41 – UN CLANDESTINO VERO

Nacala. Mozambico. Una splendida baia dalle acque azzurrine e profonde accessibile dal più grande golfo di Fernao Veloso. Appena la nave, proveniente da Dar Es Salaam e Mombasa, oltrepassò lo stretto oltre il quale si apriva la baia di Nacala, il capitano comunicò al personale sulla prua di prepararsi per la manovra di ormeggio “appennellando” l’ancora di dritta. “Appennellare” l’ancora è un termine di gergo marinaresco entrato nella consuetudine, significando far fuoriuscire l’ancora dalla sua normale posizione di massima rientranza nell'”occhio di cubia”, abbassandola di alcuni metri sulla superficie del mare, in modo che da tale posizione si ha una maggiore certezza che l’ancora scenderà velocemente in mare quando si sarà arrivati sul “punto di fonda”.

L’ancora è connessa all’estremità di una catena lunga per lo più 12 “lunghezze” ove ciascuna “lunghezza” è di 27 metri. La totale lunghezza della catena quindi è di circa 324 metri. Questa catena dell’ancora è alloggiata sottocoperta in un apposito deposito che da essa prende il nome di “pozzo delle catene”. La catena quindi scorre attraverso la “cubia” vera e propria che è il foro in coperta sovrastante il “pozzo delle catene”, prima di passare poi per “l’occhio di cubia”, verso l’esterno- La “cubia è un foro circolare il cui diametro è commisurato al calibro o grandezza di ciascuna maglia di catena ma notevolmente maggiorato per permettere uno scorrimento senza impedimenti della catena.

“TOC”…”TOC”…”TOC”… Dalla plancia si iniziarono a sentire i normali rumori dei battiti che le singole maglie di catena facevano urtando contro la “cubia” mentre lentamente si procedeva ad “appennellare” l’ancora pochi metri più giù sulla superficie del mare. Pochi istanti dopo, dalla radiolina portatile nelle mani del capitano, la voce concitata del primo ufficiale sulla prua annunciava: “PONTE, PONTE, E’ SBUCATO UN CLANDESTINO DALLA CUBIA, CHIEDIAMO ISTRUZIONI!!” Incredibile!!

Il clandestino che si materializzò all’improvviso davanti agli occhi stupefatti del personale sulla prua, come un angelo o un fantasma o un extraterrestre, era estremamente magro, molto alto e vestito della sua sola pelle del colore del bronzo. La sua estrema magrezza gli aveva permesso l’incredibile impresa di calarsi nel pozzo delle catene attraverso il pochissimo spazio della cubia pur già occupato dalla catena, fuoriuscendone quando allarmato dalla catena che iniziava a salire. Il fatto di “appennellare” l’ancora lentamente, prima di dare fondo allorchè la catena scorre velocemente, gli aveva risparmiato la vita!!

Il capitano aveva poco tempo per decidere. Fra minuti la nave sarebbe stata ormeggiata e tutte le sutorità di polizia, dogana, portuali e sanitarie sarebbero state a bordo per il normale controllo di frontiera prima di dare il loro nulla osta alla libertà per la nave ed il suo equipaggio di operare. Nell’attesa di decidere egli fece però rinchiudere in una cabina vuota il clandestino informando l’equipaggio di mantenere la massima segretezza per questa scoperta dell’ultimo momento, comunicando al cuoco di rifocillare il clandestino adeguatamente.

Quando arriva in una nazione straniera il capitano di una nave è tenuto a dichiarare le anime e cose a bordo, incluso eventuali clandestini. Una volta però che il capitano dichiara la presenza del clandestino egli si espone ad una serie di responsabilità da cui non può più sottrarsi, e queste includono anche l’impossibilità di poter favorire l’ingresso del clandestino in una qualsiasi nazione dato che tutte le nazioni rifiutano i clandestini, specie se sprovvisti di documenti. Non solo, perchè se il clandestino dovesse scappare il capitano ne risponde in proprio con pene civili e penali.

Il capitano era un uomo dalla mentalità antica e semplice e la sua mente era allenata da una vita a stare sempre dalla parte della legalità perchè solo così egli poteva mantenere il suo ascendente sull’equipaggio che istintivamente rispetta sempre il suo comandante quando sa che egli è “pulito”, giusto e competente. Lo sviluppo degli avvenimenti che seguirono gli confermò questa sua fede nei detti principi. Nonostante ciò, però, il capitano, quasi a manifestare di volersi riservare per lui stesso l’ultima parola di volta in volta, amava mostrare ai visitatori una targhetta di bronzo affissa nel suo studio ove c’era scritto “THE OPINIONS EXPRESSED BY THE CAPTAIN OF THIS VESSEL ARE NOT NECESSARILY THOSE OF THE MANAGEMENT”.

L’ufficiale addetto ad espletare le formalità burocretiche con le autorità nei vari porti era l’ufficiale radiotelegrafista, figura ora scomparsa perchè sostituita dalle comunicazioni digitali computerizzate via satellite. “CAPITANO, CHE DOBBIAMO FARE, LO DICHIARIAMO O NON LO DICHIARIAMO??”. Il capitano però era un pò lento nel decidere. “DICHIARIAMOLO, MARCONI (così erano chiamati in gergo gli ufficiali radiotelegrafisti, o marconisti), MEGLIO ESSERE SEMPRE DALLA PARTE DELLA LEGALITA’ E FARE LE COSE IN CHIARO”. Mentre il Marconi prepara le carte in conseguenza di questa decisione, TUM…. TUM…. TUM…. TUM…., già si odono dal corridoio del ponte sottostante i passi delle autorità che sono salite a bordo e stanno sopraggiungendo nell’ufficio cosiddetto delle “conferenze” o “conference room”.

Come folgorato da una improvvisa nuova idea proveniente dall’anima, o forse dal cuore, o dalla mente, o da un’altra entità sconosciuta, il capitano, pochi secondi prima di trovarsi di fronte alle autorità e dar loro il benvenuto a bordo, all’improvviso annuncia. “MARCONI, CAMBIAMO TUTTO, NON LO DICHIARIAMO!!”. Il Marconi fece scomparire i fogli relativi e già pronti sul tavolo. Il capitano finalmente aveva tracciato la sua rotta e conosceva il suo, e non di altri, programma.

La nave era prevista operare continuamente, giorno e notte. Doveva scaricare una locomotiva proveniente dalla Germania e doveva caricare prodotti locali e del Malawi come fibre di sisal, noci di anacardio, tè, zucchero e cotone. Molti portuali erano a bordo per effettuare tali operazioni. Il piano del capitano era quello di far “scappare” il clandestino nottetempo. Prima di ciò e durante la giornata il clandestino fu però messo a nuovo, oltre che con abbondanza di cibo, con la fornitura di mutande, scarpe, calzini, pantaloni, camicia, maglioncino, giacca a vento con cappuccio, dato che si stava nella stagione delle piogge, un ombrello, un pò di viveri da viaggio e, con una colletta spontanea di tutto l’equipaggio, un gruzzoletto di dollari americani ed altre valute.

All’una di notte l’ufficiale di turno, ad un segnale del capitano, invitò tutti i portuali a prendere caffè e panini passando per il lato sinistro della nave mentre lui, il capitano, assieme al clandestino, passavano sull’altro lato diretti alla scala reale che conduceva a terra, verso la pioggia, la notte e la libertà. Si salutarono. Mentre il clandestino scendeva la scala con una tranquilla sicurezza e l’andatura nobile tipica degli africani, il capitano non potè fare a meno di notare come quest’uomo, coi suoi pantaloni scuri e un pò corti a causa dell’altezza del possessore, la mantellina rosso lucente, sembrasse un duca di Edimburgo, uomo e signore della Terra vagante nell’ignoto del Cosmo infinito. Buona fortuna, Uomo!!!

Annunci

Una Risposta to “41 – UN CLANDESTINO VERO”

  1. laurin42 Says:

    Un Capitano Vero…nel cuore e nello spirito, che è la stessa cosa!
    Questo vuol dire essere abitanti del Cosmo e riconoscere in ogni altro l’Anima Mundi!
    Che insegnamento!
    Con la tua solità abilità di comunicare che trascina il lettore fino in fondo e si dispiace che sia finito!
    A presto

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: