Archivio per Comandante

90 – SAMIR

Posted in ARMONIA, ATTUALITA', EVOLUZIONE, RIFLESSIONI, SPIRITUALITA', TESTIMONIANZE, TUTTE LE CATEGORIE with tags , , , , , , , , , , , , , , , , , , , on gennaio 22, 2012 by beautiful41

…….

Samir

Samir era uno di quegli uomini che si esprimono con l’anima. I vestiti che gli uomini normalmente indossano e coi quali essi vengono riconosciuti e catalogati, di nazionalità, provenienza, cultura, religione e stato sociale, per gli uomini che si esprimono con l’anima perdono il loro significato e consistenza perchè annullati dalla luce dei valori eterni ed universali dell’anima che li pervade. Samir era un dirigente tuttofare del porto di Smirne, o Izmir, e organizava il lavoro e seguiva i rapporti con le autorità per tutte le navi straniere che vi scalavano.

Si abbracciarono e salutarono come sempre e, dal fondo del corridoio. Samir si voltò e disse “Arrivederci comandante!”.

La nave si apprestò alla partenza e verso la mezzanote lasciò la banchina dirigendo verso l’uscita dalla splendida baia di Smirne, tutta scintillante di luci della grande città. Dopo esser passata vicinissima a punta Yenikale, porta obbligata della baia, la nave aumentò la velocità procedendo verso il mare aperto dell’Egeo, dando pertanto il “finito attenzione in macchina”.

Il giovane clandestino fu scoperto dagli ufficiali di macchina mentre rientravano nei propri alloggi e il capitano ne fu immediatamente informato.

Era un giovane della Turchia orientale intrufolatosi a bordo durante le operazioni a Smirne. La nave era ancora in acque territoriali turche per cui il capitano telefonò a Samir informandolo che era sua intenzione ritornare a Smirne per restituire il clandestino. Alle tre di notte Samir stava dormendo e rispose con la voce tipica di chi è stato appena svegliato.

Samir aveva subito in precedenza un intervento al cuore e quindi doveva cercare di condurre uno stile di vita moderato e senza eccessi. Questa sveglia in piena notte andava contro questa regola. La nave era già stata ufficialmente “spedita”, come si dice in gergo, e Samir avrebbe potuto benissimo dire al capitano di fare quello che più riteneva opportuno ritornando a Smirne chiedendo, via canali ufficiali, una nuova autorizzazione all’entrata in porto per un nuovo rilascio di “libera pratica” e quindi chiedere di restituire il clandestino. Ma in tal caso la nave avrebbe perso una buona giornata.

Ma Samir era un uomo dell’anima, sempre sorridente e ben disposto verso il proprio simile, chiunque fosse. Ed il capitano suo amico stava in difficoltà con il clandestino. Per questo tipo di uomini dell’anima valgono solo le regole di umanità immortali della Civiltà, quali solidarietà, rispetto, condivisione, armonia, amore, mentre le regole burocratiche amorfe di leggi, regolamenti, istituzioni, “implementazioni”, “conformità” o “non conformità”, eccetera, vengono infinitamente dopo, avendo solo valore indicativo generale. Samir chiese al capitano di ricontattarlo dopo alcuni minuti allorchè, dopo aver tirato dal letto a sua volta tutte le autorità interessate, comunicò alla nave di essere pronto per l’operazione.

La nave accostò e ritornò indietro a Smirne ove Samir era in attesa con tutte le autorità su un motoscafo che andò incontro alla nave al centro della baia ove il clandestino fu riconsegnato al suo Paese. Fu così che, verso le 06.00, l’operazione si concluse e la nave potè ripartire per la sua destinazione avendo perso solo circa 6 ore.

In un successivo ritorno a Smirne il capitano seppe che il clandestino aveva poi trovato lavoro come lavapiatti in uno dei tanti ristoranti della città e pensò che, forse, anche in quel caso c’era stato lo zampino di Samir.

Questa operazione di riconsegna di clandestini si era verificata in altri Paesi con modalità e circostanze diverse ma mai con lo spirito dei valori umani di Samir.

Samir era molto contento che la Turchia stesse per essere accettata e stesse per entrare nel consesso dell’Europa Unita. Ma le cose purtroppo hanno preso un’altra piega. Peccato. Samir avrebbe arricchito sicuramente il consesso europeo governato da balordi che, oltre alle “implementazioni”, “conformità” o “non conformità”, sanno ben poco dei valori umani della Civiltà.

71 – SEPPELLIMENTO IN MARE

Posted in ATTUALITA', ECONOMIA E POLITICA, EVOLUZIONE, TESTIMONIANZE, TUTTE LE CATEGORIE with tags , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , on ottobre 6, 2011 by beautiful41

…..

In mare una volta si seppellivano solo i morti. Oggi, con la “modernità”, vi si seppelliscono anche i vivi. Vediamo di descrivere lo svolgersi di queste opposte dipartite cominciando dal seppellimento in mare dei morti.

Fino al 1970 i viaggi delle persone fra un continente ed un altro venivano espletati pressocchè esclusivamente a mezzo dei “Transatlantici” che erano delle grandi navi che collegavano tutte le principali località del mondo su una base di periodicità conosciuta, con un servizio, quindi, di “linee regolari”. Nonostante la grande potenza e velocità dei transatlantici i viaggi erano a volte molto lunghi, fino ad un mese, per esempio, fra l’Inghilterra e l’Australia o la Nuova Zelanda.

Durante questi lunghi viaggi capitava che qualcuno morisse, nonostante la presenza a bordo di due ufficiali medici, infermiere ed ospedale, per lo più per cause legate al cuore ed alla vecchiaia. Al rifiuto dei familiari del deceduto di accollarsi le spese del rimpatrio della salma via aerea dal susseguente scalo della nave, si procedeva pertanto al seppellimento in mare.

A mezzanotte e qualche minuto due marinai trasportavano il corpo del deceduto, già infilato in un solido e spesso sacco di juta, dall’ospedale al ponte scoperto più basso della nave, che normalmente è all’estrema poppa. Il sacco veniva appesantito da pesanti pezzi di ferro e ghisa e quindi chiuso. Il sacco veniva adagiato su una tavola rettangolare avvolta nella bandiera nazionale della nave e il tutto veniva coperto quindi da una seconda bandiera della nazionalità del deceduto. La tavola poggiava con una estremità sul “capodibanda”, il parapetto, del lato di sottovento, mentre l’altra estremità era sospesa e resa orizzontale dal sostegno delle braccia dei due marinai.

Alla stessa ora conveniva lo staff della nave al completo, in uniformi impeccabili, composto da comandante, direttore di macchina, capo commissario, primo medico, cappellano, ufficiale di plancia smontante, per un ultimo saluto al deceduto. La cerimonia si svolgeva rapidamente ed avveniva nella massima compostezza ed in un silenzio totale rotto solo dai cenni del capo del comandante nell’ordinare al cappellano il via alla preghiera che normalmente era breve e del tipo:

Accogli, o Signore, l’anima fedele del nostro fratello,

perchè,  lasciato questo mondo, viva in te;

nella tua clemenza cancella i peccati che ha commesso

e concedigli il perdono e la pace.

Per Cristo nostro Signore.

Terminata l’orazione, ad un secondo cenno del comandante, l’ufficiale di plancia telefonava sul ponte di comando ordinando “Timone venti a dritta!!”, se il sottovento era la dritta. La nave iniziava ad evoluire nella notte dell’oceano creando dal lato dell’accostata una ampia fascia di superficie del mare liscia e tranquilla, evitando anche la possibilità che un corpo affondato potesse finire nel rullo delle eliche. Era l’ultima forma di ossequio, rispetto e saluto per una vita che se ne andava.

Ad un ultimo cenno del capo del comandante i due marinai sollevavano l’estremità della tavola nelle loro mani lasciando scivolare dolcemente in mare il sacco di juta fra le due bandiere. Il deceduto era andato. Con una seconda telefonata in plancia con l’ordine di terminare l’evoluzione e rientrare in rotta si concludeva la cerimonia di seppellimento in mare, mentre l’orchestra dai saloni dei ponti superiori sembrava che volesse accompagnare con la sua musica soffusa, assieme ai tanti violini del sibilio del vento, ad insaputa dei passeggeri, il canto di gloria dell’oceano per il viaggio di un’anima nella dimensione dell’eternità.