Archivio per Capodibanda

74 – IL GATTO SULL’OCEANO

Posted in ARMONIA, EVOLUZIONE, RIFLESSIONI, TESTIMONIANZE, TUTTE LE CATEGORIE with tags , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , on ottobre 27, 2011 by beautiful41

……

Il gatto era uno straordinario gatto-leone, uno spettacolo ed una meraviglia della natura. Grosso, forte, attento e sospettoso. Il grande faccione ed il pelo fulvo e rossiccio incolto e scarmigliato, a raggiera, conseguente ad una esistenza selvaggia, faceva pensare all’apparizione di un essere extraterrestre. Gli occhi grandi e color verde smeraldo, inquisitivi e diretti, di una sua consapevole regalità superiore e sprezzante appartenente ai dominatori del Creato, trasmettevano il suo pensiero e la sua storia.

Il gatto era il signore delle terre emerse e degli oceani del mondo. Già da tempo aveva deciso di visitare tutti i continenti alla ricerca forse di una anima gemella che potesse essere all’altezza delle sue non comuni caratteristiche di dominatore. Con tale disegno esistenziale nella propria testa aveva scoperto che le navi mercantili si prestavano alla perfezione per il raggiungimento di quest’obiettivo. Il gatto pertanto divenne marinaio ed imparò ben presto a conoscere i vari tipi di navi.

Egli imparò a distinguere i leviatani del mare dalle navi più piccole, le navi più popolate da quelle apparentemente deserte, le grandi petroliere dalle navi da carico generale. Spinto dalla sua naturale diffidenza per il proprio simile e consapevole della pericolosità del diventare schiavo dell’uomo che lo avrebbe “civilizzato” annullando la sua indipendenza, egli sceglieva con cura le navi che andavano in lontani continenti dove si poteva più facilmente nascondere e condurre la sua vita di selvaggio ma padrone di sè stesso, attento solo alla sua sopravvivenza.

Fu così che un giorno il gatto decise di imbarcarsi su un leviatano del mare. Il leviatano, con minerale di ferro e carbone dagli Stati Uniti e dal Brasule andava in Giappone da dove proseguiva per l’Australia ove caricava carbone per le acciaierie dell’Inghilterra. Questo leviatano era una nave cosiddetta “ore and oil” cioè si adattava al trasporto di minerale, carbone, altri carichi alla rinfusa e petrolio, a seconda delle circostanze. Il suo scafo cioè conteneva chilometri e chilometri di tante tubazioni, in coperta e sul fondo, che offrivano infiniti nascondigli ove il gatto poteva rimanere tranquillo ed indisturbato nella sua scelta di vita.

Non si riuscì mai a capire dove il gatto avesse timbrato il suo cartellino d’imbarco ma doveva essere stato o il Giappone o l’Australia, visto anche il suo comportamento, per così dire, poco “europeo”.

Il primo ad accorgersi che c’era una presenza extra a bordo fu il cuoco quando si accorse che le fettine di carne, che lui lasciava in cucina per la notte ad uso facoltativo degli stomaci del personale smontante dai servizi di guardia notturni, avevano invece trovato altri sconosciuti consumatori. Finchè un giorno il gatto fu avvistato fra un meandro ed un altro delle tubazioni del leviatano in tutta la sua avvenenza, maestosità e audacia.

Il gatto pian piano iniziò a monopolizzare l’attenzione delle anime a bordo che cercarono invano di stabilire una pur minima forma di amicizia o di relazione. Egli rimaneva sempre nascosto e usciva solo la notte per cibarsi delle prelibatezze che il cuoco ora gli lasciava generosamente in un piatto in coperta, fuori della cucina. Raramente usciva per una passeggiata diurna in coperta, ma scappava appena incontrava un essere umano sulla sua strada. Fu durante questi fugaci incontri che le anime a bordo realizzarono lo splendore di questo fantastico ed inconsueto felino.

Mentre il leviatano solcava gli oceani verso la sua destinazione, la presenza del gatto a bordo iniziò a suscitare l’attenzione e la preoccupazione del capitano perchè il Paese dove si era diretti non permetteva l’ingresso di animali, cani o gatti, e gli inglesi erano particolarmente ligi a questa loro regola di immigrazione intesa a preservare la flora e la fauna naturale ed incontaminata della loro isola. Qualsiasi eccezione a questa regola doveva essere soggetta a quarantena. Il problema che il capitano non riusciva a risolvere era quindi quello di tenere sotto custodia il gatto in modo che all’arrivo egli fosse stato in grado di dichiarare e mostrare il gatto alle autorità sanitarie. Ma come si faceva a mostrare qualcosa che era nascosto chissà dove fra i chilometri di tubazioni???

Ed il capitano non amava rischiare presentandosi senza dir niente perchè se malauguratamente durante la sosta in porto qualcuno avesse notato il gatto non dichiarato a bordo egli, il capitano, avrebbe potuto incontrare serie difficoltà con le autorità sanitarie che sono le più importanti per essere la prima autorità a dare il permesso di accesso al Paese. Inoltre il marconista, o radiotelegrafista, del leviatano del mare era un inglese di cittadinanza inglese e chi poteva giurare che non avrebbe riportato comunque la presenza del gatto alle dette autorità???

Dopo notti insonni alla ricerca della soluzione di questo rebus che gli girava per la testa, il capitano si convinse che era necessario approntare un piano d’azione per catturare il gatto e tenerlo sotto custodia vigilata al fine di poterlo mostrare quando necessario. Il capitano chiamò il carpentiere, gli spiegò il problema e gli commissionò la costruzione di una gabbia speciale. Il carpentiere si mise all’opera e dopo qualche giorno completò quanto richiestogli.

La gabbia era di forma cubica, gli spigoli di circa un metro e mezzo, dall’intelaiatura di legno e le facciate composte di robusta rete metallica. Una delle facciate della gabbia era scorrevole, si poteva alzare ed abbassare per permettere il libero ingresso nella stessa gabbia. La gabbia fu posizionata al centro della boccaporta poppiera, proprio sotto e davanti al ponte di comando una decina di metri più in alto. Una cordicella, o sagola, prolungantesi dalla plancia, era legata alla porta della gabbia per mantenerla sollevata ed aperta, mentre il piatto con le prelibatezze del cuoco fu spostato dentro la gabbia.

Per qualche giorno il gatto, forse sospettando che qualcosa non andava per il verso giusto, non si fece vivo. Poi un giorno, verso l’alba, il marinaio di vedetta intravide il gatto che, furtivo, si dirigeva verso il piatto dentro la gabbia. Mollò la sagola, la porta scivolò per chiudersi ma non tanto velocemente da impedire la fuoriuscita del gatto che, dopo essere rimasto per alcuni momenti incastrato sotto il battente, si divincolò con la sua grande forza ritornando nel suo nascondiglio. L’attesa ricominciò ed a tre giorni dall’arrivo il gatto ritormò e questa volta si lasciò intrappolare nella gabbia.

Non si saprà mai cosa passò nelle menti del gatto e del capitano ma fatto è che il gatto, con quest’ultimo avvenimento, risolse tutti i problemi del capitano e questi, forse in segno di riconoscenza ed intravvedendo quali fossero le reali intenzioni e programmi del gatto, dopo la partenza dall’Inghilterra, con il leviatano diretto verso terra americana, lo liberò dalla gabbia lasciandolo alla sua preferita vita selvaggia e solitaria.

All’arrivo in terra americana, mentre il leviatano si avvicinava lentamente al pontile, le anime a bordo all’improvviso videro il gatto sul “capodibanda” pronto a saltare. Ad alcuni metri dal pontile il gatto scattò in un salto prodigioso e, una volta atterrato, si lanciò in una corsa sfrenata fino a perdita d’occhio. Forse sapeva di aver ritrovato la sua terra originale dove c’era la sua Pocahontas che l’attendeva da sempre per sempre.

71 – SEPPELLIMENTO IN MARE

Posted in ATTUALITA', ECONOMIA E POLITICA, EVOLUZIONE, TESTIMONIANZE, TUTTE LE CATEGORIE with tags , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , on ottobre 6, 2011 by beautiful41

…..

In mare una volta si seppellivano solo i morti. Oggi, con la “modernità”, vi si seppelliscono anche i vivi. Vediamo di descrivere lo svolgersi di queste opposte dipartite cominciando dal seppellimento in mare dei morti.

Fino al 1970 i viaggi delle persone fra un continente ed un altro venivano espletati pressocchè esclusivamente a mezzo dei “Transatlantici” che erano delle grandi navi che collegavano tutte le principali località del mondo su una base di periodicità conosciuta, con un servizio, quindi, di “linee regolari”. Nonostante la grande potenza e velocità dei transatlantici i viaggi erano a volte molto lunghi, fino ad un mese, per esempio, fra l’Inghilterra e l’Australia o la Nuova Zelanda.

Durante questi lunghi viaggi capitava che qualcuno morisse, nonostante la presenza a bordo di due ufficiali medici, infermiere ed ospedale, per lo più per cause legate al cuore ed alla vecchiaia. Al rifiuto dei familiari del deceduto di accollarsi le spese del rimpatrio della salma via aerea dal susseguente scalo della nave, si procedeva pertanto al seppellimento in mare.

A mezzanotte e qualche minuto due marinai trasportavano il corpo del deceduto, già infilato in un solido e spesso sacco di juta, dall’ospedale al ponte scoperto più basso della nave, che normalmente è all’estrema poppa. Il sacco veniva appesantito da pesanti pezzi di ferro e ghisa e quindi chiuso. Il sacco veniva adagiato su una tavola rettangolare avvolta nella bandiera nazionale della nave e il tutto veniva coperto quindi da una seconda bandiera della nazionalità del deceduto. La tavola poggiava con una estremità sul “capodibanda”, il parapetto, del lato di sottovento, mentre l’altra estremità era sospesa e resa orizzontale dal sostegno delle braccia dei due marinai.

Alla stessa ora conveniva lo staff della nave al completo, in uniformi impeccabili, composto da comandante, direttore di macchina, capo commissario, primo medico, cappellano, ufficiale di plancia smontante, per un ultimo saluto al deceduto. La cerimonia si svolgeva rapidamente ed avveniva nella massima compostezza ed in un silenzio totale rotto solo dai cenni del capo del comandante nell’ordinare al cappellano il via alla preghiera che normalmente era breve e del tipo:

Accogli, o Signore, l’anima fedele del nostro fratello,

perchè,  lasciato questo mondo, viva in te;

nella tua clemenza cancella i peccati che ha commesso

e concedigli il perdono e la pace.

Per Cristo nostro Signore.

Terminata l’orazione, ad un secondo cenno del comandante, l’ufficiale di plancia telefonava sul ponte di comando ordinando “Timone venti a dritta!!”, se il sottovento era la dritta. La nave iniziava ad evoluire nella notte dell’oceano creando dal lato dell’accostata una ampia fascia di superficie del mare liscia e tranquilla, evitando anche la possibilità che un corpo affondato potesse finire nel rullo delle eliche. Era l’ultima forma di ossequio, rispetto e saluto per una vita che se ne andava.

Ad un ultimo cenno del capo del comandante i due marinai sollevavano l’estremità della tavola nelle loro mani lasciando scivolare dolcemente in mare il sacco di juta fra le due bandiere. Il deceduto era andato. Con una seconda telefonata in plancia con l’ordine di terminare l’evoluzione e rientrare in rotta si concludeva la cerimonia di seppellimento in mare, mentre l’orchestra dai saloni dei ponti superiori sembrava che volesse accompagnare con la sua musica soffusa, assieme ai tanti violini del sibilio del vento, ad insaputa dei passeggeri, il canto di gloria dell’oceano per il viaggio di un’anima nella dimensione dell’eternità.