37 – I “CLANDESTINI” E L’ITALIA

Una barzelletta circola all’estero per lo più nei paesi anglofoni, da oltre quindici anni, riguardante i principali Paesi fondatori dell’Europa comunitaria. Il titolo della barzelletta è “INFERNO E PARADISO” o “HEAVEN AND HELL”. Cominciamo col Paradiso. Il PARADISO è un Paese dove i cuochi sono tutti francesi, i poliziotti sono tutti inglesi, i meccanici sono tutti tedeschi, gli amanti sono tutti italiani, ed il tutto è governato, diretto ed organizzato dagli svizzeri. Al contrario l’INFERNO è un Paese dove i cuochi sono tutti inglesi, i poliziotti sono tutti tedeschi, i meccanici sono tutti francesi, gli amanti sono tutti svizzeri, ed il tutto è governato, diretto ed organizzato dagli italiani. Si tratta di una barzelletta, ma certe volte la realtà supera la fantasia. E questo è il caso dei “clandestini”.

La convivenza internazionale negli ultimi 200 anni è stata largamente influenzata dalla Gran Bretagna che, dopo la sconfitta di Napoleone, divenne la padrona degli oceani e dei mari del mondo, dettando costumi, regole e leggi che poi furono adottate dalle altre nazioni rimaste, per forza di cose, più “provinciali”. Ancora oggi pressocchè tutti i contratti di trasporto, commercio, regole e leggi internazionali, ratificati in tante convenzioni e conferenze, provengono dal dominio dei mari della Gran Bretagna. Queste regole di convivenza internazionale sono improntate sempre allo spirito della “Liberty”, derivante dallo spirito della “Libertas” dell’antica Roma, alla base di quello che chiamiamo oggi il diritto alla “Privacy”, o riservatezza, o sfera intangibile di libertà personale nella propria casa o nella propria area.

Secondo questo principio ciascuno è Re nella propria casa. La condizione pacifica della Civiltà impone che quando si accede alla casa altrui bisogna prima bussare, poi identificarsi e poi, se si ottiene l’autorizzazione dal padrone o dalla padrona di casa, si accede alla casa. Questo principio implica il rispetto sia della persona che vorrebbe entrare e sia del padrone o della padrona di casa.Questo principio basilare ed elementare dell’essere “animale”, cioè l’animale mammifero “uomo” al pari di tutti gli altri animali, lo si ritrova per esempio nei cani che difendono il loro “territorio” e non ha niente a che vedere con la proprietà della terra. Anche popoli, come gli indiani d’America, che consideravano la terra appartenente a tutti, difendevano però il loro territorio di abitazione o di caccia. Il concetto di “Nazione” moderna replica, amplificandolo, il concetto di “casa”.

Il “clandestino”, con l’avvento delle nazioni moderne, era considerato chi cercava di introdursi in un Paese senza avere le regolari autorizzazioni del Paese di provenienza e del Paese ospitante, e spesso senza avere documenti di identificazione. Il termine inglese di clandestino è “stowaway” perchè quando se ne trovava qualcuno già sulle navi a vela, secondo la parola stessa, lo si “stivava” da parte, lo si metteva a parte e non lo si faceva entrare nel Paese. Nessun Paese ha mai lasciato entrare un “clandestino” e molto spesso essi rimanevano a bordo delle navi per anni interi perchè erano rifiutati da tutti i paesi del mondo. Lo scrittore Joseph Conrad in un suo romanzo ci ha ben descritto come il capitano della nave, per ragioni umanitarie, nascose nella propria cabina uno “stowaway” che altrimenti sarebbe stato condannato ad essere ricacciato da tutti i Paesi.

Questo principio che il “clandestino” non può entrare in alcun Paese è anche sancito dalle leggi italiane. Tali leggi prevedevano, e forse prevedono ancora, una ammenda di 30 milioni di lire, quando c’era la lira, e 3 anni di carcere a carico del capitano di una nave mercantile che, proveniente dall’estero, arrivava con uno o più “clandestini” che fossero scappati durante la sosta della nave in porto. Questo perchè la nave è stata storicamente e tradizionalmente il mezzo normalmente usato dai “clandestini” dove essi più facilmente potevano accedere durante le soste nei porti nascondendosi in uno dei tanti luoghi occulti che una nave può offrire. Normalmente la nave tornava indietro per riconsegnare al Paese di partenza il “clandestino” se egli veniva scoperto entro mezza giornata di navigazione dalla partenza ma, passato tale periodo, egli rimaneva a bordo della nave con tutti i problemi che ciò comportava. Questo da un lato.

Dall’altro lato invece si è lasciato che centinaia di migliaia di “clandestini” entrassero nel Paese, via mare e via terra, con le modalità e storia che tutti conosciamo.

I “clandestini” o “stowaways” non hanno niente a che fare con gli immigrati o gli emigranti. Si tratta di cose completamente diverse. Per quanto riguarda l’Italia i milioni di emigranti che sono andati in tante parti del mondo erano tutti in possesso di documenti identificativi attestanti data e luogo di nascita, residenza in Italia, cittadinanza, autorizzazione del governo italiano ad emigrare ed autorizzazione del governo del Paese ospitante. A rendere queste operazioni di emigrazione ed immigrazione perfettamente legali vi erano su tutte le navi che trasportavano emigranti dei “Commissari Governativi”, cioè dei funzionari del governo, che in pratica erano garanti del governo del Paese di partenza al momento dell’arrivo della nave nel Paese ospitante, in tempi in cui, oltre alla posta inoltrata via mare, e che quindi impiegava mesi di viaggio, non vi erano altre forme di comunicazione. Il “Commissario Governativo”, pur non facente parte dell’equipaggio, ne era assimilato con un grado che veniva subito dopo quello del Comandante. Il “Commissario Governativo” non aveva compiti o mansioni, mangiava e beveva in prima classe coi passeggeri e participava alla vita sociale di bordo. Insomma doveva essere il sogno di tutti i funzionari ministeriali!!

I concetti esposti erano a conoscenza del Ministero della Marina Mercantile che era l’unica istituzione che conservasse per il nostro Paese una mentalità cosmopolita derivante dall’avere il Mare con le sue leggi e i suoi multiformi vincoli al centro della sua attenzione. Ma lo smantellamento di questo Ministero ha decretato l’abbandono del Mare e, nel generale declino, ha reso l’Italia incapace di rendersi conto, di affrontare e di governare il fenomeno “clandestini”.

Il termine “clandestino” o “clandestini” implica però il concetto di un piccolo numero di persone. Uno o pochi più di uno. Fermandoli dall’inizio forse non si sarebbe arrivati al punto in cui siamo oggi arrivati. Forse. Perchè da quell’inizio sono successe molte cose come la glòbalizzazione selvaggia, la caduta del muro di Berlino, le torri gemelle,la crisi economica planetaria, l’impoverimento generale, le convulsioni e restrizioni nei paesi dittatoriali, guerre, eccetera, per cui appare ora difficile parlare di “clandestini” quando ci si trova di fronte a milioni di persone che formano pertanto più un “esodo” o una “invasione” che una immigrazione di “clandestini” come viene impropriamente chiamata.

L’Italia, una volta tanto, è all’avanguardia di questo caos che riguarda tutto l’occidente, caos nel quale però tutti i paesi occidentali fanno i finti tonti, preferendo mettere la testa nella sabbia pur di non vedere, non parlare e non sentire. Insomma si tira a campare. Si parla tanto di sicurezza e poi si lasciano morire in mare migliaia di persone su tanti barconi capovolti o affondati perchè inadatti a fronteggiare il mare di altura. In questo caos la criminalità organizzata ha trovato oro colato perchè se da ogni “clandestino” intasca 1000 euro ciò è una loro fonte di arricchimento veramente spregevole. I “clandestini”, poi, che pagano 1000 euro, di povertà non hanno proprio niente e nei loro paesi vivrebbero da benestanti. In un futuro articolo cercherò di descrivere chi sono i veri “clandestini” poveri e bisognosi di soccorso.

Cosa fare????

A mali estremi estremi rimedi.

Il primo obiettivo dalla priorità assoluta dovrebbe essere di evitare che centinaia, che già dall’inizio sono ora varie migliaia, di persone, fra cui donne e bambini, muoiano in mare. O quelli “non contano”??? Come le vittime civili delle guerre??? Questo obiettivo si può raggiungere più facilmente ad una sola condizione, quella di richiedere al governo degli Stati Uniti l’immediata cessazione della copertura GPS per usi civili per tutto il Mar Mediterraneo, o Mediterraneo meridionale. Ciò significa togliere agli “scafisti” la direzione dove dirigersi e quindi la possibilità di effettuare il viaggio se non ad enormi rischi. Questo ad immediata o breve scadenza.

Il secondo obiettivo a breve-media scadenza dovrebbe essere quello di rafforzare i controlli di frontiera uscendo dal trattato Schengen che non ha mai funzionato come era nel suo spirito iniziale. Lo spirito del trattato Schengen era quello di copiare il sistema americano dove un visitatore proveniente dall’estero, nel primo porto o aereoporto di ingresso negli Stati Uniti, viene sottoposto a controlli, passati i quali riceve un “passo” di libera circolazione in tutti gli Stati degli Stati Uniti, ripetendo i controlli solo dall’ultimo porto o aereoporto prima di lasciare l’America. In America ha funzionato e funziona perchè c’è un solo governo federale ed i controlli sono effettuati da personale federale. In Europa non ha funzionato e non funziona perchè non esiste un governo federale ed ogni Paese applica il trattato con la propria testa. Una vera e propria barzelletta.

Questo stesso secondo obiettivo dovrebbe prevedere il raddoppio o triplicazione delle motovedette navali e dei mezzi per la nostra difesa e per i nostri controlli e non regalare questi mezzi ad altri paesi dimostrando di essere, oltre che nababbi con soldi da buttare, anche stupidi. Il compito delle motovedette dovrebbe essere quello di riaccompagnare al limite delle acque territoriali del paese di provenienza gli eventuali barconi che avessero sfidato la mancanza di copertura di GPS. Via terra fermare treni e autoveicoli alle frontieri e fare scendere subito chi non è in regola. Aprire tutti i contenitori alle frontiere e controllarne il contenuto. Tutto ciò naturalmente significa rallentare l’economia ma è proprio quello che bisogna fare ed è il minore dei mali possibili. E’ stato per correre come dei folli dietro l’economia che l’occidente in genere, assieme a tanti paesi “poveri” dai quali provengono i “clandestini”, si trova in cattive acque.

Terzo ed ultimo obiettivo a medio-lungo termine, ma mica tanto lungo, diciamo dieci anni, dovrebbe essere quello di livellare tutti i paesi del mondo, o meglio quelli che accettano, gradualmente su uno stesso standard economico  in modo da avere un solo governo mondiale confederato con una sola moneta e le stesse regole. E’ l’unico modo per vivere nella pace e senza esodi o invasioni massicce. In parole povere la condivisione della Terra fra tutti i suoi abitanti. E si potrebbe cominciare a fare un referendum al riguardo perchè è chiaro che un tale progetto potrebbe avere una opposizione fortissima dei tanti privilegi che derivano enormi vantaggi dall’attuale condizione. In un tale ipotetico, ma possibile, mondo ciascuno preferirebbe vivere nel proprio paese. Per fare ciò c’è una sola strada, quella di ridurre gli eccessi e le abissali differenze

Naturalmente per i “profughi”, cioè persone in fuga per salvarsi la vita da regimi dittatoriali loro nemici, è teoricamente tutto un altro discorso, ma solo teoricamente, perchè in questo caos è illusorio se non impossibile distinguere fra clandestini e profughi ed il problema pertanto potrà solo essere risolto definitivamente col raggiungimento del terzo obiettivo esposto. E fin quando i governi e le loro economie continueranno invece ad andare nel senso opposto, cioè come sono sempre andate, facendo i finti tonti, questo caos di cui l’Italia è all’avanguardia non potrà non peggiorare fino ad arrivare ad una apocalisse.

L’alternativa a quanto esposto è lasciare entrare tutti, concedere l’asilo politico, o equivalente, a tutti, dare un nome, una cittadinanza e un luogo/data di nascita a chi non ce l’ha, affidare ogni nuovo arrivato ad una famiglia di volontari italiani per evitare che cadano immediatamente nel crimine, lasciar morire in mare gli sfortunati fra quelli che continueranno l’esodo, e lasciare che la criminalità continui a prosperare su questo indisturbato traffico. Questa alternativa a me non sembra molto sensata.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: