva l’immensa pianura sovietica a volte solo leggermente ondulata per cui le strade erano sempre dritte, senza curve,  Questo faceva sì che l’avvicinamento di un’autovettura poteva essere notato a molti chilometri di distanza.

Mi capitava così spesso di notare in lontananza una o più figure di persone con entrambe le braccia alzate che mi facevano segno di fermarmi. Erano forse contadini, in tre o in quattro, che cercavano un passaggio da una località ad un’altra, forniti sempre di ortaggi e frutta principalmente composta di mele, tante mele. Naturalmente prendevo sempre tutti e ciò, pur senza conoscere la lingua, costituiva un diversivo di un viaggio altrimenti monotono. E mi è sempre piaciuta l’idea di incontrare gente diversa e lontana, parlante una lingua sconosciuta, per scoprire l’umanità che ci accomuna tutti. Ma non conoscevo a quei tempi che in tutti i paesi comunisti vigeva una legge fondamentale che vietava a tutti i cittadini ogni rapporto con gli stranieri, rapporti che potevano essere intrattenuti solo da personale specializzato, in pratica polizia o agenti del KGB.

Succedeva così che tutte le volta che venivamo notati dalla polizia stradale l’autovettura veniva fermata ed i passeggeri fatti scendere immediatamente con fare più che imperioso nella totale palese sottomissione dei poveri malcapitati che però sempre dimostravano la loro grande umanità lasciandomi tante mele come ricompensa per il disturbo. Finchè a furia di dare passaggi il portabagali quasi si riempì di mele. Belle mele.

A Mosca mi capitarono un paio di piccoli avvenimenti significativi. Il primo avvenimento accadde in un piccolo ufficio postale dove mi recai per comprare dei francobolli per cartoline. C’era una lunga fila che si prolungava per la strada, che era la normalità per tutti i negozi e pubblici esercizi adibiti a comuni cittadini. Pertanto mi accodai in attesa del mio turno quando si materializzò la presenza di un ufficiale dell’armata rossa. Era sempre uno spettacolo vedere questi ufficiali. Sembravano i figli degli dei. Camicia, giacca e pantalone lavati e stirati di fresco ed alla perfezione. Stivali neri lucidissimi e tirati a specchio più del solito. Cappello a visiera con gradi dallo slancio cosmico. Consapevole della sua importanza e superiorità costui, con noncurante naturalezza e con incedere altero e cadenzato, guardando tutti dall’alto verso il basso, saltò tutta la fila andando direttamente al banco ove fu immediatamente sbrigato prima di andarsene.

Mormorai qualche parola di critica con i miei vicini di fila al che essi, accortisi che ero straniero, subito passarono la voce per tutta la fila fino all’impiegata del banco che mi fece cenno, a mia volta, di saltare la coda, e con l’approvazione di tutta la fila. Si consolidava in me l’impressione della grande umanità di questo magnifico popolo ma cominciavo a capire che avevo a che fare con due tipi diversi di popolazione, e cioè una minoranza privilegiata ed al comando su una maggioranza sacrificata al loro servizio.

Il secondo avvenimento accadde in un grande ufficio cambio-valute ove, all’avvicinarmi al banco, fui malamente apostrofato con tono di dispregio e viso sprezzante dall’impuegata con un “Siete ungherese???”. L’impiegata era convinta che io fossi ungherese ma quando io, sorpreso da tale atteggiamento, risposi in modo risentito e altrettanto sprezzante “No, sono italiano” all’improvviso il tono e l’atteggiamento cambiarono dalla notte al giorno diventardo cortesi, gentili ed ammirevoli. Capii che dovevano essere tempi duri per i cittadini dei paesi cosiddetti satelliti. E d’altronde proprio in quel periodo era in corso l’invasione della Cecoslovacchia.

Sappiamo come è finita. Quando una minoranza del 10 o 20 per cento della popolazione detiene tutte le ricchezze ed i privilegi mentre il rimanente 90 o 80 per cento della popolazione detiene le briciole, ciò, assieme all’assenza di spiritualità ed assieme alla schiavitù dovuta ad assenza di libertà, fa sì che qualsiasi sistema sociale alla lunga non può tenere e collassa o si schianta da solo.

L’occidente, uscito “vittorioso” dalla guerra fredda con il comunismo, vivendo nell’illusione di superiorità dovuta ad un distorto pensiero culturale come cercato di illustrare fin dall’inizio di questo blog, non si è accorto forse che i parametri che hanno portato al collasso del comunismo sono gli stessi che ora rischiano di far crollare il sistema democratico occidentale. Oltre alla enorme differenza fra i pochi ricchi e privilegiati ed i tantissimi ridotti alle briciole, anche in occidente è maturata l’assenza della spiritualità ed anche in occidente è maturata la schiavitù.  Perchè la schiavitù, diceva qualcuno che se ne intendeva, non è dovuta solo ad assenza di libertà ma è anche il frutto della troppa libertà.

La salvezza quindi stà nella giustizia, amore e spiritualità, armonia, misura e libertà. Cose estremamente difficili da realizzare ma sono le sole condizioni per evitare il collasso e per uno sviluppo duraturo, assieme all’abbandono dei tanti pregiudizi contemporanei e provenienti dal passato, come cercato di esporre in questo blog.

19 – LA GERMANIA, IL RISPETTO ED IL RESTO DELL’EUROPA

Posted in ARMONIA, ATTUALITA', ECONOMIA E POLITICA, EVOLUZIONE, RIFLESSIONI, SPIRITUALITA', STORIA, TESTIMONIANZE, TUTTE LE CATEGORIE with tags , , , , on dicembre 14, 2010 by beautiful41

Perchè la Germania è sempre perfetta, in pace come in guerra??? Sono i germanici i figli degli Dei ariani immortali mentre noi siamo figli di uomini mortali per cui non riusciamo a fare quello che fanno loro??? La risposta c ‘è ed è racchiusa in una sola parola, il “rispetto”.

Parecchio tempo fa ero inviato speciale per un giornale americano con il compito di raccogliere informazioni sul trasporto di merci per mare fra l’Europa e le Americhe. Il giornale per cui lavoravo mi prenotò un posto da passeggiero su una grande nave portacontenitori, una delle più grandi al mondo a quei tempi.. La nave effettuava servizio regolare di linea fra i più importanti porti del Nord Europa ed i più importanti porti americani.

Gli inviati speciali in pratica sono degli spioni. Essi devono cercare di raccogliere tutte le informazioni possibili sull’argomento di cui si occupano, sopra e sotto il banco, ma senza dare troppo nell’occhio. In genere gli inviati speciali non si presentano come tali per non infastidire e far insospettire le persone con cui vengono a contatto e dalle quali hanno bisogno di informazioni, che ottengono sotto una parvenza di scambio di idee fra amici.

Fu così che riuscii ad entrare nelle simpatie del capitano della nave, la fonte di informazioni più complete su una nave, il quale mi invitava spesso nel suo studio dove prendevamo qualche bicchierino insieme. Costui era un capitano di vecchio stampo. Non ammetteva l’esistenza della mala fede o cattiveria a bordo della sua nave ed era pertanto di una ingenuità quasi sconsolante, che era un pò la caratteristica della vecchia marineria. Il suo studio era sempre aperto dal quale spesso per i corridoi si diffondeva musica di vario genere, per lo più classica.

Dopo aver attraversato l’Atlantico ed aver fatto scalo ad Anversa, in Belgio, procedemmo per Amburgo ove in meno di 24 ore la nave scaricò tutti i contenitori provenienti dalle Americhe e caricò tutti i contenitori di Amburgo per quel viaggio e per le stesse Americhe. Stavo rientrando a bordo da una visita alla città per l’ora che il capitano mi aveva comunicato ed infatti al mio avvicinarmi alla nave vidi che con precisione teutonica le operazioni stavano per finire. Delle tre gigantesche gru a ponte che avevano iniziato le operazioni, due si erano già allontanate dalla nave, sui binari del porto. La terza gru, senza sollevare il ponte, si stava spostando dalla zona centrale verso l’area libera di parcheggio poppiera, passando col suo ponte a pochi centimetri dalle più alte sovrastrutture della nave, quali albero e fumaiolo.

Mentre ancora salivo sulla scala di accesso alla nave e mentre la grua lentamente si spostava sentii cadere sulla mia testa dei piccoli frammenti solidi come se fossero stati conseguenti ad una rottura. Passando davanti allo studio del capitano lo informai di questo fatto. Il capitano, che non si era accorto di niente, capì però immediatamente il significato di quello che gli avevo detto e si precipitò fuori dal suo studio andando ad investigare allo scoperto sulla plancia e sulla controplancia ove lo seguii. Sparsi su questi ponti c’erano i frammenti della rottura dell’antenna del radar principale che era posizionata sull’estremità più alta dell’albero della nave. Chiaramente il gruista del terminal non aveva valutato bene che il ponte della grua non era del tutto libero dall’essere impedito nel suo movimento ed aveva provocato involontaruamente il guaio.

Il capitano chiamò ed informò immediatamente i dirigenti del terminal per la constatazione dei danni sofferti di cui essi erano responsabili. Dopo il sollecito intervento di tecnici e fotografi e assicuratori ci si rese conto che il danno non poteva essere riparato in poco tempo. I dirigenti del terminal si scusarono vivamente per il danno provocato e, per non aggiungere danno al danno, visto che la nave era in partenza per un secondo porto in Germania, il porto di Bremerhaven, dove era prevista arrivare l’indomani mattina, chiesero di poter effettuare la riparazione dell’antenna del radar in quel porto ove ci sarebbe stata una maggiore disponibilità di tempo. Il capitano accettò la promessa anche perchè aveva il secondo radar di bordo perfettamente funzionante.

L’indomani mattina, a Bremerhaven,  appena l’ormeggio fu completato e la scala di accesso fu sistemata, un folto gruppo di tecnici, radaristi, saldatori, operai, elettricisti, assicuratori e dirigenti del terminal di Amburgo, si precipitò a bordo deciso e determinato ad effettuare la riparazione e la rimessa in operatività del radar principale della nave. Era uno spettacolo leggere nei loro occhi e nei loro modi di fare di come essi si rendessero conto dell’estrema importanza del lavoro che svolgevano, del senso di costernazione e di pentimento per il danno da loro causato, e per l’amore ed il rispetto che avvolgeva il loro operato.  Dopo ennesime rinnovate scuse da parte dei dirigenti del terminal e da parte del loro assicuratore, e dopo aver essi saltato i pasti per guadagnare tempo, finalmente il lavoro fu completato e la nave partì in serata per altri porti e per le Americhe con il radar principale perfettamente funzionante e senza impedimenti burocratici o timbri di nessun genere.

In America lasciai la nave e ritornai al mio giornale ma, essendo diventato amico del capitano, andavo a fargli una visita di cortesia ogni volta che lui tornava con la sua nave approfittandone anche per sorseggiare un bicchierino con lui nel suo studio. A proposito di questo avvenimento del radar il capitano mi disse che per ben due viaggi, al ritorno ad Amburgo, i dirigenti del terminal gli chiesero come fosse andato il viaggio con il radar riparato e se riteneva che ci fosse stato bisogno di ulteriori riparazioni o messe a punto, rinnovando sempre le loro scuse. Questa è la Germania, mi disse il capitano,  estrema correttezza e massimo rispetto per l’altrui persona, umiltà senza paura di chiedere perdono o scusa quando involontariamente si arreca un danno a qualcuno, e pronti a riparare l’offesa.

Il capitano mi disse che questo stesso avvenimento si era ripetuto per ben due volte con un’altra antenna principale, quella della stazione radio, in due altri porti diversi della civilissima Europa ma fu semplicemente ignorato. Niente scuse, niente riparazioni, niente di niente, per cui il capitano dovette arrangiarsi ad effettuare le riparazioni coi propri mezzi e i propri soldi.

Fino all’ultima volta che ci siamo visti però non gli dissi mai chi veramente ero, un inviato speciale, quando ero passeggiero sulla sua nave, perchè sono sicuro che non avrebbe sopportato di sapere che il suo mondo ingenuo nel credere nella buona fede dell’interlocutore non esisteva più. Era un mondo già morto.

Questo ci insegna che se non impariamo a rispettare il prossimo, se non impariamo a non odiare e a non odiarci, e se non impariamo a cancellare le fonti dell’odio che sono principalmente la politica in radio, televisione, sui giornali, nei dibattiti televisivi, nelle scuole, dalle elementari all’università, senza amore, continueremo a declinare, assieme al resto dell’Europa, verso il baratro della distruzione, e dell’Europa rimarrà solo la Germania, non per suo merito, ma per nostro demerito.

Questa lezione ci insegna inoltre che i valori spirituali del rispetto, amore e capacità di chiedere scusa ripagando i danni o le offese provocati, sono di gran lunga superiori ai beni materiali ed economici prodotti dal progresso, perchè senza questi valori c’è solo il decadimento ed il regresso, che è quello che sta accadendo.

18 – AKHENATEN E I SEGRETI DELL’ANTICHITA’ – MESSAGGIO IN BOTTIGLIA

Posted in ASTROLOGIA, ASTRONOMIA, EVOLUZIONE, LEGGENDE, MISURA E GIUSTIZIA, RIFLESSIONI, SPIRITUALITA', STORIA, TUTTE LE CATEGORIE, VERITA' RISCOPERTA with tags , , on dicembre 6, 2010 by beautiful41

Questo è un messaggio in bottiglia che getto fra le onde dell’oceano della comunicazione di internet con la speranza della possibilità che un giorno questa bottiglia possa approdare sul lido o sull’orizzonte di anime che desiderano vedere con gli occhi della mente e capire con i loro cuori i segreti dell’anticghità.

Questa bottiglia la getto perchè vedo che le poche persone che avevano intravisto giusto in questi segreti dell’antichità sono purtroppo andate tutte all’altro mondo ed io prima o poi dovrò raggiungerle per porgergli i miei omaggi ed i miei sentimenti di ammirazione, e gli abracadabra dei moderni pensieri e pregiudizi hanno ormai preso il sopravvento e le sta ricacciando rapidamente nel mondo dell’oblio. Queste persone geniali erano:
– LIVIO CATULLO STECCHINI
– GIORGIO DE SANTILLANA
– HERTHA VON DECHEND.

Essi hanno capito che l’antichità si poteva interpretare solo se si prende in considerazione che questi remoti nostri antenati erano principalmente dei profondi conoscitori della GEOGRAFIA e dell’ASTRONOMIA. Per avere una conoscenza così perfetta sembra che fossero dei grandi navigatori. I tanti reperti e monumenti lasciati in eredità trovano una facile interpretazione e spiegazione solo se si considera questa più che perfetta conoscenza che iniziò a svanire già circa 5000 anni orsono e che includeva la conoscenza delle dimensioni del pianeta letteralmente al centimetro. Senza ciò considerare diventa tutto più difficile, inspiegabile e, per l’appunto, un abracadabra.

Come ciò sia stato possibile non è da me poter rispondere e resterà un interrogativo per forse ancora parecchio tempo. Ma le tante opere rimaste parlano da sole e testimoniano senza ombra di dubbio la veridicità di quanto affermato.

…….

ATTENZIONE!! – Il vero articolo su Akhenaten è il n. 15 – Akhenate, il Maat e l’Ordine Cosmico.

Questo è un articolo mal riuscito e chiedo scusa ai lettori.

…….

POST SCRIPTUM DEL 3 DICEMBRE 2014.

Da quando fu scritto questo articolo, molta acqua è passata sotto i ponti. I tre menzionati grandi studiosi, erano uomini del loro tempo, fermamente radicati nelle convinzioni scientifiche di base dei loro tempi. Pur avendo avuto il grande merito di essere stati i primi a sospettare che nell’antichità prima dei greci ci potesse essere un corpo di nozioni scientifiche talmente lontano che veniva ormai tramandato solo attraverso i miti e le testimonianze sparse di scrittura e di pittura che arricchiscono i musei del mondo, essi non potevano immaginare che le loro idee potessero essere concretizzate a livelli impensabili per i loro tempi ed anche per i tempi di oggi, con le scoperte fatte e descritte durante la stesura di questo blog in questi ultimi quattro anni.

Da una nuova concezione della Terra al centro dell’universo, a una nuova teoria della precessione degli equinozi, all’enunciazione dei sistemi di misura dell’antichità, alla scoperta che gli omphalos raffiguravano la corretta forma della Terra, all’errata concezione del ciclo sotiaco, a tanto altro descritto negli articoli di questo blog, si è dato inizio ad un cambiamento totale della storia dell’uomo e delle sue conquiste scientifiche che i lettori auspicabilmente potranno accettare dopo averle condivise ed assimilate.

…….

 

17 – LA BIBBIA, GLI EBREI ED I PREGIUDIZI MILLENARI

Posted in EVOLUZIONE, FOLLIE, PREGIUDIZI MILLENARI, PROPOSTE MILLENARIE, RELIGIONE, RIFLESSIONI, STORIA, TESTIMONIANZE, TUTTE LE CATEGORIE, VERITA' RISCOPERTA with tags , , , , , , , , , , , on dicembre 5, 2010 by beautiful41

Due bombe atomiche sono scoppiate!!!  Ma non lo sa quasi nessuno perchè buona parte dell’informazione  è asservita agli interessi religiosi ed istituzionali nel mondo della cultura, assieme ad altri interessi,  interessi che sono tanti e potentissimi e cercano di soffocare nel silenzio e nell’oblio  ciò che non vogliono che si sappia. Lo status quo ed i pregiudizi del passato sono comodi e confortevoli e fonti di preservazione dei tanti privilegi riservati al sapere tradizionale o “classico”. Le nuove idee portano scompiglio in questa ordinata, confortevole, comoda, vera ed eterna verità “paradigmatica”. Si sarebbe costretti a scusarsi per aver propagato il falso per migliaia di anni. Si Sarebbe costretti a pensare ed a riscrivere una nuova verità ed una nuova storia. E la verità fa male, come dice una popolare canzone. Fa male perchè le nuove idee sono sempre rivoluzionarie e vanno sempre a scardinare ed a distruggere i comodi e monotoni pregiudizi del passato.

Queste due bombe atomiche sono scoppiate recentemente entrambe ad opera di studiosi israeliani, il professor Ze’ev Harzog, archeologo, ed il professor Shlomo Sand, storico, entrambi aventi cattedre in università israeliane.

Il primo, a seguito di varie campagne di scavi archeologici in Israele, Palestina e zone contigue, assieme ad altri gruppi di studiosi, non avendo trovato alcunchè di rilievo fra i reperti rinvenuti in zone di primaria importanza biblica, è stato costretto a riconoscere la realtà ed a proclamare al mondo intero che le storie della Bibbia del Vecchio Testamento, dall’inizio e fino a dopo Salomone o all’esilio babilonese, sono solo delle invenzioni poichè non corroborate da rinvenimenti di reperti atti a suffragare la loro veridicità ed importanza. Quindi le storie di Abramo, Isacco, Giacobbe, Giuseppe, Mosè, Davide e Salomone, oltrechè della schiavitù e l’esodo dall’Egitto del popolo ebraico, non sono o non sarebbero avvenute. Coi tempi che corrono, bisogna togliersi il cappello e rendere omaggio e gli onori al coraggio di questo archeologo per studiare e raccontare la realtà come essa è, senza timore per le forti opposizioni culturali e politiche che queste scoperte comportano.

La seconda bomba atomica è scoppiata quando il professore di storia Shlomo Sand, a seguito di lunghe ricerche negli annali della storia del popolo ebraico, è arrivato alla conclusione che il moderno popolo ebraico non ha alcuna connessione storica con “la terra biblica dei loro padri”, che questa connessione è solo una invenzione del sionismo di un secolo fa per giustificare l’assegnazione di una terra ai professanti la religione ebraica, che la diaspora causata dai Romani nel 70 D.C. non è mai esistita perchè i Romani non hanno cacciato alcun ebreo dopo la conquista, che le popolazioni di religione ebraica sparse per il mondo avevano acquistato questo credo religioso per un iniziale proselitismo o conversione e per viaggi normali di commercio o altro, che i regni biblici di Davide e Salomone sono solo leggende,  che i veri ebrei odierni forse sono solo alcuni nativi palestinesi ora di religione musulmana, e tanto altro. Una vera bomba atomica. In pratica il professor Sand dice che gli israeliani di oggi non hanno alcun diritto storico sulla terra che occupano. Anche qui, e forse ancora di più, bisogna togliersi il cappello e rendere onore e omaggio al coraggio di questo professore per studiare e raccontare la realtà come essa è, senza paura dei fondamentali pregiudizi del suo stesso popolo. Vive congratulazioni!!! Abbiamo bisogno di uomini come voi su questo pianeta per il terzo millennio!!!!

In realtà queste due ultime bombe atomiche scoppiate sono solo le ultime, e le più forti, di una serie di bombe che erano cominciate a scoppiare dopo due grandi scoperte avvenute nel XIX° secolo, scoperte passate entrambe quasi sotto silenzio a causa della distorsione del pensiero e dei pregiudizi dell’uomo moderno, nonchè dei forti poteri precedentemente citati. Queste due grandi scoperte, fra le più grandi del secondo millennio, sono:
–  la decifrazione dei geroglifici egiziani antichi nel 1822, dopo una breve difficile ed eroica vita spesa tutta a tale scopo, da parte del grande Jean-François Champollion che forse sarà ricordato per le parole che gridava con gioia quando, dopo aver trovato l’ultima chiave per la completa e giusta decifrazione, correndo per strada dal fratello per annunciargli la notizia esclamava: “Je tiens l’affaire!!!” “Je tiens l’affaire!!!”.
– la decifrazione dei caratteri cuneiformi mesopotamici (sumerici, accadici, babilonesi, persiani antichi) nel 1857, a conclusione di una vita di studi e ricerche, da parte di un team di grandi appassionati e studiosi: gli inglesi Henry Rawlinson e Fox Talbot, il franco/tedesco Jules Oppert e l’irlandese Edward Hincks che agirono indipendentemente l’uno dall’altro.

Man mano che cominciarono a circolare le prime traduzioni di queste antichissime lingue morte, ci si cominciò a rendere conto che molte storie del Vecchio Testamento “risuscitavano” dalle traduzioni di queste antiche lingue, ma con nomi diversi. Forse la più clamorosa di queste storie è la storia di Noè e del Diluvio Universale che fu ritrovata, quasi intatta fra le tavolette di argilla della Mesopotamia narranti le gesta e le epopee di Gilgamesh e di Utnapishtin, risalenti ai tempi dei Sumeri allorchè erano già dei miti.

Cominciò ad apparire cioè che le molte storie del Vecchio Testamento, più che patrimonio del popolo ebraico, erano invece patrimonio dell’umanità intera, attraverso i vari popoli e nazioni dell’antichità ove queste storie si erano svolte. E più che un libro di religione, pertanto il Vecchio Testamento oggi, dopo le accennate rivelazioni, può essere considerato solo un libro di storia antica, ove per storia si intende storia ma anche favole, fiabe e favole-verità, date le tante manipolazioni, narrante le gesta ed i pensieri dei nostri antichi antenati i quali, essendo degli umani, ne hanno fatte e pensate di tutti i colori, dall’estrema criminalità e cattiveria  agli atti d’amore più sublimi, alle poesie più belle ed alla infinita saggezza.

Molte storie bibliche attribuite al popolo ebraico sono in realtà storie occorse nell’antico Egitto dal quale i compilatori del Vecchio Testamento hanno sempre cercato di prendere le distanze per rancori che si sono trascinati nei secoli e causati da estromissione di “egiziani” dall’Egitto stesso. Ma il fatto che, argomento poco o non divulgato, l’antica lingua scritta ebraica sia una copia pressocchè identica degli antichi geroglifici egiziani è forse la miglior prova di quanto asserito. Non ci si inventa una lingua dall’oggi al domani e normalmente si scrive nella lingua nella quale si è stati allevati ed istruiti.

Mosè è un nome egiziano e basta pensare ai tanti faraoni dai nomi terminanti con moses come Tuthmoses, Ahmoses, Ramses eccetera, dove la parola moses significa ragazzo o “figlio di”. Davide viene da Daud ove le consonanti inizialmente di “T”, da Toth o Tuth, antico dio egiziano della sapienza e della scrittura, sono state cambiate, magari inconsapevolmente, in “D”, come alcune persone da noi oggi ancora usano fare, come il nostro ex primo ministro De Mita che pronunciava tutte le T con delle D, mentre le vocali sia nei geroglifici e sia nell’ebraico antico non esistevano o non erano d’obbligo e quindi si adattavano secondo le circostanze della pronuncia.

I due professori citati quindi non hanno fatto altro che rendere esplicito e chiaro a tutto il mondo ciò che finora si mormorava solo nelle orecchie di poche persone per la paura di essere tacciati come “antisemiti”. Naturalmente questa nuova visione della realtà biblica è rivoluzionaria per diversi aspetti. Il primo è l’aggancio delle radici del cristianesimo, attraverso l’ebraismo, al mondo culturale dell’antico Egitto, cosa che le autorità ecclesiastiche hanno sempre cercato di evitare ritenendo quel mondo il mondo del paganesimo, non avendo mai preso in considerazione la possibilità che nel paganesimo vi fosse una immensa luce.

Venendo a cadere la storicità di Abramo e degli altri “patriarchi” viene a cadere la storicità del popolo eletto o “prescelto” da Dio. Al massimo questo credo può rientrare nell’essere classificato come pura fede personale che ciascun essere umano si porta dietro. Anch’io, pur non essendo ebreo, sò che il Signore mi aiuta e mi ha sempre aiutato ed ha sempre avuto un occhio su di me. Quindi anch’io sono prescelto al pari, penso, di tutti gli uomini di buona volontà, di qualsiasi nazionalità e religione. Questa storia di essere prescelti per diritto divino con inchiostro, penna e carta, e tanto di sigillo, da Dio è stata forse la più grande follia, fra quelle citate, degli ultimi 2000??? 3000??? anni. Ed il popolo ebreo, e non solo esso, liberandosi da questo pregiudizio, spezzerà le catene che lo hanno reso schiavo finora e sarà finalmente libero ed uguale a tutti gli altri cittadini del mondo, perchè sarà in condizione di separare l’appartenenza allo Stato dall’appartenenza alla Religione.

Vi sono altri aspetti di carattere politico e attuali nei quali però non entro non avendo la competenza necessaria e data l’estrema delicatezza dell’argomento. Il pensiero e le ricerche effettuate da questi due grandi professori sono noti a tutti gli ebrei di tutto il mondo e sono densi di significati e sta al popolo ebraico trarne le giuste conseguenze adottando le giuste decisioni con coraggio, del quale gli israeliani certamente non difettano.

.

16 – I PARADIGMI DELLA FOLLIA

Posted in ARMONIA, ATTUALITA', ECONOMIA E POLITICA, FOLLIE, MISURA E GIUSTIZIA, RIFLESSIONI, STORIA, TESTIMONIANZE, TUTTE LE CATEGORIE with tags , , , , , , on dicembre 4, 2010 by beautiful41

In un’intervista concessa al Times di Londra dopo il cataclisma del recente collasso finanziario principalmente dei paesi occidentali, Alan Greenspan, capo della banca centrale americana per circa 20 anni e fino a poco prima della crisi, ammise con riluttanza, a proposito della validità del potere auto-correttivo del libero mercato, che il loro errore è stato quello di  credere nella “razionalità” dell’uomo. Alan Greenspan fu nominato a capo della Federal Reserve americana, l’equivalente della nostra Banca d’Italia o, con l’euro, della Banca Centrale Europea, dal presidente Reagan, convinto assertore della “deregulation”, cioè di un mondo senza regole, in base ai principi di un capitalismo “puro” agente in una libera economia, senza intervento da parte delle istituzioni statali.

E quali sono questi principi del capitalismo “puro” alla base del “libero mercato” che ha causato questo pò pò di pandemonio??? Essi sono:
1) – Le istituzioni degli Stati e delle Nazioni si devono fare i fatti loro e non devono intervenire nelle faccende economiche dei cittadini. In pratica devono occuparsi solo dell’anagrafe, cioè redigere gli atti di nascita e di morte, magari aggiungendovi quelli di matrimonio, ma niente altro o quasi.
2) – Il progresso agisce secondo una linea retta ascendente, per cui domani sarà sempre meglio dell’oggi. Ciò giustifica di “finanziare” una qualsiasi impresa o attività con il 100%, o più, di debiti. Che è la crescita infinita.
3) – Il mercato, “libero” così da qualsiasi restrizione, è di per sè “razionale”, significando che esso autonomamente regola costi e prezzi sulla base della libera competizione.
4) – L’Uomo è sempre un essere “razionale” il quale, agendo in un sistema già di per sè “razionale”, rende l’intero sistema a prova di bomba, infallibile ed eterno.

Chiaramente Alan Greenspan ed i tantissimi come lui non hanno letto la storia di Giuseppe in Egitto o, se l’hanno letta, non hanno potuto discernerne i significati reconditi perchè resi ciechi dal pregiudizio moderno che vede nell’antichità solo dei trogloditi sognatori. Ed è una tristezza pensare che questi signori sono laureati in università prestigiose americane e che molti o alcuni di essi sono finanche stati insigniti di Premi Nobel. I quattro punti menzionati, la spina dorsale ed i pilastri sui quali è fondata l’economia attuale e moderna, sono dei falsi e semplicemente irrazionali anche per un bambino perchè il primo punto non tiene conto che le Nazioni hanno una costituzione dove si parla di cittadinanza, di lavoro, di diritti e di tanto altro di cui non si può non tenere conto.

Il secondo punto è pura follia perchè si scommette sulla certezza del futuro. Come dire che domani, o fra una settimana, o fra un mese, siamo sicuri che pioverà o che non pioverà, cosa notoriamente impossibile da prevedere nonostante gli sforzi dei meteorologi che a stento si raccapezzano per un giorno solo. E la follia è tanto più impervia e tracotante nel ritenere tale certezza del futuro come un continuo miglioramento.

Il terzo punto dell’autogestione di costi e prezzi in modo razionale in un libero mercato è, se non vogliamo usare la parola follia, semplicemente ridicolo. Basti pensare all’istantaneo cambio di mille lire per un euro deciso da tante persone di propria iniziativa in palese spregio di qualsiasi forma di “razionalità”, senza contare i tantissimi ingiustificati aumenti di tanti prodotti e servizi avulsi da qualsiasi idea di mercato.

Il quarto punto, che l’uomo sia sempre un essere razionale, è solo un sogno, sempre per non chiamarlo follia. Basti pensare all’esistenza dei tanti terroristi, per non parlare dei tanti ladri, ladroni, ladrini, corrotti, eccetera. Il fatto che la follia di tale punto sia stata confermata da Alan Greenspan ci conforta molto poichè esso, da solo, invalida l’intera impalcatura della giustezza e “razionalità” del libero mercato.

L’uomo occidentale moderno ha chiaramente perso il contatto con la realtà. Preso nelle sue teorie e montaggi cerebrali irrazionali di modernità ormai non stà più, come si dice, coi piedi per terra.  Ciò mi rammenta che molto tempo fa ebbi la fortuna di conoscere alcuni uomini, fra coloro che erano stati i fondatori del benessere, ora svanente, dell’Italia di oggi. Molti di essi avevano solo la quinta elementare ma conoscevano l’importanza dei numeri e della spiritualità. Ciò ne faceva degli uomini coi piedi per terra, attenti alla realtà, i padroni di loro stessi ed i signori del loro mondo. Essi inconsapevolmente erano dei “creatori”, nel senso rinascimentale del termine e nel senso dei remoti e antichi fondatori della civiltà umana. col “Maat” come loro Stella Polare. Ricordo uno di essi che portava nel taschino della giacca un’agendina sulla quale annotava i numeri economici della giornata. L’agendina era il suo segretario. il suo ragioniere e il suo computer, e con la sua quinta elementare aveva le idee chiare, idee che Alan Greenspan non immagina neanche, nonostante la sua laurea americana e le tante onoreficenze ricevute.

Visti pertanto gli incommensurabili danni prodotti a centinaia di milioni di persone ed a tante nazioni intere potremmo ritenere a ragione che se al posto di Alan Greenspan, e al posto di tanti come lui, l’Uomo avesse nominato delle persone di buona reputazione e con la quinta elementare, magari un contadino che conosce il valore del lavoro e della terra, o un marinaio di quelli che sulle navi da pesca di altura stanno mesi all’intemperia prima di rientrare, avremmo avuto un risultato senz’altro migliore, risparmiando finanche sui costi di istruzione. Al punto in cui siamo arrivati appare pertanto necessario una presa di coscienza generale ed una sterzata coraggiosa verso un mondo più equilibrato fatto di Giustizia, Amore, Misura e Libertà, una nuova concezione dell’umana convivenza che rinneghi tutti gli estremismi, i pregiudizi ed i folli paradigmi del passato e  dove l’Uomo, liberato dalle sue odierne schiavitù, possa ritornare ad essere il padrone di sè stesso ed il signore del suo mondo, e, eliminando tutti gli eccessi, il governatore degli opposti e dei contrari.