Archive for the ATTUALITA’ Category

115 – 21 DICEMBRE 2012 – IL GRANDE RITORNO – INVITO GENERALE PER I CITTADINI DELLA TERRA

Posted in ARMONIA, ATTUALITA', ECONOMIA E POLITICA, PROPOSTE MILLENARIE, TUTTE LE CATEGORIE with tags , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , on dicembre 4, 2012 by beautiful41

…….

21 Dicembre 2012 – Il Grande Ritorno – Invito Generale per i Cittadini della Terra

Il prossimo 21 Dicembre è il giorno del Solstizio d’Inverno. Questo Solstizio non è un comune Solstizio come tutti gli altri; esso è davvero particolare, anzi, per meglio dire, speciale. E’ il Solstizio del Grande Ritorno, il momento ed il giorno in cui avrà inizio il Ritorno dell’Epoca d’Oro, quando le Anime dei Cittadini della Terra riscopriranno una antica verità, quella di concepire la Civiltà come il prodotto della fratellanza Universale.

Solo la fratellanza Universale può dare il giusto significato alle aspettative di dignità e di libertà che ciascun Cittadino della Terra acquisisce al momento della sua nascita. Molto tempo è passato da quando i Padri della Civiltà gettarono le basi per il progresso pacifico dell’Uomo con la sua anima e decretarono le condizioni per un suo sano sviluppo.

Queste condizioni erano semplici e sintetizzate dalle parole SOBRIETA’, AMORE e CONOSCENZA. Esse sono le condizioni immortali della Civiltà, inscindibili ciascuna dall’altra, le sole condizioni che possano permettere di concepire uno sviluppo armonioso dell’Uomo sul pianeta Terra, il suo pianeta, in un momento storico in cui egli ha improvvisamente scoperto di essere interconnesso con tutti i suoi abitanti e che può fare affidamento sulle risorse di questo unico e solo pianeta, la sua Grande Madre e la sua sola Casa sicura nell’Univweao e per il suo prevedibile futuro.

Molte profezie e molti studi hanno indicato l’importanza di questo anno 2012, e precisamente il 21 Dicembre, per l’occorrenza di avvenimenti determinanti per la vita dell’Uomo sulla Terra. Si è parlato di fine del mondo, di avvenimenti catastrofici e di rigenerazione dell’animo umano. Oltre alle tante speculazioni su questo argomento, noi non possiamo negare di essere ad un punto di svolta, e non perché ciò sia stato indicato dalle profezie, ma per gli avvenimenti occorsi recentemente intorno a noi e nei quali siamo immersi e coinvolti.

Il collasso delle ideologie tradizionali quali il liberismo dopo il comunismo, fondate entrambe su un comune materialismo, rivelatosi fallace e fonte di intollerabili disuguaglianze, ha privato l’Uomo della sua speranza nel futuro ed ha fatto svanire i valori tradizionali nei quali egli credeva. Come sentendosi improvvisamente nudo, senza protezioni e senza più niente che gli assicuri la dignità della sua stessa vita, l’Uomo  sta cercando disperatamente nel fondo della propria Anima le risposte di cui ha bisogno e con cui proteggersi.

Quasi come una conseguenza naturale dei problemi e delle false ideologie che l’Uomo ha incontrato sul proprio cammino e che lo hanno denudato al cospetto delle avversità, il compimento di questa ricerca di nuove risposte e di nuovi valori che lo possano appagare sta evidenziando sempre di più quanto essi siano le risposte ed i valori che egli aveva custodito inconsciamente in fondo alla propria animaa per millenni e che facevano parte della sua stessa umanità. Tali risposte e tali valori sono le antiche ed immortali condizioni della Civiltà, valide in ogni tempo e luogo, e impresse indelebilmente nella sua umanità di Uomo: SOBRIETA’, AMORE e CONOSCENZA.          

SOBRIETA’, AMORE e CONOSCENZA. Esse sono le risposte immortali ed infallibili che i Cittadini della Terra potranno indicare ai propri governanti in questo periodo cruciale che stiamo vivendo. I Cittadini della Terra di qualsiasi ceto sociale, lingua, cultura e religione, che sentono la necessità di realizzare una nuova più umana, più giusta e più naturale e pacifica convivenza civile planetaria, potranno esprimere questi nuovi sentimenti e aspirazionidi fratellanza con una manifestazione globale, in tutte le città della Terra, il prossimo 21 Dicembre di questo anno 2012.

I Cittadini della Terra sono i soli a poter decidere il proprio destino perché nessun governante ha le idee chiare su ciò che sta accadendo, ed essi sono resi ciechi dalla convinzione che ripristinando gli stessi privilegi del passato, ripristinando il sistema folle di una crescita materiale infinita, sia la sola cosa che si possa fare. Il 21 Dicembre 2012 invece i Cittadini della Terra potranno esprimere chiaramente una nuova concezione di Civiltà basata sulla sostenibilità delle risorse limitate della loro casa Terra.

Il 21 Dicembre 2012 pertanto potrà marcare l’inizio del Grande Ritorno, il ritorno di una nuova Epoca d’Oro, o una nuova Età dell’Oro,  ove l’Uomo, in tutti i continenti, possa riappropriarsi della sua dignità, riservatezza e libertà, ridefinendo  nelle Costituzioni delle Nazioni il concetto di Libertà significante che essa cessa quando inizia quella altrui. Ridefinendo il significato di Giustizia come abbattimento delle abissali disuguaglianze.

Ridefinendo il significato di competizione che potrà effettuarsi solo da una comune base di partenza. Abolendo i finanziamenti bancari ripristinando l’idea dimenticata del progresso basato sul risparmio di ciascuno. Disconoscendo, o ritirando il riconoscimento, di tutti i Paradisi Fiscali. Stabilendo che l’Economia e tutte le sue pertinenze dovrà essere “governata” dai governi e non potrà più essere statalizzata e né liberalizzata. Le dette ridefinizioni secondo quanto già espresso all’articolo 76 – Il Tradimento delle Costituzioni.

Nel trinomio Sobrietà, Amore e Conoscenza la parola Amore abbraccia un ampio spettro di significati, principalmente di Rispetto per tutti gli esseri umani nella loro sfera intangibile di riservatezza, rispetto per gli animali e per la natura in genere, ma anche Armonia, Onestà ed Integrità di propositi e sentimenti, Solidarietà e Condivisione,  mentre la parola Sobrietà include i significati di Misura, Equilibrio, Giustizia e Sostenibilità ove per sostenibilità si intende per esempio che non si potrà abbatere un albero prima che un altro albero sia cresciuto al suo posto.

I Cittadini della Terra che accetteranno l’invito a manifestare il 21 Dicembre dimostreranno quindi che i nuovi valori di Civiltà da essi indicati e condivisi saranno valori rivolti verso la qualità della vita invece della quantità di beni materiali e potranno così determinare uno sviluppo più lento ma sostenibile, più umano, pacifico e di lunga durata, evitando una nuova corsa sfrenata verso la catastrofe.

Benvenuti nel nuovo mondo della SOBRIETA’, AMORE E CONOSCENZA, S-A-C, che celebrerà il possibile Grande Ritorno della mtica Età dell’Oro, l’Età dei valori di Rispetto e Dignità dell’Anima, il prossimo 21 Dicembre, in tutte le città della Terra.

PASSA PAROLA SE VUOI

114 – LA MISURA DEL TEMPO

Posted in ASTRONOMIA, ATTUALITA', STORIA with tags , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , on novembre 15, 2012 by beautiful41

…….

La Misura del Tempo

Questa non è una favola-verità, ma è la verità di una favola affascinante creata dall’Uomo quando, innalzatosi con la sua Ragione al di sopra dei suoi amici animali, pose, nella notte dei tempi, le fondamenta della Civiltà, Civiltà che non sarebbe potuta esistere senza avere la capacità di misurare il tempo che passa. La favola affascinante è la favola della nascita e dello sviluppo del suo pensiero razionale intorno a riferimenti cosmici ed immortali, i soli in grado di assicurare un ancoraggio eterno ed indistruttibile.

La consapevolezza di essere un elemento dell’Universo e composto di tante particelle cosmiche fu la molla che spinse l’Uomo a cercare e trovare nel Cosmo le risposte alle sue tante fondamentali domande scaturenti dall’infinita bellezza e dalle tante meraviglie dell’Universo nel quale egli aveva avuto la fortuna di viverne e rappresentarne il pensiero.

Il Tempo, come l’Amore e l’Anima, è invisibile ed impalpabile, ma esso esiste e, come per altre meraviglie tangibili dell’umana avventura, ci dà la percezione della sua esistenza con i continui cambiamenti del mondo fisico che ci circonda, dall’inverdire o ingiallire delle foglie degli alberi, all’espressione sul volto di una Donna innammorata o alla comparsa delle sue avvenenti rughe, all’alternarsi dei giorni e delle notti con le infinite tonalità e intensità di colori e luce, al variare delle stagioni. Ma in sé il Tempo, proprio come l’Amore e l’Anima, oltre ad essere invisibile, è eterno ed indistruttibile e non ha mai fine.

Essendo legato all’esistenza dell’Universo, il Tempo, nella concezione degli arcaici fondatori della Civiltà, fu agganciato al Sole, il più importante astro del nostro Cosmo, la Stella imperitura ed indistruttibile che ci dà la vita attraverso il suo calore di cui non possiamo fare a meno. Il Sole quindi, col suo movimento apparente e rotatorio intorno alla Terra, diede origine alla misura del Tempo, non solamente dando all’Uomo la possibilità di contare i giorni, ma anche di misurarne le sue parti o intervalli minori introducendo il concetto di MISURA ANGOLARE del Tempo. Ed anche quando si usavano calendari lunari i suoi giorni erano sempre giorni di Sole, col Sole che ne definiva il Tempo attraverso la sua MISURA ANGOLARE.

Il Tempo diventò quindi una MISURA ANGOLARE e tale è rimasto attraverso i tanti millenni trascorsi e tale rimarrà per l’eternità. E finanche i nostri moderni orologi atomici, di cui la moderna scienza tanto si vanta, devono essere periodicamente tarati, controllati e corretti sul movimento del Sole, e non viceversa. Il passaggio del Sole in meridiano, cioè il mezzogiorno, era ed è il momento cruciale da dove inizia tale MISURA ANGOLARE del Tempo. Da tale istante inizia un nuovo giorno atronomico, allorchè l’angolo fra il meridiano ed il Sole è 0° o 360°-

 In tale istante il Sole, nel suo perenne cammino, inizia a far scorrere la MISURA ANGOLARE, 1°… 2°… 5°… 15°… 30°… fino a completare i 360° il prossimo mezzogiorno o passaggio in meridiano. Agganciando pertanto la Misura del Tempo al Sole ed al suo movimento angolare, gli arcaici fondatori di questo sistema resero possibile quantificare qualcosa che di per sé è indefinibile e sfuggente. La Misura del Tempo quindi fu, era ed è la misura di un angolo della sfera dell’Universo e riferito al Sole. Da tali angoli citati si produssero così 4 minuti… 8 minuti… 20 minuti… 1 ora… 2 ore… 24 ore.

L’uso di tali MISURE ANGOLARI permise pertanto agli arcaici di poter contare, oltre ai giorni, anni e milioni di anni, anche le ore, i minuti ed i secondi, come più dettagliatamente descritto all’articolo n. 23 — L’Origine della Misura. L’ultima testimonianza di una avanzata concezione del tempo agganciato alla misura angolare è rappresentata dal “congegno di Antikythera”, descritto all’articolo n. 51 – I Rinnegati del Terzo Millennio, che mostra uno o più quadranti graduati e relativi al movimento degli astri nel cielo. Il congegno di Antikythera è stato paragonato dagli studiosi, per la sua meccanica e precisione, al più avanzato orologio svizzero del XIX° secolo e fu ritrovato in una nave affondata nel 100 AC.

Ipparco inoltre ci ha tramandato la nozione dello spostamento degli equinozi di 50”, secondi di arco, annualmente, o di due gradi ogni 150 anni. Senza considerarne altre, risalenti all’arcaico passato, già solo queste testimonianze indicano che la MISURA ANGOLARE agganciata al Tempo era una consolidata millenaria conoscenza. Ma dall’epoca di Ipparco, che aveva avuto accesso, come tutti i Classici Greci, solo ai resti dei relitti della sapienza millenaria recuperati e conservati nella Bibliotwca di Alessandria d’Egitto, quasi fino ai 1700, circa 2000 anni, questa conoscenza del Tempo  quale MISURA ANGOLARE scomparve dalla mente dell’uomo relegandolo nell’ignoranza del glorioso passato.

L’oblio totale del passato e l’abbandono del cielo permise a Sant’Agostino di essere ricordato per confermare questa perduta conoscenza dicendo che egli sapeva cos’era il Tempo ma non era in grado di descriverlo!! Fino a che la nebbia dell’oblio gradualmente evaporò quando i Grandi Navigatori della storia si accorsero di non conoscere le dimensioni del pianeta e di non essere in grado di calcolare la longitudine, con la conseguenza di innumerevoli naufragi e perdite di uomini e flotte. Fu allora che si risuscitarono le conoscenze di Ipparco sulla Misura del Tempo quale MISURA ANGOLARE per il calcolo della longitudine col metodo delle distanza lunari (articolo n. 44), metodo che funzionò egregiamente fra il 1750 ed il 1850.

Il Sole quindi, Grande Signore della MISURA ANGOLARE e del Tempo, gradualmente riprese il posto che gli apparteneva nel consesso dei Sovrani dell’Universo, i Principi e Dei del Pensiero, che gettarono le basi della Civiltà.

Per circa un secolo, fra la metà dell’ottocento e la metà del novecento, e ancora oggi a scopi turistici, all’Osservatorio Astronomico di Greenwich, stabilito sede del meridiano Zero e quindi del Tempo di Riferimento Universale, ogni mezzogiorno (alle 13.00 per dare tempo agli astronomi di osservare il passaggio in meridiano) si segnalava tale istante cruciale del Sole, che, con l’introduzione del concetto di Sole medio e Tempo medio, marcava l’istante di 0° o 360° della MISURA ANGOLARE del Tempo, con la caduta di un pallone color arancione brillante, in modo che tutti e tutte le navi nelle vicinanze potessero risettare i propri orologi o cronometri e pertanto essere in grado di calcolare la longitudine. In alcuni periodi e varie località ciò avveniva anche con un colpo di cannone.

Ci si accorse così che la MISURA ANGOLARE del Tempo, basata sul Sole, era strettamente connessa alla determinazione della longitudine. Ciò a causa della sfericità e della rotazione della Terra che in un dato istante ha ore o tempi diversi a seconda della longitudine delle località considerate. L’epoca d’oro di questo risveglio dall’oblio millenario del cielo si ebbe durante il periodo della radiotelegrafia allorchè i segnali orario lanciati da Greenwich potevano raggiungere via radio tutti gli angoli della Terra rendendo possibile di risettare i cronometri, vitali per la cartografia e la navigazione, se si pensa che un minuto di tempo equivale, sullìequatore, ad una distanza in longitudine di 15 primi di arco o di 15 miglia o di 27.780 metri che possono fare la differenza, in determinate circostanze, fra la vita e la morte.

La MISURA ANGOLARE del Tempo, basata sul Sole, è immortale ed accompagnerà l’Uomo per tutto il tempo in cui la sua residenza sarà il pianeta Terra. Anche quando l’Uomo andrà su Marte, o su altri pianeti, o dovunque nell’Universo, egli vi andrà con la data, ore, minuti e secondi del Tempo Universale di Greenwich e riferito alla MISURA ANGOLARE del Tempo basato sul Sole, il Sole che i Padri della Civiltà innalzarono a Signore del Tempo per l’eternità.

113 – LA SUPERIORITA’ ARIANA E L’EURO-CENTRISMO

Posted in ATTUALITA', MISURA E GIUSTIZIA, STORIA with tags , , , , , , , , , , , , , on novembre 3, 2012 by beautiful41

…….

La Superiorità Ariana e l’Euro-centrismo.

La datazione dell’Origine della Civiltà.

La superiorità della razza ariana è tristemente nota per essere stata l’ideologia portante del nazismo e di Hitler. Anche se il nazismo e Hitler avevano interpretato in senso stretto il popolo di razza ariana come il popolo germanico, “superiore” a tutte le altre razze, il concetto di “popolo ariano” risale a prima del nazismo ed include tutti i popoli che vanno dall’India all’Europa intera, popolo che è stato classificato dagli antropologi per l’appunto come popolo indo-europeo.

La condanna del nazismo e dei suoi crimini, divulgata con tutti i mezzi possibili per tutto il pianeta, ha creato l’illusione e fatto credere all’umanità intera che questa ideologia razzista era una patologia mentale che apparteneva solo al nazismo ed Hitler e che pertanto, finita la guerra con la sconfitta del nazi-fascismo, questa patologia mentale fosse stata debellata per sempre.

Ma questa è solo l’apparenza. Questa “superiorità” viene da lontano e quella conosciuta è solo la punta di un immenso iceberg che interessa e si ripercuote nel presente e nel futuro di tutta l’umanità. La sua valenza pertanto è immensa perché concerne il “pensiero razionale”, la capacità di avere una giusta prospettiva della realtà e di ciò che è giusto e ciò che non è giusto.

Per quanto il nazismo sia stato condannato ampiamente a parole, Hitler, dall’al di là dove si trova, sarà sicuramente molto felice di sapere che le sue idee di superiorità della razza ariana sono state concretizzate, oltre ad ogni aspettativa, dopo la sua morte, in modo pacifico.

L’idea della “superiorità” ariana si era sviluppata in modo graduale a partire dal Rinascimento con le tante conquiste della conoscenza scaturite dalla lettura dei classici greci importati dagli arabi e tradotti in latino e che avevano acceso la miccia ad un progresso apparentemente illimitato del quale l’Europa ne era il centro promotore. La datazione del calendario che contava gli anni dall’anno zero di Cristo si saldava alla perfezione con gli scritti dei classici greci dando origine ad una concezione euro-centrica della Civiltà perché essa, questa Civiltà, era nata nella Grecia Classica e con Cristo.

Pur se questo sentimento di superiorità era allo stato latente nell’animo di molti europei, il punto di rottura, o di svolta, fu raggiunto in Inghilterra, ove paradossalmente erano iniziati gli studi sulla metrologia antica, dopo che lo studioso tedesco di classicismo greco August BOCKH pubblicò alla fine del XIX° secolo il risultato delle sue ricerche sulle unità di misure classiche greche attestanti che vi era nel mondo ellenico antico un singolo sistema di misure (metrologia) che era stato sviluppato in Egitto e consegnato ai Classici Greci come un lotto unico, o un solo blocco, e comprensivo delle unità di lunghezza, peso, volume e connesse con le misure angolari e del tempo. August BOCKH sosteneva inoltre che in questo sistema la cubatura dell’unità di lunghezza produceva l’unità di volume che, riempito con acqua dolce, produceva l’unità di peso.

Ma il troppo diventò troppo perchè questa era una idea che gli europei non potevano accettare a cuor leggero dato che l’accettazione di tale ricerca o scoperta avrebbe comportato il riconoscimento che il “pensiero razionale”, l’embodimento del significato di Civiltà, non era nato nella Grecia Classica, in territorio europeo, ma in tempi migliaia di anni prima dei Greci ed in Paesi stranieri totalmente extra europei ed extra ariani. Ed in che modo si poteva rifiutare una tale nuova prospettiva, poi suffragata da tanti rinvenimenti archeologici???

Lo si poteva fare in un solo modo, e cioè quello di rifiutare l’evidenza. Per rifiutare l’evidenza si cominciò ad attaccare il metodo attraverso il quale si era pervenuti alle citate indigeribili conclusioni, e cioè il metodo della filologia. In sintesi la filologia ha origini germaniche ed è lo studio sistematico, a tappeto, di tutti i possibili significati dei testi. parole o frasi, che si esaminano prima di poter arrivare ad una certa e sicura conclusione interpretativa finale.

Si cominciò pertanto a dire che questo metodo filologico era poco affidabile o errato e tipico della pedanteria perfezionista germanica. Un metodo cioè senza l’uso della fantasia o dei “lampi di genio”, e che solo un metodo “induttivo” e fantasioso, superiore e di stampo inglese, avrebbe permesso il raggiungimento di conclusioni veritiere. Da quell’epoca, fine ottocento o inizi del novecento, il pensiero scientifico dell’uomo, pur di non rinnegare la superiorità ariana, si rifugiò nella pura irrazionalità, si rifugiò cioè nella follia che continua ai giorni nostri, per esempio con l’economia ove la Germania non capisce e mai capirà l’utilità del vivere nei debiti anziché nel più corretto vivere senza debiti.

L’irrazionalità nata da questa contrapposizione fra il mondo accademico anglosassone e quello della Germania, fra un classicismo fantasioso ed un classicismo scientifico, ha contribuito pesantemente allo scoppio delle due terrificanti guerre mondiali. Naturalmente questa storia della perdita del pensiero razionale è molto complessa, lunga ed articolata ed in questo articolo vi si danno solo dei cenni per l’utilità e la curiosità dei lettori.    

E’ anche però una storia tristemente divertente nel constatare le enormi idiozie, i paradigmi più aberranti, le bufale colossali date come oro colato nelle università più prestigiose al mondo, dalle quali non possono non uscire che degli handicappati mentali o, come si dice oggi, dei diversamente abili della cognizione e ragione. Ecco perché nelle stesse università si insegna ai giovani che “i numeri dell’antichità non contano”.

E quando un famoso archeologo ebbe il compito di esaminare il regolo di un cubito, venuto fuori dagli scavi archeologici, sul cui retro vi erano delle iscrizioni dalle quali si deduceva che gli antichi egiziani conoscevano ed usavano la numerazione in gradi dei 360 gradi, fu subito scartata a priori la giusta interpretazione con le parole “Bisogna assolutamente escludere che gli antichi egizi conoscessero i gradi”. Come in questa storiella, si sono esclusi poi, a priori, o passati sotto silenzio, reperti, testi ed evidenze da cui  si potesse desumere l’origine della Civiltà in posti diversi da quelli della Grecia Classica.

Eppure, dalle più remote antichità è pervenuta una frase, citata e ripetuta su tantissimi e più disparati testi: “”METRA KAI STATHMA KAI NOMISMA”” (o NOMOS), riportata in latino come “”NUMERO, PONDERE ET MENSURA”” a significare l’importanza che gli arcaici, già migliaia di anni prima della Grecia Classica, attribuivano alla Misura  originata in Egitto, alla latitudine di 27° 45’ N, e che metteva l’Uomo in relazione con il Cosmo, con le dimensioni della Terra, con lo spazio e con il tempo, come descritto all’articolo n. 23 – L’Origine della Misura.

La datazione in cui originò questa Misura, diffusasi poi a tutti gli antichi popoli della Terra, si deduce facilmente dalla demarcazione dei primi confini dell’Egitto allorchè il confine meridionale fu stabilito alla latitudine del Tropico del Cancro di quei tempi, a 24° 00’ N, in corrispondenza del bordo superiore della prima cataratta del Nilo. Questa latitudine, ove il Sole raggiunge lo Zenith una volta all’anno, al solstizio d’estate, e che oggi è 23° 27’ N, rappresenta in pratica l’inclinazione dell’asse terrestre sull’eclittica.

La scienza moderna ritiene che l’asse terrestre subisce una variazione di questa inclinazione pari a 2°, due gradi, tra 22,5 e 24,5, ogni 41.000 anni, ed ora tale inclinazione è in fase discendente. Mezzo grado di variazione dell’inclinazione impiega pertanto circa 10.000 anni. Ciò significa che la Civiltà, con l’origine della Misura, nacque in Egitto circa 10.000 anni addietro o circa 8.000 anni AC, quando il Tropico del Cancro era, come detto, a 24° 00’ N, in corrispondenza del bordo superiore della prima cataratta del Nilo.  E ciò è nei limiti ragionevoli risultanti da tanti testi dell’antichità e da una cronologia non falsata né immensamente sottostimata per gli accennati motivi di “superiorptà” euro-centrica.

Mi fermo qui per non annoiare troppo i lettori ma sembra d’obbligo concludere dicendo che se non si trova il coraggio di riconoscere l’evidenza, e quindi il raziocinio e la ragione, in futuro ci aspettano disastri ben più gravi delle due guerre mondiali e della crisi economica.

109 – EVOLUZIONISMO E CIVILTA’ – UNA NUOVA TEORIA

Posted in ARMONIA, ATTUALITA', EVOLUZIONE, RIFLESSIONI, TUTTE LE CATEGORIE on settembre 28, 2012 by beautiful41

…….

Evoluzionismo e Civiltà – Una nuova Teoria

In America gli evoluzionisti sono contrapposti ai cosiddetti creazionisti su una base di parità. Circa il 50% contro l’altro 50%. Ed in Europa??? In Europa non si sa se vi siano e quante siano queste percentuali. E ciò sembra confermare l’idea che gli Americani hanno degli Europei. E cioè l’idea dei soldatini di piombo, pronti a marciare dovunque secondo le volontà dei vari “duci” o ducetti di turno o di chi è al governo.

E chi sono i “duci” o i “ducetti” di turno che manovrano i soldatini di piombo??? Recentemente questi signori si sono qualificati da soli nei componenti del Comitato cultura del Consiglio d’Europa che, quasi all’unanimità, con un solo voto contrario ed uno astenuto, con la Risoluzione n. 1580 del  4 Ottobre 2007, hanno condannanto e respinto la richiesta dei “creazionisti” di insegnare nelle scuole pubbliche europee la loro visione della nascita della vita.

Il Consiglio d’Europa ha impugnato in pieno le idee degli “evoluzionisti”, condivise dalla maggior parte della comunità scientifica, ritenendo la posizione dei “creazionisti” come non scientifica, basata su pregiudizi e non su “fatti”, non suffragata da pubblicazioni su riviste scientifiche e sottoposte a “peer reviewing”, eccetera. Il Consiglio d’Europa ha addirittura accusato i “creazionisti” di essere all’origine dei fondamentalismi religiosi favorendo l’instaurazione di pericolosi regimi di destra. E questo solo per accennare ad una infinita diatriba tra evoluzionisti e non evoluzionisti.

Appare però che le accuse degli evoluzionisti fatte ai creazionisti possano ricadere sulle loro stesse teste perché anche essi dimostrano di essere dei pericolosi fondamentalisti nel non concedere un minimo di dubbio su una questione così complessa e in pratica quasi del tutto sconosciuta. Chi di loro è vissuto un miliardo di anni per poter testimoniare sui “fatti” o le “evidenze” tanto strombazzate??? Nessuno. E i tanto strombazzati “peer reviewings” (l’accordo o meno di altri scienziati) sono semplicemente ridicoli dato che per il mantenimento di privilegi di casta si può escludere chiunque a proprio piacimento, e poichè il pensiero dell’uomo non è prerogativa solo di una casta ben rifocillata. La posizione assunta dal Consiglio d’Europa appare quindi degna della peggior tradizione fondamentalista di stampo hitleriano.

Questi due fronti contrapposti, dei quali quello dei creazionisti si è “evoluto” in una forma più sofisticata chiamata “Disegno Intelligente”, in tempi recenti hanno visto la comparsa di un terzo fronte che aspira a contendere l’importanza degli altri due se non addirittura a sostituirli, e che è stato chiamato “Devoluzione”, o “Devolution”. In sostanza e molto sinteticamente la “Devolution” accetta le idee degli evoluzionisti ma all’incontrario. Non è l’uomo ad essere disceso dalla scimmia o da forme meno evolute bensì è la scimmia ad essere discesa dall’uomo, regredendo da una forma più evoluta ad una meno evoluta.

Naturalmente gli strali della comunità scientifica, evoluzionista, si sono diretti a gran velocità contro i “devoluzionisti”, cercando di ammazzarli prima che possano svilupparsi. Ma le idee purtroppo non si possono imprigionare o eliminare perché esse sono pensiero ed il pensiero è immateriale ed immortale. Abbiamo pertanto tre gruppi di persone che si contendono l’evoluzione per modellarla secondo le proprie idee. Questi tre gruppi si guardano in cagnesco e sono pronti a farsi la guerra per il trionfo delle proprie concezioni, facendo sembrare il tutto, in questa storia dell’evoluzione, come un teatrino ove ciò che va in scena potrebbe rappresentare bene la comicità e la tragedia della stupidità umana.

Su questo palcoscenico del teatrino dell’evoluzione si affaccia, con questo articolo, un quarto fronte o un quarto contendente. Questo quarto contendente si chiama Amore e Conoscenza. Esso è sconosciuto agli due, più uno, consolidati contendenti, perché uno tiene conto solo di una genesi materiale radicata in un pensiero distorto economico ottocentesco che tanti danni ha causato, mentre l’altro tiene conto solo del pensiero metafisico a sfondo più o meno religioso.

Eppure, se guardiamo bene alla storia conosciuta, si delineano abbastanza bene le cause fondamentali che sono all’origine dello sviluppo della vita nell’Universo e che possono sfociare sia in un processo evolutivo di espansione, da uno stadio inferiore ad uno superiore, e sia in un processo regressivo, degenerativo, di contrazione passando da uno stadio superiore ad uno inferiore.Queste cause sono Amore e Conoscenza. Amore significa anche Rispetto ed Armonia, Equilibrio e Giustizia, mentre la Conoscenza delle arti e delle scienze permette quello che noi chiamiamo il progresso. In parole povere esse, assieme, sono le sole cause della Civiltà.

Questo processo fu interrotto nell’antico Egitto verso il VII* secolo AC con le conquiste persiane e babilonesi, proseguite fino ad Alessandro Magno. Quello che si salvò fu recuperato e registrato dai classici greci fino ad essere assorbito dall’impero Romano che, essendo una potenza conquistatrice basata sulla forza, non immaginava neanche che la vera Civiltà, duratura, potesse essere frutto di Amore e Conoscenza e dopo la sua caduta l’uomo europeo precipitò nel vuoto conoscitivo di entrambi. L’uomo europeo cioè si incamminò verso uno stadio regressivo scimmiesco dal quale fu salvato solo dagli scritti dei classici greci portati dalle conquiste arabe che permisero così il fiorire del Rinascimento.

Da allora le conquiste scientifiche vantate dal Consiglio d’Europa sono sempre state usate per la produzione e uso di armi destinate a diffondere l’odio ed i nazionalismi perché il pensiero razionale non ha mai voluto riconoscere l’esistrenza e l’importanza dell’Amore quale fattore determinante, assieme alla Conoscenza, per l’avanzamento sociale. E si pretende pertanto, come per il passato,di difendere i diritti umani e la democrazia continuando nella ricerca scientifica di valori materiali semza nulla sapere di Amore. Ma con tanti ordigni e tecnologie materiali e di guerra che questa scienza produce, i diritti umani di chi e la democrazia di chi il Consiglio d’Europa vorrebbe difendere e propagare???

I diritti e la democrazia dei sopravvisuti o di chi sopravviverà alle catastrofi planetarie volute da una Conoscenza senza Amore. E gli altri??? Ah, quelli “non contano” sembra suggerire il Consiglio d’Europa. La Conoscenza senza Amore, come illustrato nei precedenti articoli, produce solo la Barbarie, il predominio, la sopraffazione e la violenza che sono l’anticamera della regressione evolutiva e l’uomo potrà così regredire allo stato scimmiesco e poi, chissà!, ad altri stadi primordiali e quindi all’estinzione finale.

Il Consiglio d’Europa, invece di fare sfoggio di sciocche banalità, dovrebbe permettere il libero insegnamento ed il libero dibattito di idee in tutte le scuole pubbliche europee e dovrebbe alzare la voce non contro i creazionisti poveri di idee ma contro la ricerca, lo studio, la progettazione, costruzione e vendita di armi in tutto il mondo o, se proprio si vuole cedere ad una giusta prudenza, ciò consentendo per la sola difesa nazionale o europea.

Abbiamo visto, ed abbiamo testimonianze storiche certe, che quando scompaiono i maestri, i libri e le nozioni della conoscenza,  e quando scompaiomo i valori dell’amore universale, tramandatici con la “Confessione Negativa”, l’uomo rischia la regressione culturale ed evolutiva. Questa prospettiva di diventare scimmie è sempre dietro l’angolo quando si abbandona la Civiltà fatta di Amore e Conoscenza.

108 – LE IMPERITURE E INDISTRUTTIBILI – LE STELLE DELL’ANIMA

Posted in ARMONIA, ASTRONOMIA, ATTUALITA', EVOLUZIONE, SPIRITUALITA', STORIA, TUTTE LE CATEGORIE with tags , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , on agosto 18, 2012 by beautiful41

…….

Le Imperiture e Indistruttibili – Le Stelle dell’Anima

The Imperishable and Indestructible Stars

Questa è la descrizione del nostro viaggio nell’Universo, che prosegue immutato da millenni.

Questo mese di Cleopatra, con l’abbondanza di tante bellissime ed attraenti stelle cadenti che agitano l’immaginazione e l’anima, può essere definito il mese delle stelle. Il nuovo nome di Cleopatra dato a questo mese, in sostituzione di quello precedente che non pronunceremo più, si addice molto al generale contesto rappresentato da Cleopatra, Regina d’Egitto, amore e amante fatale di Giulio Cesare al quale la Regina tutto regalò e tutto diede in nome dell’Amore eterno e totale. Oltre a sé stessa, ricchezze, finanze, mezzi, uomini e navi dell’Egitto, Cleopatra regalò a Cesare ed a Roma le conoscenze astronomiche egiziane che permisero la riforma del calendario giuliano, oggi universale.

Oltre a quanto necessario per la riforma del calendario, Roma, presa dalle tante guerre imperiali, non ebbe mai la curiosità, la capacità, il tempo, la pazienza e la sapienza per capire ed interpretare le immense conoscenze astronomiche egiziane che andavano ben oltre il calendario e delle quali ai tempi di Cesare tanti brandelli erano ancora conservati e registrati nella antica famosa biblioteca di Alessandria d’Egitto.

Gradualmente la storia, le distruzioni e le sabbie seppellirono tutto, finché, dopo circa 2000 anni, Napoleone Bonaparte, con la sua spedizione in Egitto, inaugurò l’epoca moderna delle campagne archeologiche. Con la decifrazione dei geroglifici da parte di Jean François Champollion si aprì così la strada per la lettura e l’interpretazione di pressoché un infinito numero di reperti e scritti provenienti dalla notte dei tempi.

Per quanto la chiave di lettura dei geroglifici sia conosciuta, la loro interpretazione è ancora motivo di accalorati dibattiti fra gli studiosi. Non è come leggere i Promessi Sposi del Manzoni o finanche le opere di Platone. E forse è ancora lontano il giorno in cui potremo conoscere il vero significato di tante testimonianze venute fuori dalla sabbia. Possiamo forse dire che oggi abbiamo solo delle indicazioni di massima o generiche sul loro significato.

In aggiunta a ciò bisogna anche dire che gli arcaici esprimevano il loro pensiero, in special modo se trattavasi di pensiero scientifico, in modo diverso da come facciamo noi oggi o come usavano fare gli stessi classici greci. Essi usavano una maniera di esprimersi apparentemente “criptica”, sintetizzata da uno o pochi numeri, da disegni pittorici allegorici indicanti una intera dissertazione, ed in modo simile con le parole. Di ciò ci sono molte prove e testimonianza. L’impressione generale che se ne ricava è che essi volessero parlare alle menti dell’uomo molto di più che alle loro orecchie.

Questa incertezza ha fatto sì che tutti o quasi tutti gli scritti egizi ritrovati siano stati catalogati o classificati come “Formule magiche funerarie”. Ma se escludiamo che gli antichi egiziani passassero il loro tempo a comporre “formule magiche funerarie” forse potremo individuare il linguaggio scientifico e razionale sottostante ad essi.

Fra gli altri, questo sembra il caso delle Stelle Imperiture e Stelle Indistruttibili citate tante volte nei “Testi delle Piramidi”, gli scritti più antichi al mondo, narranti il viaggio delle anime dei Faraoni verso una nuova vita. Alcuni studiosi dicono che tutte, o quasi tutte, le tante citazioni astronomiche riportate sui Testi delle Piramidi sembrano essere state estrapolate in blocco da un corpo di conoscenze già belle e pronte, presumibilmente appartenente ad una scienza astronomica già formata, di cui però nessuno sa dare una datazione affidabile, e qui andiamo pertanto veramente nella notte dei tempi, molte migliaia di anni prima di Cristo o, per questo, prima della costruzione delle piramidi.

Le stelle Imperiture ed Indistruttibili sono chiaramente indicate su questi Testi come le stelle della costellazione di Orione, di Sirio come guida per raggiungerle, e delle stelle circumpolari, queste ultime cioè situate intorno al polo nord dell’asse del mondo. Ci troviamo quindi in presenza di due zone del cosmo, o sfera celeste o cielo, ben delimitate e specificate, piccole e circoscritte. Ed è sintomatico che la parte di Cosmo di Sirio ed Orione sia rappresentata dalle due più importanti figure della civiltà egiziana: Iside ed Osiride.

Sulla base di quanto descritto all’articolo “61 – Precessione degli Equinozi – Una nuova spiegazione” la Terra, assieme a tutto il sistema solare, viaggia alla velocità di circa 800.000 km/h, o 220 km al secondo, verso la direzione di Sirio, la stella più bella e lucente del cielo, la stella di Natale e la stella del Nilo. Questa direzione  del nostro viaggio cosmico è riferita a Sirio perché Sirio è la stella più lucente e visibile del cielo stellato, ma la vera destinazione o direzione del nostro viaggio potrebbe essere la vicina stella della costellazione di Orione, e cioè Rigel, il piede di Orione o il piede di Osiride, citato molte volte sugli stessi Testi.

Volendo paragonare questo viaggio cosmico a quello con il treno da Milano a Roma è un po’ come dire che andiamo a Roma (Sirio) ma scendiamo a Roma Tiburtina (Orione o Rigel). Rigel, come Sirio, è una stella australe, è la più lucente stella della costellazione di Orione e sorge o passa in meridiano circa 100 minuti prima di Sirio.

Attribuire al caso o alla coincidenza la menzione continua e ripetuta di solo queste stelle o gruppi di stelle di due piccole parti di Cosmo, fra tante stelle e costellazioni della vasta sfera dell’Universo, sembra molto poco sensato, trattandosi qui di centinaia di citazioni. Se pertanto escludiamo il caso o la coincidenza o la semplice simpatia per queste stelle, resta una sola risposta. Le stelle di Orione, assieme a Sirio come guida, marcando la direzione del nostro viaggio esistenziale, assieme a tutto il sistema solare, indicano l’importanza che esse hanno per l’uomo, quali mete del suo viaggio, rispetto ad altre stelle, unitamente alle stelle circumpolari che, determinando l’asse  del mondo e l’inclinazione dell’asse terrestre sull’eclittica, indicano la fonte primaria dell’astronomia e la causa origine della vita sulla Terra.

Il viaggio delle anime dei Faraoni verso Sirio ed Orione era un viaggio che essi compivano da vivi, come anime viventi e come ancora noi oggi, ed esse proseguivano nello stesso viaggio dopo la morte. Queste anime si servivano anche della barca di Ra, il Sole, perchè il Sole è il conducente principale del sistema solare verso le stelle di Orione, le imperiture, imperiture perché esse sono sempre allo stesso posto da milioni di anni. I Testi delle Piramidi ci raccontano quindi del viaggio meraviglioso dell’uomo verso i confini della conoscenza, ai loro tempi ed ancora oggi.

Questo viaggio meraviglioso delle anime viventi di ieri e di oggi proseguiva nel Cosmo dopo la morte con l’attraversamento del Nilo del Cosmo, la Via Lattea, il “fiume ondulante” cosmico, con l’ausilio delle barche traghettatrici tante volte menzionate nei Testi, al fine di raggiungere l’altra riva del Nilo, o della Via Lattea, la riva orientale, per la resurrezione a nuova vita, la vita cosmica rigeneratrice, dove le anime diventavano stelle, stelle bellissime che, alimentate dalla scintilla dell’Amore Cosmico, davano inizio ad una nuova vita.

La domanda che sorge spontanea è: sapevano questi arcaici egiziani che la Terra, trascinata dal Sole, la nostra stella, ed assieme a tutto il sistema solare, viaggia nel Cosmo alla velocità di 800.000 km/ora verso Sirio ed Orione??? Tutto sembra indicare che essi sapevano, non potendo trovare un’altra spiegazione logica alla chiara manifestazione di tanta sapienza astronomica e riscoperta solo in parte dalla moderna scienza appena qualche anno addietro.

Nel frattempo, anche se noi non ce ne accorgiamo, il viaggio meraviglioso ed evolutivo delle nostre anime continua al presente verso Sirio ed Orione alla velocità di 800.000 chilometri all’ora avendo la Dea dell’Amore, Iside, come Guida chiara e lucente, affinché le anime dell’uomo possano riconoscere il messaggio tante volte trasmessoci e ripetuto che la Civiltà è fatta di Amore e Conoscenza, da sempre e per sempre.

…….

Questo articolo è dedicato a Cleopatra, Regina d’Egitto, ed a una Stella Imperitura.

Vedi anche N. 36 – Augusto e il nuovo mese di Cleopatra

BLOG AFFIDABILE – Oscar Millenario

Posted in ARMONIA, ATTUALITA', L'UOMO NEL COSMO, TESTIMONIANZE, TUTTE LE CATEGORIE with tags , , , on agosto 5, 2012 by beautiful41

blog_affidabile

…….

Blog Affidabile

Oscar Millenario di Affidabilità

…….

Questo sito, o blog, ha ricevuto il PREMIO DI AFFIDABILITA’ (per “IL BLOG AFFIDABILE”) dal sito di LAURIN42 con la motivazione “L’umanità di oggi vista con una profonda conoscenza della saggezza antica”.

Nel ringraziare LAURIN42 per il Premio elargitomi e per il suo tanto apprezzamento per quanto scritto e per il lavoro effettuato in questi  ultimi due anni colgo l’occasione per ringraziare infinitamente la stessa LAURIN42 per aver supportato ed incoraggiato la continuazione e lo sviluppo di questo blog con i suol puntuali commenti senza di che il blog avrebbe cessato di esistere da lungo tempo. Un narratore di fiabe-verità deve avere per lo meno un ascoltatore, se no che narratore è??

In realtà le narrazioni su questo blog sono opera dello spirito santo perché non erano premeditate e solo quando gli articoli sono stati impostati si è formato un filo magico conduttore nato da tante passate letture di storia antica, dalle passate esperienze e dalla familiarità con il cielo e gli astri in genere.

Il Premio di Affidabilità è nato da una idea, sicuramente encomiabile, scaturita dal sito “//www.GLIAFFIDABILI.IT/A/ALTRO/IL-PREMIO-IL-BLOG-AFFIDABILE” descritta nello stesso sito. Le regole del Premio prevedono che ogni premiato debba nominare altri cinque blog meritevoli. Dato il grande numero di anime valorose intorno a noi non è facile decidere quali sono i cinque più bravi ancora non premiati per cui mi riservo di procedere a tali nomine, o “nominations”, appena possibile.

Il titolo di Oscar Millenario è una mia invenzione dato che il blog, trattando spesso di storie avvenute molti millenni addietro, vi si addice particolarmente. Inoltre la parola Oscar mi piace molto perchè mi dà l’illusione di essere un Clark Gable (quello di “Via col Vento”) che, con la statuetta dell’Oscar fra le mani, ha pronunciato il discorso di ringraziamento che avete appena letto.

…..Si sente in lontananza un’ovazione ed uno scroscio di applausi…..

….e campane suonare a festa…..

…….

—  NOMINATIONS —

CITO QUI – SECONDO LE REGOLE – I MIEI CINQUE MERITEVOLI:

“Dichiaro che i blog seguenti da me scelti rispettano le 5 regole del premio “Il Blog Affidabile” disponibili a queste pagine:””//www.gliaffidabili.it/a/altro/il-premio-il-blog-affidabile””

Sono pertanto una risorsa utile per gli utenti della Rete e meritevoli di essere conosciuti da un pubblico più ampio”.

HTTP://MARTEAU7927.WORDPRESS.COM/– Motivazione: Ogni espressione o comunicazione dell’uomo può essere arte e richiamare o rifarsi ad altre espressioni artistiche. Fare cultura è creare interesse alla ricerca delle espressioni artistiche passate e contemporanee, spaziando tra autori ed argomenti italiani e stranieri. E’ la scelta che conta.

HTTP://PRIMAEPOI.WORDPRESS.COM/– Motivazione: Attraverso foto di grande qualità accompagnate da vivaci commenti e da poesie e brani d’autore rivela la personale visione della realtà e induce alla riflessione e alla ricerca di altri modi di interpretazione.

HTTP://VONGOLEMERLUZZI.WORDPRESS:COM/– Motivazione: Sei una vongola attaccata agli scogli delle sue idee, che non cambia mai o sei un merluzzo che ha voglia di sfidare il mare aperto? Questo blog ha un unico obiettivo: solcare le acque aperte della quotidianità, ridando valore e vigore alla parola, oggi troppo sfruttata, ostentata, maltrattata.

HTTP://UNASTELLAPERAMICA.WORDPRESS.COM/– Motivazione: Alzare gli occhi al cielo può cambiare la vita. Guardando il cielo puoi capire che cosa meravigliosa sia la vita. I problemi spesso ci pigiano con forza la testa verso la terra, alzare gli occhi per guardare una stella può essere l’inizio di un nuovo meraviglioso viaggio.

HTTP://LOSPIRITODELTEMPO.WORDPRESS.COM/– Motivazione: La scienza e la tecnologia per un mondo migliore ed a misura d’uomo. Scoperte, iniziative, ricerche, personaggi che contribuiscono e che spesso non vengono pubblicizzate dai canali ufficiali. 

Auguri e Buona Fortuna!!

P.S. – Allo Spirito del Tempo non sono riuscito ad inviare un commento o comunicazione della ricevuta nomination.

107 – IL SALVATAGGIO DEL TERZO MILLENNIO

Posted in ARMONIA, ATTUALITA', ECONOMIA E POLITICA, EVOLUZIONE, TUTTE LE CATEGORIE with tags , , , , , , , , , , , , , , , , , , , on luglio 18, 2012 by beautiful41

…….

Il Salvataggio del Terzo Millennio

Una nave è affondata e sta precipitando negli abissi. A bordo c’erano molte cose e persone. Coloro che sono riusciti a trovare un posto su una scialuppa di salvataggio e coloro che si sono gettati in mare sono i supestiti, i sopravvissuti all’affondamento della nave “OCCIDENTE” avvenuto in seguito all’impatto delle idee insane di rapidi arricchimenti del capitalismo della follia contro la dura rocciosa realtà evolutiva.

L’impatto e l’affondamento sono avvenuti  da circa quattro anni ed è da quel tempo che i sopravvissuti aspettano, nelle acque gelide della disperazione e dell’incertezza, di essere recuperati e salvati e condotti verso una nuova esistenza.  Essi aspettano di vivere, o di lentamente morire. Essi aspettano anche una presa di coscienza ed un perdono per le follie dell’uomo che forse non arriveranno mai.

La nave è affondata ma i responsabili delle Nazioni, che sarebbe più esatto definire irresponsabili, fanno finta di non saperlo, essi cioè fanno finta di credere che la stessa nave prima o poi riemergerà per opera dello spirito santo ritornando a condurli verso una nuova crescita. Essi rimangono pervicacemente inchiodati alle loro errate e consolidate dottrine di contrapposizione ideologica, a destra ed a sinistra dello scacchiere politico, incapaci a mettere in moto i loro cervelli per la paura di intaccare i tanti privilegi di cui essi godono assieme ai tanti concatenati privileggi dei loro protetti e affiliati, istituzionali e di sistema.

Ma la nave è affondata e non riemergerà per nessun miracolo.  Le montagne di debiti accumulati per le folli idee del progresso lineare sono ormai impagabili, nonostante che vi si giri continuamente intorno come una trottola nell’illusione di vanificarli. Una lenta morte per ipotermia, disidratazione e generale indebolimento aspetta pertanto  i sopravvissuti alla catastrofe rimasti a galleggiare immobili sul mare del divenire sotto le stelle, le sole a testimoniare la bellezza, le meraviglie e l’Armonia dell’Universo.

Quasi ad evocare o ad esorcizzare l’Armonia dell’Universo, di cui l’uomo è parte integrante,  anche se il pensiero scientifico e quello degli economisti non lo vuole riconoscere, sta per sopraggiungere un insperato soccorso. Una grande nave denominata “ARMONIA” si è mossa da lontano e sta solcando gli oceani del divenire alla sua massima velocità per portare in salvo le anime dei naufraghi sopravvissuti nel limbo di un’attesa senza fine.

La notte stellata all’improvviso si illumina in maniera abbagliante, come se le testimoni delle meraviglie dell’Universo avessero deciso di scendere dal cielo per raggrupparsi tutte allo stesso posto per portare la loro Luce sulla scena dei naufraghi attoniti ed increduli alla loro visione. E’ l’”ARMONIA” che, fermati i motori, ha acceso tutte le sue sfavillanti luci e proiettori esterni per dare inizio alla più grande operazione di salvataggio della storia dell’uomo: il Salvataggio dell’Umanità del Terzo Millennio.

L’ARMONIA, imbarcati tutti i naufraghi, inizia così il suo viaggio verso il mondo dell’Armonia mentre i naufraghi vengono informati sulle nuove regole che governeranno le loro esistenze in questo nuovo Regno dell’Armonia. La prima cosa da fare è quella di spazzare via la partitocrazia, i partiti politici, che tante frottole hanno raccontato e tanti danni perpetrati negli ultimi 70 anni. Questo primo obiettivo viene raggiunto facilmente alle elezioni, qualsiasi elezione istituzionale, dando il voto  ai cittadini di nostra conoscenza che secondo noi sono degni di stima, fiducia e ammirazione.

Con questo nuovo sistema elettorale i cittadini divengono istantaneamente i padroni del loro destino con la loro volontà anziché quella di altri. Per esempio si voterà indicando la persona preferita come “il panettiere di via Dante”, “il gestore del ristorante Zia Maria”, “la fioraia di piazza Duomo”, “La professoressa di storia del liceo X”,  oppure “Nome Cognome via e n. di residenza” o con qualsiasi altra chiara identificazione. Tutti noi conosciamo persone semplici che stimiamo per la loro onestà, valore e bellezza d’anima.

La crocetta sul simbolo o sul nome da votare fu istituita quando i cittadini erano analfabeti e quindi dovevano essere “guidati” verso un destino che essi non vedevano. Adesso sappiamo leggere e scrivere e possiamo quindi essere noi i responsabili del nostro destino decidendo noi dove dirigere il carro delle nostre esistenze dando il voto a chunque vogliamo senza che ciò ci venga indicato da questo o quel partito.

 I destinatari menzionati con questo sistema di voto naturalmente non sapranno e non immagineranno di essere stati oggetto di voto. Questo semplice fatto spazzerà via elegantemente e per sempre i poteri di arroganza e malaffare della partitocrazia assieme alla ragione della loro stessa esistenza. Niente più, pertanto, l’enorma “business” della compravendita di voti, uomini, cariche e parlamenti interi che hanno reso la democrazia sinonimo di mafie, ladrocinii e privilegi inammissibili.

E non vinceranno più le “maggioranze” ma il cittadino che avrà raggranellato più voti di tutti. Questa grande rivoluzione possono fare i Cittadini della Terra con la massima semplicità, facilità ed in silenzio per dare una svolta millenaria ai valori e concezioni di esistenza disperatamente richiesti ma che finora nessuno ha espresso né indicato.

Naturalmente le leggi e regole dell’Armonia prevedono altri importanti e fondamentali requisiti che qui, per stringere al massimo l’articolo, si accennano e sintetizzano solo. Abolizione della Costituzione e di tutte le leggi esistenti e riscrittura di una nuova Costituzione. Gli eletti al Governo saranno un Presidente della Nazione e 12 deputati e senatori, o Consiglieri, in carica per un anno e senza paga e retribuiti solo dall’onore, onestà, rispetto, autorevolezza, fiducia, carisma. Essi non potranno essere ricchi e la massima ricchezza concessa ad essi per accedere alle dette cariche sarà la casa di proprietà e centomila euro in banca.

Il massimo divario di paghe consentito sarà inizialmente di 1 a 8, cioè se si parte da uno stipendio minimo di 500 euro, il massimo in assoluto sarò di 4000 euro, tutto compreso. I sindacati non concerteranno più niente perché il potere di stabilire costi prezzi e tariffe sarà del Governo in una visione armonica generale. Tutte le pubblicità televisive saranno abolite e permesse solo su carta stampata. Finanziamenti a partiti e giornali aboliti. Le emittenti televisive saranno ridotte ad un numero non superiore a quello della Germania o Francia, anzichè il doppio o triplo di adesso, e potranno trasmettere solo dalle 15 alle 22.

Il massimo aumento di arricchimento consentito sarà del 5% annuale, retroattivo fino agli ultimi 30 anni. Quirinale, Palazzo Chigi, Palazzo Madama, palazzi e palazzetti e ville prestigiosi della Pubblica Amministrazione saranno dati in concessione per 50 anni a società alberghiere, senza tasse e con solo obbligo di impiego di manodopera locale, come alle Mauritius ed in tanti altri posti. Abolizione dei finanziamenti bancari e ciascuno dovrà basarsi sui propri risparmi. Abolizione del potere di riscossione di denaro a Regioni, Province e Comuni. Abolizione delle Province o Regioni. Generale riduzione della spesa pubblica in modo da permettere il raggiungimento dell’obiettivo finale di una tassazione non superiore al 10%.

La lista è lunga ma la rimandiamo ad altra occasione. L’importante è cominciare. Cambiare si può e si deve se si vuole evitare la lenta morte. Naturalmente ad un passo per volta. L’obiettivo dovrà essere non la crescita ma un progresso lento, continuo, millenario e sostenibile in funzione delle risorse del pianeta e disponibili per tutti, in armonia e proporzionalmente secondo le proprie capacità, e quindi non solo per pochi.

Il Regno dell’Armonia prevede una autorità centrale governativa che regola leggi e regole dell’economia, inclusi costi e prezzi. Le competizioni sleali dal “successo ad ogni costo” per arricchimenti da mille e una notte semplicemente scompariranno. Ed il libero mercato globale ritornerò ad essere quello che è sempre stato: solo mercato.

Benvenute e benvenuti nel Regno dell’Armonia, dove l’Essere si bilancia con l’Avere e l’Anima immortale è bilanciata dal Corpo mortale!!

PASSA PAROLA SE VUOI