Archivio per Affondamento

107 – IL SALVATAGGIO DEL TERZO MILLENNIO

Posted in ARMONIA, ATTUALITA', ECONOMIA E POLITICA, EVOLUZIONE, TUTTE LE CATEGORIE with tags , , , , , , , , , , , , , , , , , , , on luglio 18, 2012 by beautiful41

…….

Il Salvataggio del Terzo Millennio

Una nave è affondata e sta precipitando negli abissi. A bordo c’erano molte cose e persone. Coloro che sono riusciti a trovare un posto su una scialuppa di salvataggio e coloro che si sono gettati in mare sono i supestiti, i sopravvissuti all’affondamento della nave “OCCIDENTE” avvenuto in seguito all’impatto delle idee insane di rapidi arricchimenti del capitalismo della follia contro la dura rocciosa realtà evolutiva.

L’impatto e l’affondamento sono avvenuti  da circa quattro anni ed è da quel tempo che i sopravvissuti aspettano, nelle acque gelide della disperazione e dell’incertezza, di essere recuperati e salvati e condotti verso una nuova esistenza.  Essi aspettano di vivere, o di lentamente morire. Essi aspettano anche una presa di coscienza ed un perdono per le follie dell’uomo che forse non arriveranno mai.

La nave è affondata ma i responsabili delle Nazioni, che sarebbe più esatto definire irresponsabili, fanno finta di non saperlo, essi cioè fanno finta di credere che la stessa nave prima o poi riemergerà per opera dello spirito santo ritornando a condurli verso una nuova crescita. Essi rimangono pervicacemente inchiodati alle loro errate e consolidate dottrine di contrapposizione ideologica, a destra ed a sinistra dello scacchiere politico, incapaci a mettere in moto i loro cervelli per la paura di intaccare i tanti privilegi di cui essi godono assieme ai tanti concatenati privileggi dei loro protetti e affiliati, istituzionali e di sistema.

Ma la nave è affondata e non riemergerà per nessun miracolo.  Le montagne di debiti accumulati per le folli idee del progresso lineare sono ormai impagabili, nonostante che vi si giri continuamente intorno come una trottola nell’illusione di vanificarli. Una lenta morte per ipotermia, disidratazione e generale indebolimento aspetta pertanto  i sopravvissuti alla catastrofe rimasti a galleggiare immobili sul mare del divenire sotto le stelle, le sole a testimoniare la bellezza, le meraviglie e l’Armonia dell’Universo.

Quasi ad evocare o ad esorcizzare l’Armonia dell’Universo, di cui l’uomo è parte integrante,  anche se il pensiero scientifico e quello degli economisti non lo vuole riconoscere, sta per sopraggiungere un insperato soccorso. Una grande nave denominata “ARMONIA” si è mossa da lontano e sta solcando gli oceani del divenire alla sua massima velocità per portare in salvo le anime dei naufraghi sopravvissuti nel limbo di un’attesa senza fine.

La notte stellata all’improvviso si illumina in maniera abbagliante, come se le testimoni delle meraviglie dell’Universo avessero deciso di scendere dal cielo per raggrupparsi tutte allo stesso posto per portare la loro Luce sulla scena dei naufraghi attoniti ed increduli alla loro visione. E’ l’”ARMONIA” che, fermati i motori, ha acceso tutte le sue sfavillanti luci e proiettori esterni per dare inizio alla più grande operazione di salvataggio della storia dell’uomo: il Salvataggio dell’Umanità del Terzo Millennio.

L’ARMONIA, imbarcati tutti i naufraghi, inizia così il suo viaggio verso il mondo dell’Armonia mentre i naufraghi vengono informati sulle nuove regole che governeranno le loro esistenze in questo nuovo Regno dell’Armonia. La prima cosa da fare è quella di spazzare via la partitocrazia, i partiti politici, che tante frottole hanno raccontato e tanti danni perpetrati negli ultimi 70 anni. Questo primo obiettivo viene raggiunto facilmente alle elezioni, qualsiasi elezione istituzionale, dando il voto  ai cittadini di nostra conoscenza che secondo noi sono degni di stima, fiducia e ammirazione.

Con questo nuovo sistema elettorale i cittadini divengono istantaneamente i padroni del loro destino con la loro volontà anziché quella di altri. Per esempio si voterà indicando la persona preferita come “il panettiere di via Dante”, “il gestore del ristorante Zia Maria”, “la fioraia di piazza Duomo”, “La professoressa di storia del liceo X”,  oppure “Nome Cognome via e n. di residenza” o con qualsiasi altra chiara identificazione. Tutti noi conosciamo persone semplici che stimiamo per la loro onestà, valore e bellezza d’anima.

La crocetta sul simbolo o sul nome da votare fu istituita quando i cittadini erano analfabeti e quindi dovevano essere “guidati” verso un destino che essi non vedevano. Adesso sappiamo leggere e scrivere e possiamo quindi essere noi i responsabili del nostro destino decidendo noi dove dirigere il carro delle nostre esistenze dando il voto a chunque vogliamo senza che ciò ci venga indicato da questo o quel partito.

 I destinatari menzionati con questo sistema di voto naturalmente non sapranno e non immagineranno di essere stati oggetto di voto. Questo semplice fatto spazzerà via elegantemente e per sempre i poteri di arroganza e malaffare della partitocrazia assieme alla ragione della loro stessa esistenza. Niente più, pertanto, l’enorma “business” della compravendita di voti, uomini, cariche e parlamenti interi che hanno reso la democrazia sinonimo di mafie, ladrocinii e privilegi inammissibili.

E non vinceranno più le “maggioranze” ma il cittadino che avrà raggranellato più voti di tutti. Questa grande rivoluzione possono fare i Cittadini della Terra con la massima semplicità, facilità ed in silenzio per dare una svolta millenaria ai valori e concezioni di esistenza disperatamente richiesti ma che finora nessuno ha espresso né indicato.

Naturalmente le leggi e regole dell’Armonia prevedono altri importanti e fondamentali requisiti che qui, per stringere al massimo l’articolo, si accennano e sintetizzano solo. Abolizione della Costituzione e di tutte le leggi esistenti e riscrittura di una nuova Costituzione. Gli eletti al Governo saranno un Presidente della Nazione e 12 deputati e senatori, o Consiglieri, in carica per un anno e senza paga e retribuiti solo dall’onore, onestà, rispetto, autorevolezza, fiducia, carisma. Essi non potranno essere ricchi e la massima ricchezza concessa ad essi per accedere alle dette cariche sarà la casa di proprietà e centomila euro in banca.

Il massimo divario di paghe consentito sarà inizialmente di 1 a 8, cioè se si parte da uno stipendio minimo di 500 euro, il massimo in assoluto sarò di 4000 euro, tutto compreso. I sindacati non concerteranno più niente perché il potere di stabilire costi prezzi e tariffe sarà del Governo in una visione armonica generale. Tutte le pubblicità televisive saranno abolite e permesse solo su carta stampata. Finanziamenti a partiti e giornali aboliti. Le emittenti televisive saranno ridotte ad un numero non superiore a quello della Germania o Francia, anzichè il doppio o triplo di adesso, e potranno trasmettere solo dalle 15 alle 22.

Il massimo aumento di arricchimento consentito sarà del 5% annuale, retroattivo fino agli ultimi 30 anni. Quirinale, Palazzo Chigi, Palazzo Madama, palazzi e palazzetti e ville prestigiosi della Pubblica Amministrazione saranno dati in concessione per 50 anni a società alberghiere, senza tasse e con solo obbligo di impiego di manodopera locale, come alle Mauritius ed in tanti altri posti. Abolizione dei finanziamenti bancari e ciascuno dovrà basarsi sui propri risparmi. Abolizione del potere di riscossione di denaro a Regioni, Province e Comuni. Abolizione delle Province o Regioni. Generale riduzione della spesa pubblica in modo da permettere il raggiungimento dell’obiettivo finale di una tassazione non superiore al 10%.

La lista è lunga ma la rimandiamo ad altra occasione. L’importante è cominciare. Cambiare si può e si deve se si vuole evitare la lenta morte. Naturalmente ad un passo per volta. L’obiettivo dovrà essere non la crescita ma un progresso lento, continuo, millenario e sostenibile in funzione delle risorse del pianeta e disponibili per tutti, in armonia e proporzionalmente secondo le proprie capacità, e quindi non solo per pochi.

Il Regno dell’Armonia prevede una autorità centrale governativa che regola leggi e regole dell’economia, inclusi costi e prezzi. Le competizioni sleali dal “successo ad ogni costo” per arricchimenti da mille e una notte semplicemente scompariranno. Ed il libero mercato globale ritornerò ad essere quello che è sempre stato: solo mercato.

Benvenute e benvenuti nel Regno dell’Armonia, dove l’Essere si bilancia con l’Avere e l’Anima immortale è bilanciata dal Corpo mortale!!

PASSA PAROLA SE VUOI

97 – S.O.S. – SAVE OUR SOULS – S.O.S. DAL PIANETA TERRA

Posted in ARMONIA, ATTUALITA', ECONOMIA E POLITICA, EVOLUZIONE, MISURA E GIUSTIZIA, PROPOSTE MILLENARIE, RIFLESSIONI, TUTTE LE CATEGORIE with tags , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , on marzo 22, 2012 by beautiful41

…….

S.O.S. – Save Our Souls

S.O.S. dal pianeta Terra

. . . _ _ _ . . . // . . . _ _ _ . . . // . . . _ _ _ . . . // _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _

Questo era il messaggio radiotelegrafico dei vecchi tempi della radiotelegrafia che veniva inviato quando una nave era in grave pericolo di affondare e chiedeva soccorso a chiunque potesse darlo. Nel codice Morse 3 punti sono “S” e 3 linee sono “O”, mentre una linea è “T”. Il messaggio era ripetuto tre volte ed era seguito da 12 linee le quali servivano ad attivare gli allarmi in tutte le stazioni radio delle navi che ricevevano il messaggio, ed anche nelle cabine degli ufficiali radiotelegrafisti in maniera che essi, se stavano dormendo, si svegliavano per precipitarsi nella stazione radio.

TI TI TI TA TA TA TI TI TI //TI TI TI TA TA TA TI TI TI// TI TI TI TA TA TA TI TI TI// TA TA TA TA TA TA TA TA TA TA TA TA

Il messaggio SOS di soccorso, in questo anno 2012, è stato lanciato, per la prima volta nella storia conoaciuta, dal nostro pianeta, il pianeta Terra, che viaggia nello spazio infinito fuori controllo mentre le anime dei suoi abitanti rischiano l’estinzione. Chi risponderà alla richiesta di soccorso??? Chi sarà in grado di soccorrere un pianeta intero e chi sarà in grado di salvare l’umanità intera su di esso???

I Cittadini della Terra. Solo essi, i Cittadini della Terra, con la loro unione e partecipazione, potrebbero effettuare il soccorso ed il salvataggio del terzo millennio. Il salvataggio di una umanità che ha perso le sue certezze perchè i valori e le idee di riferimento, nelle quali l’uomo moderno è stato istruito ed allevato, sono improvvisamente svaniti, scomparsi, rivelandosi solo delle illusioni o utopie senza alcuna base di realtà.

Le illusioni di un capitalismo becero e rapinatore basato su montagne di debiti sono crollate con i noti disastri degli ultimi anni. Ma l’uomo, rifiutando di trarre la giusta lezione da questi recenti e ancora perduranti disastri, si sta dando da fare per rimettersi in corsa, ancora e più di prima, sulla stessa strada dell’arrembaggio già percorsa. A Wall Street hanno già iniziato a rituffarsi nel mare dell’avidità di arricchimento dopo che le economie dei Paesi occidentali sono state rappezzate, alla bell’e meglio, coi soldi, i sacrifici ed i suicidi di chi ha perso il lavoro e dei Cittadini della Terra.

E sembra che nessuno e nessun governo può far niente. Si invoca la crescita, la crescita ad ogni costo ed ancora e più di prima e con lo stesso sistema di prima, l’unico che i nostri dirigenti conoscono e da essi ritenuto una dottrina infallibile. Ma su questa tanto auspicata crescita vale la pena di fare qualche considerazione. La prima considerazione è di carattere storico. L’umanità attuale si trova ad esistere sul nostro pianeta a conclusione di un periodo di espansione demografica iniziata varie decine di millenni addietro alla fine di un “collo di bottiglia”, o “bottle neck”, ove pochi sparuti sopravvissuti si salvarono da catastrofiche eruzioni vulcaniche o altri grandi disastri naturali. Sopravvissero e si salvarono, per tutto il pianeta, 12 esseri umani.

Verso l’inizio di Roma antica si stima che l’umanità si fosse infoltita raggiungendo circa 50 milioni di persone. Alla fine di Roma antica, circa mille anni dopo, si pensa che la stessa umanità contasse circa 200 o 250 milioni di persone. Verso il 1810 si raggiunse il primo miliardo e nel 1925 la popolazione mondiale raggiunse due miliardi di persone, fino a che pochi giorni fa si sono contate 7 miliardi di anime. La Terra però è rimasta sempre la stessa. La sua superficie totale è circa 148 milioni di chilometri quadrati. La densità che ne risulta è quindi oggi di 48 abitanti per chilometro quadrato, ciò che significa 21000 metri quadrati a disposizione per ciascun abitante della Terra, incluso zone artiche, montagne e deserti.

Arrotondando a 20000 metri quadrati, ciascun odierno abitante della Terra ha a sua disposizione lo spazio, per la sua privacy e sopravvivenza, corrispondente ad una area di 400 x 50 metri, come circa 4 campi sportivi. Questo abitante, da questa superficie di 400 x 50 metri, potrà ricavare tutto ciò di cui ha bisogno per la sua sopravvivenza: grano, legumi, ortaggi, legno, petrolio, minerali, e tutti i prodotti della natura. Sempre che nessuno si impadronisca di tali prodotti sui quali egli può contare per la sua esistenza.

Questi 20000 metri quadrati, immutabili e non estensibili, fanno sì che essi siano un vincolo da non sottovalutare per uno sviluppo armonico globale. Il progresso delle Nazioni oggi viene misurato con percentuali di crescita del PIL. +1, +2, +3…., eccetera. La Nazione progredisce quando la crescita è positiva. Ma crescere continuamente comporta che si producano e si consumino sempre più cose e servizi, e ciò lo si può fare solo se le risorse del pianeta fossero illimitate, non vincolate cioè agli accennati metri quadrati a testa. A questa incongruenza se ne aggiunge un’altra, che è la seconda considerazione, e cioè il sistema o mezzo scelto dalle Nazioni per il perseguimento di tale “progresso” e che è il libero mercato. Ed il libero mercato è in pratica il braccio operativo del capitalismo

Il non capitalismo attuale, che è la negazione del vero capitalismo millenario come descritto all’art. n. 16, ed anche al n. 56, è basato sulla irrazionalità, cioè sulla follia, come confermato, anche se a malincuore, dall’ex capo della Federal Reserve, cioè la banca centrale americana, Alan Greenspan. Questa degenerazione dell’avidità dell’uomo ha provocato, e continua a provocare, quello che ormai viene chiamato il “Feudalesimo Economico”, cioè l’accentramento di tutte le ricchezze nelle mani di pochi. Questo processo continua sostanzialmente indisturbato perché non si vuole riconoscere l’incongruenza e la non sostenibilità della dottrina del libero mercato.

Non si può dichiararsi a favore della sostenibilità e del libero mercato contemporaneamente. La sostenibilità implica regole affinchè si possa crescere nel rispetto della natura e nel rispetto dei suoi ritmi di crescita che, per esempio, permettano di abbattere un albero solo quando un altro è cresciuto al suo posto. Altrimenti faremo la fine degli abitanti dell’Isola di Pasqua. Se poi teniamo presente il diritto di ciascuno a disporre dei prodotti ricavabili dai suoi 20.000 metri quadrati di superficie allora la necessità di regolamentare il libero mercato diventa ancor più una strada obbligata anzichè una scelta.

La dottrina del libero mercato autonomo che da solo, senza regole, determina costi, prezzi e quantità di produzione, fu pensata e ideata quando si pensava che le risorse del pianeta fossero infinite ed il numero degli abitanti della Terra era ancora relativamente molto piccolo. Questa dottrina di libertà infinita si è sviluppata per il passato nell’alternanza di guerre e ricostruzioni perchè questa è la sua naturale vocazione. Ma le cose sono cambiate e non possiamo non prenderne atto.

Appare pertanto che la soluzione sia di cambiare totalmente l’idea di “progresso”. Non più progresso quantitativo basato su percentuali positive del PIL, bensì progresso qualitativo basato su zero aumento di PIL in una economia del mercato regolato, della sostenibilità, basata sulla qualità della vita e non sulla maggior quantità di beni prodotti. Una crescita di qualità armonica dove gli smodati eccessi di arricchimento vengano ridotti secondo quanto già esposto nei precedenti articoli, ed in particolare abolendo i finanziamenti e le operazioni di Borsa, rallentando cioè l’economia e basandosi solo sul proprio risparmio. Crescere rallentando per vivere anzichè crescere convulsamente per alimentare il Feudalesimo Economico.

Il terzo millennio pertanto si è aperto con il lancio del messaggio S.O.S. di richiesta di soccorso del pianeta Terra. …..S.O.S. – S.O.S. – S.O.S. – ….. Il messaggio continuerà ad essere trasmesso finchè rimarrà l’ultimo metro quadrato di terra produttiva e finchè vi sarà l’ultimo uomo sul pianeta. Se i Cittadini della Terra lo raccoglieranno essi potranno ciò esprimere con una manifestazione pacifica in tutte le città del mondo il prossimo 21 Giugno, giorno del Solstizio, al fine di indicare a tutti i governanti delle Nazioni la strada per una nuova Civiltà basata su un progresso qualitativo regolato di pace, giustizia, equilibrio, misura, sobrietà, armonia, rispetto e libertà di tutte le persone e di tutte le meraviglie della natura.

S.O.S. – S.O.S. – S.O.S. – S.O.S. – S.O.S. – S.O.S. – ……………………………..

82 – TITANIC, ANDREA DORIA E OCCIDENTE – AFFONDAMENTO DI NAVI E CIVILTA’

Posted in ATTUALITA', ECONOMIA E POLITICA, EVOLUZIONE, RIFLESSIONI, TUTTE LE CATEGORIE with tags , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , on dicembre 7, 2011 by beautiful41

…….

Tre grandi navi, se l’Occidente si può paragonare ad una grande nave, tre disastri, tre affondamenti, originati da una causa che li accomuna tutti e tre: imperizia della leadership.

Il Titanic decretò la sua fine quando, una volta avvistato l’iceberg davanti alla prora durante la notte, l’ufficiale in comando di guardia sulla plancia, obbedendo all’istinto più che alla ragione, ordinò l’arresto delle eliche di propulsione e la loro inversione di marcia. Quando si fermano le eliche di propulsione di una nave in piena velocità istantaneamente si perde il pieno governo della nave perchè le eliche smettono di spingere acqua sulla pala del timone che in tali condizioni perde la maggior parte della sua funzionalità.

Il Titanic aveva tre eliche di propulsione ed avrebbe potuto aumentare, anzichè perdere, la propria governabilità o manovrabilità se l’ufficiale in comando di guardia avesse ordinato il fermo della sola elica di sinistra, chiedendo la massima potenza sule altre due eliche. La nave avrebbe accostato, o “girato”, con una rapidità tale che il campione di formula uno Shoemaker avrebbe sicuramente invidiato. Ciò purtroppo non avvenne e la nave, spinta dalla sua inerzia, andò a sbattere sull’iceberg. Il regista Cameron nel suo famoso film ci ha mostrato molto bene queste sequenze cruciali.

Similmente l’Andrea Doria quando entrò in collisione con lo Stockolm, procurandosi una grande falla sulla sua fiancata destra dalla quale irruppe tanta acqua che procurò un iniziale sbandamento di circa 20°, sull’emozione o emotività del momento, obbedendo all’istinto più che alla ragione, svuotando l’acqua dai depositi sotto il suo fondo, fece il contrario di quello che avrebbe dovuto fare e cioè “riempire” con acqua di mare, comunemente chiamata zavorra, tutti gli spazi o “doppi fondi” disponibili sul suo fondo dal lato opposto a quello dello sbandamento, quelli del lato sinistro.

Ciò avrebbe portato ad una diminuzione dello sbandamento e forse, di conseguenza, alla salvezza della nave che invece continuò a sbandare sulla sua dritta, o destra, fino al suo abbattimento ed inabissamento finale. Una nave si mantiene dritta, o “in piedi”, se, come un pendolo, ha sufficientemente peso sul suo fondo che le consenta di ritornare sempre “dritta” quando sottoposta a sollecitazioni esterne. L’Andrea Doria, quando occorse la collisione, era già al limite della propria stabilità per aver consumato dal suo fondo pressocchè tutto il carburante. Era necessario pertanto sopperire a questo tolto peso immettendo altro peso in sua sostituzione, come accennato, al fine di raddrizzarla. Invece le pompe, obbedendo all’istinto dell’uomo anzichè alla sua ragione, svuotavano anzichè riempire.

L’Occidente, con Stati Uniti e Italia seduti in prima fila, come il Titanic e l’Andrea Doria, sta andando verso la catastrofe finale per obbedire all’istinto più che alla ragione da quando l’iceberg fu avvistato o la collisione occorse, cioè da quando scoppiò il primo segnale di disastro della Lehman Brothers, con l’emersione di una valanga di debiti sovrastante pressocchè tutti gli Stati e banche occidentali, ciò che ha rallentato enormemente l’economia, con tutti i ladrocinii, disoccupazioni e problemi che conosciamo ed enumerati negli articolo precedenti. Tutti questi problemi che all’improvviso hanno avvolto la nave “Occidente”, come un enorme banco di nebbia, si possono sintetizzare con “Illimitata o Eccesso di Libertà”, oppure con “Non fare il Passo secondo la Gamba”, oppure ancora con “Estraniarsi dalle Leggi del Cosmo”.

Trattandosi di montagne di debiti dovuti a spese folli ed a bella vita protrattisi per decenni la leadership dei detti Paesi occidentali, obbedendo all’istinto più che alla ragione, non ha trovato cura migliore che quella di operare con più o meno maggiori tasse e con più o meno maggiori tagli. Tagli e tasse, o “TT”. Questi TT, tagli e tasse, su una popolazione già stremata da infiniti balzelli e imposte, non potranno non peggiorare la situazione generale perchè essi, questi TT, ammazzeranno definitivamente la crescita. Come un pugile sul ring, già barcollante per i tanti colpi incassati, costretto a continuare la lotta appesantito da un fardello supplementare sulle proprie spalle o sulla propria testa, essa, la crescita, stramazzerà al tappeto, e morirà per sempre.

Ma i debiti, la bella vita, il pericolo in cui si dibatte l’Euro e l’Europa, le differenze abissali tra chi ha tanto e chi ha niente, la decrescita economica, eccetera, non sono la causa del disastro, suggerita dall’istinto, ma sono solo la conseguenza, il risultato di pregiudizi e di concezioni di vita nei quali una intera classe di dirigenti e di economisti ha radicato le proprie idee di progresso procedente a linea retta, e di libero mercato globale che si aggiusta da solo, si autoregola da solo, addirittura indipendentemente dalla base di partenza da dove la libera competizione lo porta a realizzarsi. Tipici sono i finanziamenti, ora impagabili, basati su una continua crescita che è totalmente avulsa dalle leggi del cosmo. Queste concezioni folli incatenano i cervelli dei nostri dirigenti e li rendono incapaci di pensare e di ragionare liberamente. Non riconoscendo, con la ragione, queste cause originali del disastro in corso ciò porterà inevitabilmente all’inabissamento della nave “Occidente”.

Questa tendenza a cedere all’istinto anzichè alla ragione è resa ancora più inamovibile o immutabile dall’esistenza di tre tabù di cui è peccato il solo pronunciarne i nomi che sono protezionismo, delocalizzazioni e paradisi fiscali. Il primo perchè è la negazione del tanto osannato libero mercato globale. Il secondo perchè arricchisce i ricchi. Il terzo perchè è per scelta un luogo nascosto. Questi elementi sono potentissimi e nessun leader politico potrà mai trovare il coraggio di opporvisi da solo se non coadiuvato da altri leaders e spalleggiato da centinaia di milioni di Cittadini della Terra.

E’ così che, anzichè affrontare le vere cause del disastro, l’Occidente si sollazza, per modo di dire, coi TT che, come i salassi medioevali, indeboliscono il paziente e non curano la sua profonda malattia, e, con la politica del “Rigore, Equità e Crescita”, dà tutta l’impressione di voler invece perseguire quella del “Rigor Mortis, Equità dei Poveri e Sogno di Crescita”. Ciò perchè solo quando la Terra avrà una sola Nazione, con un solo governo, una sola Costituzione, una sola moneta, una sola lingua ufficiale comune, un solo sistema fiscale e lavorativo, solo allora sarà possibile avere un libero mercato globale. Fino ad allora dovrebbe essere ammesso solo il mercato locale ed il libero commercio globale dovrebbe essere inteso solo commercio, con dazi e dogane, come è sempre stato da millenni.

E parimenti l’Euro non potrà resistere a lungo in una Europa senza un solo governo, una sola Costituzione, una sola lingua, un solo sistema fiscale e lavorativo, una sola banca centrale. A nessuno piace pagare i debiti degli altri ed esso, l’Euro, assieme all’Europa, potrà trascinare o essere trascinato nell’inabissamento finale della nave “Occidente”.

Ma noi, i Cittadini della Terra, abbiamo già pronte le scialuppe di salvataggio, quelle del Solstizio d’Inverno del 22 Dicembre, una nuova Nazione ed un nuovo programma di Civiltà e di Progresso, ciò nel caso in cui si dovesse iniziare il conto alla rovescia.

Benvenuta e Benvenuto sulla nave immortale dei Cittadini della Terra del Terzo Millennio!!