Archivio per Alan Greenspan

98 – S.O.S. – SAVE OUR SOULS – S.O.S. FROM PLANET EARTH

Posted in ARMONIA, ATTUALITA', ECONOMIA E POLITICA, EVOLUZIONE, MISURA E GIUSTIZIA, PROPOSTE MILLENARIE, RIFLESSIONI, TUTTE LE CATEGORIE with tags , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , on marzo 27, 2012 by beautiful41

Translation of article n. 97

S.O.S. – Save Our Souls –

S.O.S. from Planet Earth

. . . _ _ _ . . . // . . . _ _ _ . . . // . . . _ _ _ . . . // _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _

This was the radiotelegraph distress message of old times of radiotelegraphy that was sent when a ship was in serious danger of sinking and was requesting immediate assistance to anyone could give it. In Morse Code 3 points are “S” and 3 lines are “O”, while one line is “T”. The message was repeated three times and was followed by 12 lines which had the purpose to activate the alarms in all radio stations of ships receiving the message, and also in the cabins of the radio officers in order to wake them up, if they were sleeping, and run into the radio station.

TI TI TI TA TA TA TI TI TI // TI TI TI TA TA TA TI TI TI // TI TI TI TA TA TA TI TI TI // TA TA TA TA TA TA TA TA TA TA TA TA

The SOS distress message, in this year 2012, has been sent, for the first time in the known history, from our planet, the planet Earth, that is traveling in the infinite space out of control while the souls of its inhabitants are risking extinction. Who will answer to the request of assistance??? Who will be able to assist an entire planet and who will be able to save the whole humanity on it???

The Citizens of the Earth. They only, the Citizens of the Earth, with their union and participation, could give assistance and carry out the rescue of third millennium. The rescue of a humanity who has lost her certainties because the values and ideas of reference, in which modern man has been educated and grown up, have suddenly vanished, disappeared, revealing themselves to be only illusions or utopias without any basis of reality.

The illusions of a boorish and thieving capitalism based on mountains of debts have collapsed with the known disasters of past years. But man, refusing to draw the right lesson from these recent and still enduring disasters, is hurrying up to run, again and faster than before, on the same road of assault already experienced. At Wall Street they have already begun to plunge again into the sea of greed for riches after that the economies of western Countries have been patched, as best as it could be, with the money, sacrifices and suicides of whom has lost the job and of the Citizens of the Earth.

And it seems that no-one and no government can do anything about it. One invokes the growth, the growth at all costs, even more than before and with the same system as before, the only one known by our governors and by them believed an infallible doctrine. But on that much hoped growth it is worth to make some remarks. The first remark is of historical type. Mankind is living today on our planet at the end of a period of a population increase which begun various tenths of millennias ago at the end of a “bottle neck” where a few survivors saved themselves from catastrophical volcanic eruptions or other great natural disasters. For all planet 12 human beings survived and saved themselves.

Toward the beginning of Ancient Rome one estimates that mankind increased to about 50 millions people. At the end of Roman Empire, about one thousand years later, one estimates that the same mankind counted about 200 or 250 millions people. Toward 1810 humanity reached the first billion and in 1925 the world population touched two billions people, until, a few days ago, 7 billions of souls were counted. Planet Earth, instead, has remained always the same. Her total surface is about 148 millions of square kilometers. The resulting density is therefore today 48 inhabitants per square kilometer, which means 21.000 square meters available for each Earth’s dweller, including artic zones, mountains and deserts.

Rounding to 20.000 square meters, each existing inhabitant of the Earth has at his disposal an area, for his privacy and survival, equivalent to a room of 400 x 50 meters, like 4 foot-ball fields. This inhabitant, from this surface of 400 x 50 meters, may obtain all what he needs for his survival:, grain, legumes, vegetables, timber, petrol, minerals, and all products of nature. Given that no-one will take possession of such products on which he trusts for his or her existence.

These 20.000 square meters, unchangeable and non extendible, act as a bond not to underestimate in a global harmonious development. The progress of Nations today is measured with percentages of growth of GNP (Gross National Product). +1, +2, +3 ….., and so on. The Nation is progressing when the growth is positive. But growing continuously involves that always more material things and services have to be produced and consumed, and this can be done only if the resources of the planet were unlimited, namely not tied up to the mentioned 20.000 square metres for each inhabitant. This contradiction is followed by an other one, which is the second consideration, namely the system or mean chosen by the Nations for the achievement of such a “progress” and that is the free market. And the free market is in practice the operational arm of capitalism.

The current non capitalism, which is the denial of the true millenary capitalism as described at the art. n. 16, and also at the art. n. 56, is based on irrationality, namely on folly, as confirmed, even if reluctantly, by the previous chief of Federal Reserve, i.e. the American Central Bank, Alan Greenspan. This degeneration of greed of man has provoked, and continues to provoke, what is called by now the “Economic Feudalism”, namely the concentration of all wealth in the hands of a few. This process continues substantially undisturbed because we do not want to recognize the contradiction and the non sustainability of the doctrine of free market.

One cannot be in favour of sustainability and of free market in the same time. The sustainability implies rules in order to grow respecting tha nature and its growth rates which, for example, would allow to cut a tree only when an other one has grown on its place. Otherwise we will end up just like the inhabitants of Easter Island. If, in addition, we consider the right of each person to rely on the products obtainable from his or her 20.000 square metres of ground then the need to regulate the free market becomes even more an obliged road instead of a choice.

The doctrine of free market selfregulating which alone, without rules, establishes costs, prices and production quantities, was imagined during XIXth century when the belief was that the resources of the planet were unlimited and the number of inhabitants of the Earth was still relatively very small. The development of this doctrine of infinite freedom in the past has progressed in an alternated way through wars and reconstructions because that was its natural propensity. But things have changed and we cannot refuse to acknowledge it.

It appears therefore that the solution is to change completely the idea of “progress”. No more quantitative progress based on positive percentages of GNP, but qualitative progress based on zero increase of GNP in a regulated market economy, of sustainability based on quality of life and not on increased quantities of goods produced. An harmonious growth of quality where the unrestrained excesses of enrichment will be reduced according to what already shown in previous articles, and particularly abolishing, or drastically restricting, financing and operations of stock exchange, that is slowing down the economy relying on our own savings only. Growing slowing down in order to live instead of growing convulsively to nourish the “Economic Feudalism”.

The third Millennium therefore has begun with the launching of the distress message S.O.S. requesting immediate assistance of planet Earth. …..S.O.S. – S.O.S. – S.O.S. – ….. The message will continue to be transmitted until will remain the last square meter of productive ground and till last man will be on the planet. If the Citizens of the Earth are willing to answer to the rescue operation they can express it with a peaceful demonstration in all cities of the world next 21st June, day of Solstice, in order to indicate to all governors of the Nations the road for a new Civilization based on a regulated qualitative progress made of peace, justice, balance, measure, soberness, harmony, respect and freedom for all persons and all wonders of nature.

S.O.S. – S.O.S. – S.O.S. – S.O.S. – S.O.S. – S.O.S. – ……………………

97 – S.O.S. – SAVE OUR SOULS – S.O.S. DAL PIANETA TERRA

Posted in ARMONIA, ATTUALITA', ECONOMIA E POLITICA, EVOLUZIONE, MISURA E GIUSTIZIA, PROPOSTE MILLENARIE, RIFLESSIONI, TUTTE LE CATEGORIE with tags , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , on marzo 22, 2012 by beautiful41

…….

S.O.S. – Save Our Souls

S.O.S. dal pianeta Terra

. . . _ _ _ . . . // . . . _ _ _ . . . // . . . _ _ _ . . . // _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _

Questo era il messaggio radiotelegrafico dei vecchi tempi della radiotelegrafia che veniva inviato quando una nave era in grave pericolo di affondare e chiedeva soccorso a chiunque potesse darlo. Nel codice Morse 3 punti sono “S” e 3 linee sono “O”, mentre una linea è “T”. Il messaggio era ripetuto tre volte ed era seguito da 12 linee le quali servivano ad attivare gli allarmi in tutte le stazioni radio delle navi che ricevevano il messaggio, ed anche nelle cabine degli ufficiali radiotelegrafisti in maniera che essi, se stavano dormendo, si svegliavano per precipitarsi nella stazione radio.

TI TI TI TA TA TA TI TI TI //TI TI TI TA TA TA TI TI TI// TI TI TI TA TA TA TI TI TI// TA TA TA TA TA TA TA TA TA TA TA TA

Il messaggio SOS di soccorso, in questo anno 2012, è stato lanciato, per la prima volta nella storia conoaciuta, dal nostro pianeta, il pianeta Terra, che viaggia nello spazio infinito fuori controllo mentre le anime dei suoi abitanti rischiano l’estinzione. Chi risponderà alla richiesta di soccorso??? Chi sarà in grado di soccorrere un pianeta intero e chi sarà in grado di salvare l’umanità intera su di esso???

I Cittadini della Terra. Solo essi, i Cittadini della Terra, con la loro unione e partecipazione, potrebbero effettuare il soccorso ed il salvataggio del terzo millennio. Il salvataggio di una umanità che ha perso le sue certezze perchè i valori e le idee di riferimento, nelle quali l’uomo moderno è stato istruito ed allevato, sono improvvisamente svaniti, scomparsi, rivelandosi solo delle illusioni o utopie senza alcuna base di realtà.

Le illusioni di un capitalismo becero e rapinatore basato su montagne di debiti sono crollate con i noti disastri degli ultimi anni. Ma l’uomo, rifiutando di trarre la giusta lezione da questi recenti e ancora perduranti disastri, si sta dando da fare per rimettersi in corsa, ancora e più di prima, sulla stessa strada dell’arrembaggio già percorsa. A Wall Street hanno già iniziato a rituffarsi nel mare dell’avidità di arricchimento dopo che le economie dei Paesi occidentali sono state rappezzate, alla bell’e meglio, coi soldi, i sacrifici ed i suicidi di chi ha perso il lavoro e dei Cittadini della Terra.

E sembra che nessuno e nessun governo può far niente. Si invoca la crescita, la crescita ad ogni costo ed ancora e più di prima e con lo stesso sistema di prima, l’unico che i nostri dirigenti conoscono e da essi ritenuto una dottrina infallibile. Ma su questa tanto auspicata crescita vale la pena di fare qualche considerazione. La prima considerazione è di carattere storico. L’umanità attuale si trova ad esistere sul nostro pianeta a conclusione di un periodo di espansione demografica iniziata varie decine di millenni addietro alla fine di un “collo di bottiglia”, o “bottle neck”, ove pochi sparuti sopravvissuti si salvarono da catastrofiche eruzioni vulcaniche o altri grandi disastri naturali. Sopravvissero e si salvarono, per tutto il pianeta, 12 esseri umani.

Verso l’inizio di Roma antica si stima che l’umanità si fosse infoltita raggiungendo circa 50 milioni di persone. Alla fine di Roma antica, circa mille anni dopo, si pensa che la stessa umanità contasse circa 200 o 250 milioni di persone. Verso il 1810 si raggiunse il primo miliardo e nel 1925 la popolazione mondiale raggiunse due miliardi di persone, fino a che pochi giorni fa si sono contate 7 miliardi di anime. La Terra però è rimasta sempre la stessa. La sua superficie totale è circa 148 milioni di chilometri quadrati. La densità che ne risulta è quindi oggi di 48 abitanti per chilometro quadrato, ciò che significa 21000 metri quadrati a disposizione per ciascun abitante della Terra, incluso zone artiche, montagne e deserti.

Arrotondando a 20000 metri quadrati, ciascun odierno abitante della Terra ha a sua disposizione lo spazio, per la sua privacy e sopravvivenza, corrispondente ad una area di 400 x 50 metri, come circa 4 campi sportivi. Questo abitante, da questa superficie di 400 x 50 metri, potrà ricavare tutto ciò di cui ha bisogno per la sua sopravvivenza: grano, legumi, ortaggi, legno, petrolio, minerali, e tutti i prodotti della natura. Sempre che nessuno si impadronisca di tali prodotti sui quali egli può contare per la sua esistenza.

Questi 20000 metri quadrati, immutabili e non estensibili, fanno sì che essi siano un vincolo da non sottovalutare per uno sviluppo armonico globale. Il progresso delle Nazioni oggi viene misurato con percentuali di crescita del PIL. +1, +2, +3…., eccetera. La Nazione progredisce quando la crescita è positiva. Ma crescere continuamente comporta che si producano e si consumino sempre più cose e servizi, e ciò lo si può fare solo se le risorse del pianeta fossero illimitate, non vincolate cioè agli accennati metri quadrati a testa. A questa incongruenza se ne aggiunge un’altra, che è la seconda considerazione, e cioè il sistema o mezzo scelto dalle Nazioni per il perseguimento di tale “progresso” e che è il libero mercato. Ed il libero mercato è in pratica il braccio operativo del capitalismo

Il non capitalismo attuale, che è la negazione del vero capitalismo millenario come descritto all’art. n. 16, ed anche al n. 56, è basato sulla irrazionalità, cioè sulla follia, come confermato, anche se a malincuore, dall’ex capo della Federal Reserve, cioè la banca centrale americana, Alan Greenspan. Questa degenerazione dell’avidità dell’uomo ha provocato, e continua a provocare, quello che ormai viene chiamato il “Feudalesimo Economico”, cioè l’accentramento di tutte le ricchezze nelle mani di pochi. Questo processo continua sostanzialmente indisturbato perché non si vuole riconoscere l’incongruenza e la non sostenibilità della dottrina del libero mercato.

Non si può dichiararsi a favore della sostenibilità e del libero mercato contemporaneamente. La sostenibilità implica regole affinchè si possa crescere nel rispetto della natura e nel rispetto dei suoi ritmi di crescita che, per esempio, permettano di abbattere un albero solo quando un altro è cresciuto al suo posto. Altrimenti faremo la fine degli abitanti dell’Isola di Pasqua. Se poi teniamo presente il diritto di ciascuno a disporre dei prodotti ricavabili dai suoi 20.000 metri quadrati di superficie allora la necessità di regolamentare il libero mercato diventa ancor più una strada obbligata anzichè una scelta.

La dottrina del libero mercato autonomo che da solo, senza regole, determina costi, prezzi e quantità di produzione, fu pensata e ideata quando si pensava che le risorse del pianeta fossero infinite ed il numero degli abitanti della Terra era ancora relativamente molto piccolo. Questa dottrina di libertà infinita si è sviluppata per il passato nell’alternanza di guerre e ricostruzioni perchè questa è la sua naturale vocazione. Ma le cose sono cambiate e non possiamo non prenderne atto.

Appare pertanto che la soluzione sia di cambiare totalmente l’idea di “progresso”. Non più progresso quantitativo basato su percentuali positive del PIL, bensì progresso qualitativo basato su zero aumento di PIL in una economia del mercato regolato, della sostenibilità, basata sulla qualità della vita e non sulla maggior quantità di beni prodotti. Una crescita di qualità armonica dove gli smodati eccessi di arricchimento vengano ridotti secondo quanto già esposto nei precedenti articoli, ed in particolare abolendo i finanziamenti e le operazioni di Borsa, rallentando cioè l’economia e basandosi solo sul proprio risparmio. Crescere rallentando per vivere anzichè crescere convulsamente per alimentare il Feudalesimo Economico.

Il terzo millennio pertanto si è aperto con il lancio del messaggio S.O.S. di richiesta di soccorso del pianeta Terra. …..S.O.S. – S.O.S. – S.O.S. – ….. Il messaggio continuerà ad essere trasmesso finchè rimarrà l’ultimo metro quadrato di terra produttiva e finchè vi sarà l’ultimo uomo sul pianeta. Se i Cittadini della Terra lo raccoglieranno essi potranno ciò esprimere con una manifestazione pacifica in tutte le città del mondo il prossimo 21 Giugno, giorno del Solstizio, al fine di indicare a tutti i governanti delle Nazioni la strada per una nuova Civiltà basata su un progresso qualitativo regolato di pace, giustizia, equilibrio, misura, sobrietà, armonia, rispetto e libertà di tutte le persone e di tutte le meraviglie della natura.

S.O.S. – S.O.S. – S.O.S. – S.O.S. – S.O.S. – S.O.S. – ……………………………..

FLASH 58 – “MA I MERCATI SONO RAZIONALI SOLO NELLA FANTASIA DEGLI ECONOMISTI”. MASSIMO MUCCHETTI – CORRIERE DELLA SERA

Posted in ATTUALITA', ECONOMIA E POLITICA, FOLLIE, RIFLESSIONI, TUTTE LE CATEGORIE with tags , , , , , , , , , , , , , , on luglio 29, 2011 by beautiful41

Questo blog insignisce di MEDAGLIA D’ORO (virtuale, si capisce, perchè l’oro non ce l’ha) il sig. Massimo Mucchetti per avere il coraggio di guardare la realtà senza pregiudizi.

Miracolo italiano! Finalmente una autorevole voce sulla follia del libero mercato. Che il libero mercato, come è inteso oggi e da alcuni decenni, sia irrazionale, e quindi follia, è qualcosa che non è mai voluta entrare in testa alla stragrande maggioranza di economisti, editorialisti, giornalisti, politici, dirigenza, dei paesi occidentali. Ed ancora oggi, nonostante quanto esternato dal sig. Mucchetti, è tabù il solo accennare che il mercato debba essere regolato.

C’è voluto il collasso finanziario di un paio di anni addietro perchè al sig. Alan Greenspan, capo della Banca Centrale Americana, la Federal Reserve, fosse fatto uscire dalla bocca, quasi con le tenaglie, che “sì, il loro errore fu di credere nella “razionalità” dell’uomo”. Ed ora, alla vigilia di un secondo incombente disastro, risentiamo le stesse cose. Meglio tardi che mai!!

Non è materia di questo blog fare una disquisizione sull’economia ma far sentire la voce del cittadino questo sì. Sarebbe bene rimettere immediatamente le regole che furono imposte dopo la grande depressione del 1930 e che furono tolte dalla “deregulation” di Reagan regalandoci questo pò pò di disastri. E sarebbe bene regolare l’economia ed il capitalismo secondo quanto descritto negli articoli precedenti perchè il capitalismo vero è fonte di arricchimento e non di impoverimento, ciò che sta avvenendo con la attuale follia in corso.

Regola fondamentale  di ogni marinaio che si rispetti, se vuole portare in porto la propria nave in sicurezza, è: “Ricordarsi di avere sempre cima a sufficienza da poter filare, perchè se ci si dovesse ridurre a non aver più cima da poter filare il pericolo è gravissimo”.

L’economia dei paesi occidentali purtroppo si è ridotta senza più cima da poter filare per voler credere pervicacemente nella “razionalità” del mercato. E la libertà infinita permette anche agli Stati Sovrani, per qualche miliarduccio in più, di rapinare le tasche dei Cittadini della Terra, gli eterni pagatori, e di mettere a nudo il Re facendo piazza pulita, una volta per sempre, dell’idea di Europa Unita.

16 – I PARADIGMI DELLA FOLLIA

Posted in ARMONIA, ATTUALITA', ECONOMIA E POLITICA, FOLLIE, MISURA E GIUSTIZIA, RIFLESSIONI, STORIA, TESTIMONIANZE, TUTTE LE CATEGORIE with tags , , , , , , on dicembre 4, 2010 by beautiful41

In un’intervista concessa al Times di Londra dopo il cataclisma del recente collasso finanziario principalmente dei paesi occidentali, Alan Greenspan, capo della banca centrale americana per circa 20 anni e fino a poco prima della crisi, ammise con riluttanza, a proposito della validità del potere auto-correttivo del libero mercato, che il loro errore è stato quello di  credere nella “razionalità” dell’uomo. Alan Greenspan fu nominato a capo della Federal Reserve americana, l’equivalente della nostra Banca d’Italia o, con l’euro, della Banca Centrale Europea, dal presidente Reagan, convinto assertore della “deregulation”, cioè di un mondo senza regole, in base ai principi di un capitalismo “puro” agente in una libera economia, senza intervento da parte delle istituzioni statali.

E quali sono questi principi del capitalismo “puro” alla base del “libero mercato” che ha causato questo pò pò di pandemonio??? Essi sono:
1) – Le istituzioni degli Stati e delle Nazioni si devono fare i fatti loro e non devono intervenire nelle faccende economiche dei cittadini. In pratica devono occuparsi solo dell’anagrafe, cioè redigere gli atti di nascita e di morte, magari aggiungendovi quelli di matrimonio, ma niente altro o quasi.
2) – Il progresso agisce secondo una linea retta ascendente, per cui domani sarà sempre meglio dell’oggi. Ciò giustifica di “finanziare” una qualsiasi impresa o attività con il 100%, o più, di debiti. Che è la crescita infinita.
3) – Il mercato, “libero” così da qualsiasi restrizione, è di per sè “razionale”, significando che esso autonomamente regola costi e prezzi sulla base della libera competizione.
4) – L’Uomo è sempre un essere “razionale” il quale, agendo in un sistema già di per sè “razionale”, rende l’intero sistema a prova di bomba, infallibile ed eterno.

Chiaramente Alan Greenspan ed i tantissimi come lui non hanno letto la storia di Giuseppe in Egitto o, se l’hanno letta, non hanno potuto discernerne i significati reconditi perchè resi ciechi dal pregiudizio moderno che vede nell’antichità solo dei trogloditi sognatori. Ed è una tristezza pensare che questi signori sono laureati in università prestigiose americane e che molti o alcuni di essi sono finanche stati insigniti di Premi Nobel. I quattro punti menzionati, la spina dorsale ed i pilastri sui quali è fondata l’economia attuale e moderna, sono dei falsi e semplicemente irrazionali anche per un bambino perchè il primo punto non tiene conto che le Nazioni hanno una costituzione dove si parla di cittadinanza, di lavoro, di diritti e di tanto altro di cui non si può non tenere conto.

Il secondo punto è pura follia perchè si scommette sulla certezza del futuro. Come dire che domani, o fra una settimana, o fra un mese, siamo sicuri che pioverà o che non pioverà, cosa notoriamente impossibile da prevedere nonostante gli sforzi dei meteorologi che a stento si raccapezzano per un giorno solo. E la follia è tanto più impervia e tracotante nel ritenere tale certezza del futuro come un continuo miglioramento.

Il terzo punto dell’autogestione di costi e prezzi in modo razionale in un libero mercato è, se non vogliamo usare la parola follia, semplicemente ridicolo. Basti pensare all’istantaneo cambio di mille lire per un euro deciso da tante persone di propria iniziativa in palese spregio di qualsiasi forma di “razionalità”, senza contare i tantissimi ingiustificati aumenti di tanti prodotti e servizi avulsi da qualsiasi idea di mercato.

Il quarto punto, che l’uomo sia sempre un essere razionale, è solo un sogno, sempre per non chiamarlo follia. Basti pensare all’esistenza dei tanti terroristi, per non parlare dei tanti ladri, ladroni, ladrini, corrotti, eccetera. Il fatto che la follia di tale punto sia stata confermata da Alan Greenspan ci conforta molto poichè esso, da solo, invalida l’intera impalcatura della giustezza e “razionalità” del libero mercato.

L’uomo occidentale moderno ha chiaramente perso il contatto con la realtà. Preso nelle sue teorie e montaggi cerebrali irrazionali di modernità ormai non stà più, come si dice, coi piedi per terra.  Ciò mi rammenta che molto tempo fa ebbi la fortuna di conoscere alcuni uomini, fra coloro che erano stati i fondatori del benessere, ora svanente, dell’Italia di oggi. Molti di essi avevano solo la quinta elementare ma conoscevano l’importanza dei numeri e della spiritualità. Ciò ne faceva degli uomini coi piedi per terra, attenti alla realtà, i padroni di loro stessi ed i signori del loro mondo. Essi inconsapevolmente erano dei “creatori”, nel senso rinascimentale del termine e nel senso dei remoti e antichi fondatori della civiltà umana. col “Maat” come loro Stella Polare. Ricordo uno di essi che portava nel taschino della giacca un’agendina sulla quale annotava i numeri economici della giornata. L’agendina era il suo segretario. il suo ragioniere e il suo computer, e con la sua quinta elementare aveva le idee chiare, idee che Alan Greenspan non immagina neanche, nonostante la sua laurea americana e le tante onoreficenze ricevute.

Visti pertanto gli incommensurabili danni prodotti a centinaia di milioni di persone ed a tante nazioni intere potremmo ritenere a ragione che se al posto di Alan Greenspan, e al posto di tanti come lui, l’Uomo avesse nominato delle persone di buona reputazione e con la quinta elementare, magari un contadino che conosce il valore del lavoro e della terra, o un marinaio di quelli che sulle navi da pesca di altura stanno mesi all’intemperia prima di rientrare, avremmo avuto un risultato senz’altro migliore, risparmiando finanche sui costi di istruzione. Al punto in cui siamo arrivati appare pertanto necessario una presa di coscienza generale ed una sterzata coraggiosa verso un mondo più equilibrato fatto di Giustizia, Amore, Misura e Libertà, una nuova concezione dell’umana convivenza che rinneghi tutti gli estremismi, i pregiudizi ed i folli paradigmi del passato e  dove l’Uomo, liberato dalle sue odierne schiavitù, possa ritornare ad essere il padrone di sè stesso ed il signore del suo mondo, e, eliminando tutti gli eccessi, il governatore degli opposti e dei contrari.