127 – IL CARRO DI HELIOS

…….

Il Carro di Helios

Queso affascinante racconto, con nascosto nelle pieghe delle sue parole un avvenimento naturale non ancora rivissuto dall’Uomo, fu narrato dai più grandi e antichi storici del classicismo greco, Esiodo ed Omero, contemporanei.

Il racconto narra che Fetonte era il figlio del Sole e chiese al padre Helios di poter guidare il suo carro celeste trainato da quattro focosi destrieri. Il padre Helios (il Sole) cercò di accontentarlo ed acconsentì dicendogli di condure però i cavalli con la massima attenzione e di fare in modo che le ruote del carro ripercorressero gli stessi solchi lasciati dal carro nei suoi precedenti giri. Ma Fetonte, giovane ed inesperto, non riuscì a controllare i cavalli che si lanciarono in un galoppo sfrenato inarrestabile, dirigendo il carro di Helios fuori dai solchi e verso l’ignoto, provocando una catastrofe.

Le stelle del Nord si scaldarono, il Drago si svegliò nel sudore, il Sahara diventò un deserto,gli oceani si prosciugarono, gli africani ebbero la pelle scura dal caldo, Fetonte vide lo Scorpione pronto a morderlo, quindi fu preso dal fuoco per cui intervenne Zeus che, per mettere fine a questo disastro, lo abbattè con la folgore e Fetonte precipitò nell’Eridano ove il suo corpo fu trovato ancora fumante dagli Argonauti che di lì passavano durante il viaggio con la nave Argo.

Questa storia è un consolidato mito del classicismo greco. Assieme a tantissimi altri “miti”, stupisce per la fertile fantasia di tanti autori greci che appaiono essere stati, oltre che particolarmente versati nel fabricare storie incredibili e favolose, anche intenti totalmente a questa loro unica attività di inventare storie fiabesche. E non si è mai considerato che invece queste storie fiabesche potessero essere storie di avvenimenti realmente accaduti.

E questo è il caso del Carro di Helios che, a ben guardare, è solo la descrizione e trascrizione perfetta di concreti fatti storici. Ciò è tanto più veritiero se si pensa che esiste una seconda e indipendente testimonianza, apparentemente misteriosa, data da Erodoto nelle sue “Storie” citando una informazione datagli dai sacerdoti egizi di Heliopolis, e cioè che durante l’immensa storia dell’Egitto antico il Sole per ben due volte “”sorse dove ora tramonta e tramontò dove adesso sorge””. Tale mutamento del moto del Sole, si premurarono di riferire i sacerdoti, non causò alcuna conseguenza catastrofica, né morti, perché la vita continuò a svolgersi normalmente.

Ciò che appare attraverso le parole di questa storia, come una figura che emerge dalla nebbia, è l’inversione delle polarità terrestri. La Terra roteò il suo asse, geografico e magnetico, di 180 gradi a causa di una, o più di una, fortissima scarica elettro-magnetica proveniente dal Sole che influenzò il campo magnetico terrestre invertendone le polarità. La Terra è un grande magnete ed ha le stesse proprietà di un qualsiasi magnte, come per esempio quelle dell’ago di una bussola magnetica che inverte le sue polarità, roteando di 180°, istantaneamente quando un fulmine meteorologico cade nelle vicinanze della bussola, come descritto all’articolo n. 34.

Ciò naturalmente non accade tutti i giorni ma accade periodicamente quando si verificano le condizioni di intensità e forze necessarie per questo avvenimento. Il magnetismo della Terra è alimentato e dovuto al magma di natura vulcanica al suo interno, Questo magma, per quanto fluido, è vincolato dalle dimensioni, strati diversi, e dalla crosta del pianeta stesso, per cui, quando riceve l’impulso al cambio delle polarità, trasmette questa necessità al pianeta intero il quale, libero di ruotare nello spazio vuoto cosmico, letteralmente si capovolge.

Il tempo occorrente per il capovolgimento della Terra non è precisato, ma, considerando che la distanza polo nord – polo sud è di 20.000 chilometri, si potrebbe ragionevomente ritenere che 4 ore possano essere sufficienti, con una velocità di rotazione di 5000 km/ora, per lo scambio delle polarità. Se ciò avvenisse di notte, andremmo a dormire con il Sole tramontato ad ovest e ci risveglieremmo con il Sole che sorgerebbe ancora ad ovest perché la Terra continua nella sua stessa rotazione, intorno al proprio asse anche da capovolta, e facendo tramontare il Sole ad est.

Il racconto del Carro di Helios sembra indicare che ci siano volute più di 4 ore e che l’avvenimento sia iniziato di giorno con il nord dell’asse terrestre che si inclinò progressivamente verso il Sole e verso sud, facendo soffermare il Sole, nelle vicinanze dello zenith, oltre le zone tropicali, nelle zone subtropicali, temperate, e nelle zone estreme boreali, ecco perché gli abitanti della Libia ebbero la pelle scurita, le zone deserte avanzarono, gli oceani si prosciugarono e le stelle del nord si scaldarono e il Drago “sudò”. Da considerare però che a quei tempi si intendeva per “Oceano” un fiume che circondava le estreme terre meridionali conosciute e non gli oceani di oggi.

Alla fine del capovolgimento il Sole sorgeva ad ovest e tramontava ad est definitivamente. Ma cambiarono le stelle. L’Uomo adesso era sovrastato dalle stelle dell’altro emisfero celeste. fisse ed immobili, della calotta celeste australe. Non sappiamo quale fu la nuova posizione di equilibrio della Terra dato che l’asse magnetico terrestre è “storto” e non diritto, ma il racconto di Fetonte sembra suggerire che, in sostituzione della stella Polare. o delle stelle circumpolari, adesso c’era la grossa stella australe ACHERNAR o una molto vicino ad essa, ad indicare il nuovo polo celeste.

ACHERNAR è la stella che marca l’estremità della costellazione ERIDANO, un fiume cosmico, ed il fiume cosmico per eccellenza è sempre stato, dalle più remote antichità, il Nilo o la sua trasposizione di Nilo del Cosmo che era la Via Lattea. Con il capovolgimento della Terra, cioè, Eridano fu identificata come il Nilo del Cosmo australe anche perché marcava la posizione del meridiano, o molto vicino al meridiano, come era il Nilo sulla Terra.

Finchè una nuova folgore, o forte scarica elettro-magnetica, causò il secondo capovolgimento della Terra nella sua posizione di equilibrio originale. La menzione dei due fiumi cosmici, Eridano ed il Nilo, le testimonianze indipendenti, greche ed egizie, del Carro di Helios e del mutamento della traiettoria del Sole, sembrano non lasciare dubbi sulla storicità di tale avvenimento e sulle origini egizie del “mito”.

La menzione degli Argonauti che trovarono il corpo di Fetonte ancora fumante durante il loro viaggio con Argo (articolo n. 101) inoltre lascia chiaramente intendere che l’inversione delle polarità terrestri avvenne durante quel periodo, il periodo di Eracle che, secondo Erodoto, visse 17.000 anni prima di Amasis, cioè circa 20.000 anni fa. Ed è possibile che la folgore che causò il capovolgimento della Terra fu la causa della distruzione di Atlantide, da cui gli Argonauti erano in fuga.

Non sappiamo inoltre se le “due volte” citate da Erodoto si riferiscano a due giorni consecutivi di un avvenimento occorso una sola volta, oppure si riferiscano a due diversi avvenimenti, magari intervallati da qualche migliaio di anni. Tutto quello che sappiamo è che un tale avvenimento si può ripetere in futuro durante le forti scariche elettro-magnetiche provenienti dal Sole. Un capovolgimento della Terra, però, in linea di massima, potrebbe solo rappresentare un diversivo tonificante.

4 Risposte to “127 – IL CARRO DI HELIOS”

  1. Proseguiamo ancora in questa rapida disamina e rimanendo sempre in politica, bisogna essere anche ciechi per non accorgersi che il motivo per il quale nei Paesi liberisti, principalmente Stati Uniti, Italia e Inghilterra, una cosmica quantità di ricchezza si è trasferita dalla maggioranza degli strati medio-bassi della popolazione ad una minoranza degli strati già ricchi, grazie alla libertà infinita di muovere i propri capitali dovunque ed al di fuori di qualsiasi controllo dell’economia. In questi Paesi ove la democrazia è basata su una contrapposizione bipolare sinistra-destra o democratici-repubblicani o laburisti-conservatori si evita accuratamente anche di menzionare la parola socialdemocrazia perché essa farebbe perdere la libertà di manovrare l’economia per i liberisti e la libertà delle statalizzazioni per le sinistre.

  2. (sost) ipotesi; deduzione. The old assumption that the Sun revolves around the Earth was proven wrong by Galileo (“La vecchia ipotesi secondo cui il sole ruotava intorno alla terra fu confutata da Galileo”) Non vuol dire: assunzione.

    • Egregio signore,
      lei dovrebbe prima di tutto imparare a leggere, poi dovrebbe imparare la storia e la geografia astronomica.
      L’articolo dice tutt’altra cosa rispetto a quanto da lei pensato e scritto.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: