Archivio per Economia Reale

67 – BANDIERE OMBRA E PARADISI FISCALI

Posted in ARMONIA, ATTUALITA', ECONOMIA E POLITICA, EVOLUZIONE, MISURA E GIUSTIZIA, PROPOSTE MILLENARIE, RIFLESSIONI, TUTTE LE CATEGORIE with tags , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , on settembre 11, 2011 by beautiful41

….

Le bandiere ombra ed i paradisi fiscali sono due facce di una stessa medaglia. Le bandiere cosiddette “ombra” o di “convenienza” nacquero in tempi moderni in via sperimentale con qualche natante battente bandiera panamense negli anni 20 dello scorso secolo durante il proibizionismo. Ma la sua vera nascita in tempi recenti avvenne nel 1949 allorchè la prima grande nave commerciale, una petroliera appartenente all’armatore greco Niarchos, innalzò, in piena legalità, sul suo albero maestro la bandiera della Liberia.

Da allora è stata tutta una “escalation”, di carattere spasmodico negli ultimi 20 anni, dopo il crollo del muro di Berlino. Si calcola che oggi oltre il 40% della flotta commerciale mondiale batte una “bandiera di convenienza”. Se si aggiunge a questo 40% una imprecisata enorme quantità di navi mercantili di normali tradizionali bandiere come Inghilterra, Francia, Italia, Germania, eccetera, che, per evitare di scomparire ed essere travolte dalla impetuosa ascesa delle “bandiere ombra”, hanno istituito un secondo registro, o registro internazionale, in cui iscrivere le navi che ne fanno richiesta, allora la percentuale sale a ben oltre il 60%. Questo secondo registro è in pratica una “bandiera ombra” camuffata sotto le insegne nazionali. E senza contare le migliaia o milioni di barche da diporto o yachts.

Lo scopo dell’istituzione delle “bandiere ombra” è l’anonimato del proprietario (basta una casella postale), libertà di operare con equipaggi di tutte le nazionalità, regime fiscale pressocchè nullo bastando una elemosina di pochi spiccioli dati allo Stato della “bandiera ombra”, legislazione dello Stato della “bandiera ombra” molto permissiva. In pratica la “bandiera ombra” permette al proprietario di assaporare in modo assoluto il concetto di libertà senza essere perseguitato da tassazioni, burocrazie, limiti e divieti della Nazione di origine del proprietario.

Le bandiere ombra sono tante. La più estesa è Panama ma tanti mini-Stati sono pronti o aspirano ad iscrivere nei loro registri qualsiasi natante a cui concedere la propria bandiera in cambio di pochi spiccioli. Tutto fa brodo. Sono soldi caduti dal cielo che nella grande quantità fanno un bel gruzzolo per un piccolo Stato, specialmente se povero.

I paradisi Fiscali si sono sviluppati in parallelo con le bandiere ombra ed è difficile se non impossibile dire quale dei due, bandiere o paradisi, sia più antico dell’altro. In tempi moderni iniziò la Svizzera che, a causa della sua neutralità fra le due guerre mondiali, poteva offrire un rifugio sicuro a piccole e grandi ricchezze provenienti da tutta Europa. Si incrementarono con i dittatori, presidenti e ministri dei paesi africani che, con la fine delle colonizzazioni, hanno rubato, e rubano sempre, tutta la ricchezza dell’Africa depositandola nei paradisi fiscali.

Lo scopo di un paradiso fiscale è uguale a quello della bandiera ombra. Anonimato (basta un numero di conto), libertà assoluta di operare con investimenti o trasferimenti ovunque, regime fiscale nullo, o quasi, bastando solo pochi spiccioli, segretezza assoluta per vanificare qualsiasi legislazione. E’ chiaro quindi che qualsiasi persona che possieda qualcosa di più di quanto gli possa servire per vivere, abbia enormi vantaggi dal servirsi di un paradiso fiscale.

L’accrescimento del numero di paradisi fiscali ha seguitto l’accrescimento del numero di bandiere ombra dagli anni 50 in poi, assumendo una inpennata spasmodica nel corso degli ultimi 20 anni. Oggi non c’è scoglio, isolotto, atollo, cocuzzolo di montagna, indipendente, che non aspiri a diventare, quando non lo sia già, paradiso fiscale. Questo “boom” dei paradisi fiscali è nato naturalmente a causa di una grande domanda nella ricerca di paradisi fiscali. Non c’è professionista “di grido”, o “affermato”, senza parlare della schiera di mini e maxi “imprenditori”, corporazioni e società,  “truffatori” e “portaborse”, e tanti altri, che non aspiri, quando non lo sia già, ad essere un cliente di un paradiso fiscale. Il paradiso fiscale è diventato uno “status symbol” e chi non ne è compartecipe è un poveraccio.

L’insieme dei capitali depositati nei paradisi fiscali supera di gran lunga i prodotti o “budgets” delle Nazioni e formano quella che comunemente viene chiamata “evasione fiscale”. Questa enorme massa di capitali può destabilizzare o decidere i destini di intere Nazioni ed è il problema dei problemi dei giorni nostri.

L’enorme crescita delle bandiere ombra e dei paradisi fiscali sta pertanto portando alla luce o mettendo in evidenza qualcosa che per il passato non è stato considerato a sufficienza, e cioè lo sgretolamento, l’erosione e l’impoverimento progressivo delle Nazioni da un lato, e la crescente separazione fra cittadini “normali”, o “poveracci”, e cittadini “anormali”, clienti dei paradisi fiscali, dall’altro lato. L’anormalità dei cittadini “anormali” sta nel fatto che essi stanno con un piede nel Paese dove sono nati, sono stati istruiti e ne hanno cultura, cittadinanza e residenza, mentre con l’altro piede stanno in un altro Paese, il paradiso fiscale depositario dei loro segreti averi.

Le Nazioni gradualmente verranno ad essere costituite esclusivamente dagli elementi poveri della popolazione mentre tutto il potere risiederà nei paradisi fiscali ed i loro costituenti. Nazione, Costituzione, Bandiera, Cittadinanza, diritti e doveri, perderanno la loro autorevolezza e significato diventando, come spesso già lo sono, elementi di spettacolo per circhi equestri. Tutto ciò non promette niente di buono ed ha tutta l’aria che porterà ad una rivoluzione o guerre future se non facciamo niente. E cosa si potrebbe fare per risolvere il problema pacificamente, se si potrà risolvere???

Una rivoluzione pacifica agendo su tre fronti. Il primo fronte agisce all’insegna della libertà nel senso che ciascuno ha la libertà di proteggere la propria dignità, cittadino e Nazione, cancellando dalle anagrafi della Nazione tutti coloro che mantengono depositi nei paradisi fiscali. Quindi niente passaporto, niente carta d’identità, niente nascita o cittadinanza; sequestro dei loro beni nel Paese, loro espulsione dal Paese e rifiuto di ricevere le loro merci. Ciascuno assume la responsabilità della propria libertà.

Il secondo fronte agisce su una riduzione della tassazione perchè è chiaro che con il 50% circa di tasse l’incentivo a servirsi dei paradisi fiscali è molto forte. Una tassazione ragionevole dovrebbe gradualmente abbassarsi indicativamente al 2% per tutto e per tutti, riducendo drasticamente e gradualmente le spese dello Stato. Una tale tassazione, oltre che rilanciare l’economia reale, automaticamente eliminerebbe o ridimensionerebbe moltissimo le mafie, criminalità e corruzioni che traggono alimento dall’enorma quantità di soldi pubblici.

Il terzo fronte agisce sulla Costituzione abrogandola o asservendola al Codice della Navigazione Marittima in vigore ove la Nazione viene equiparata ad una Nave Mercantile in navigazione e pienamente operativa. Il capitano della nave sarà naturalmente il presidente della Nazione ed avrà mandato per un anno. Camera e Senato saranno abolite e sostituite da 6 consulenti senatori e 6 consulenti deputati anch’essi in carica per un anno. Il capitano ed i suoi 12 consulenti dovranno essere nullatenenti e dovranno prestare la loro opera gratis e retribuiti solo dal rispetto, dall’onore e dalla loro autorevolezza, fatto salvo naturalmente le spese per il cibo e quelle per il servizio. La Costituzione fu ideata per paralizzare il Paese in tempi in cui si temeva per le dittature.

Potrebbe sembrare una follia pura. Ma i tempi che viviamo richiedono misure adeguate alla loro forza travolgente e distruttrice. E non possiamo arrivare alla fine del secolo o del millennio facendoci la guerra tra “fascisti” e “comunisti” o tra Nord e Sud o cantando “bella ciao”. Dobbiamo guardare Avanti verso il Futuro possibilmente pacifico!!!

 

 

56 – IL CAPITALISMO DELLA FOLLIA

Posted in ATTUALITA', ECONOMIA E POLITICA, FOLLIE, MISURA E GIUSTIZIA, TUTTE LE CATEGORIE with tags , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , on luglio 19, 2011 by beautiful41

Il Capitalismo esiste da molte migliaia di anni ed è parte della natura dell’uomo. Abitare nella propria casa e coltivare il proprio terreno per alimentarsi e possedere i propri utensili e beni necessari per un’esistenza confortevole sono delle necessità fondamentali dell’uomo ed il loro valore rappresenta il “Capitale” originario.

Da questo “capitale” originario si è venuta sviluppando, col passare dei millenni, una “economia capitalista” basata sul diritto di proprietà dei propri beni e dei propri guadagni. Persino il codice di Hammurabi, del 1750 A.C., per quanto un codice barbaro perchè il codice della legge del taglione, salvaguardava questo diritto naturale dell’uomo.

Anche nelle fasi di crescita moderne, in particolare durante il “miracolo economico”, la crescita era basata sul risparmio. Cioè io, proprietario di un bar o negozioo o gestore di una attività o lavorando, accumulando gradualmente quello che riesco a risparmiare facendo dei sacrifici, con questi risparmi miei se sarò fortunato aprirò un secondo bar o una seconda attività o mi ingrandirò o migliorerò la mia condizione. Era questo il capitalismo “buono” o “standard” millenario che permise all’Italia di essere ricostruita dopo l’ultima guerra.

Ed anche quando si faceva ricorso a dei prestiti, questi raramente oltrepassavano la metà del valore delle proprietà possedute dal ricevitore del prestito, ciò a garanzia del prestito stesso. Questo capitalismo classico era basato sul rispetto. Rispetto per chi riceveva il prestito che così veniva aiutato nel raggiungimento dei suoi obiettivi, e rispetto per chi elergiva il prestito, il cittadino depositante presso una banca, cittadino che riceveva degli interessi quale ricompensa per il suo gesto di fiducia. Questo capitalismo classico permetteva e permise la crescita di quella che si chiama “economia reale” basata sulla proprietà immobile e liquida dei cittadini.

Verso gli anni 70 dello scorso secolo un angelo ignorante scese dal cielo ed iniziò a fare propaganda fra gli uomini convincendoli gradualmente che essi erano dei moderni uomini all’apice della conoscenza e della civiltà e che pertanto avevano tutte le ragioni per ripudiare i concetti e gli insegnamenti dei trogloditi del passato con i quali sarebbe stato meglio recidere ogni legame, procedendo verso una nuova concezione di “libertà infinita”. Il crollo del comunismo alimentò ancora di più queste afrodisiache idee di “modernità” determinando i destini dell’attuale capitalismo.

Il capitalismo di oggi non è più un capitalismo, ma è l’antitesi, l’opposto, la negazione di esso. E’ un raggiro furbesco studiato nei minimi particolari da chi non ha sapienza e da chi è convinto che i soldi producano altri soldi indipendentemente dal “capitale” originario e che il cittadino proprietario dei depositi bancari non conti più niente e quindi non serve più concedergli rispetto perchè i suoi soldi non sono più una sua inalienabile proprietà, ma sono di proprietà della banca dove essi sono depositati.

La banca quindi, che effettuava solo la gestione dei soldi dei cittadini che ne erano proprietari, ora, in questo nuovo non capitalismo, se ne è proclamata essa stessa proprietaria insindacabile. Gli interessi che una volta venivano concessi ai cittadini ora non più, ed anzi al contrario è il cittadino che deve pagare la banca sotto forma di “tasse”, “spese tenuta conto”, “spese postali”, “assicurazioni” ed altre allucinazioni del genere. E naturalmente, dopo tanta decurtazione, bisogna anche ringraziare.

Con le liberalizzazioni e le privatizzazioni questo processo si è ancor più acutizzato. Tutti sentiamo che poche singole persone sono “azionisti” o “proprietari” di tale o tal altra banca e che, assieme ad altre banche, concorrono ad essere “azionisti” o “proprietari” delle banche centrali. Ed i cittadini che fine hanno fatto??? I cittadini sono semplicemente scomparsi. Non esistono. Con i soldi degli interessi non più pagati ai cittadini, tranne a qualche raccomandato, le banche hanno acquistato ogni ben di Dio di cui naturalmente i suoi “azionisti” o “proprietari” ne sono i goditori ed intestatari. E con gli stessi interessi non pagati i loro managers hanno potuto riconoscersi remunerazioni e stipendi milionari da mille e una notte.

Questa manna caduta dal cielo, solo per modo di dire perchè in realtà è una manna proveniente dalle tasche dei cittadini che spesso hanno duramente lavorato, è andata ad alimentare un’altra idea geniale moderna, quella dei “finanziamenti” totali a progetto. In pratica un nullatenente che presenti un progetto giudicato ammirevole e funzionale, senza un solo soldo dei suoi, riceve il finanziamento del 100% o più per l’attività che vuole intraprendere. Ciò comporta un altissimo rischio ed un’alta percentuale di insolvenza. Questi “finanziamenti” sono anche chiamati “investimenti”.Chi paga??? Ma naturalmente il cittadino che non conta niente!!!

La ciliegina sulla torta del moderno non capitalismo è rappresentata dalla Borsa dove in pratica, a comando, si fanno salire o scendere le quotazioni scommettendoci sopra, ricavando in pochi secondi ingenti fortune dal niente e, con la nota “speculazione”, distruggendo in pari tempo capitali, nazioni, uomini, cose e lavoro. Ed i governi sono talmente debilitati dalla propaganda dell’angelo ignorante, che cioè questo sistema è il non plus ultra della sapienza e della Civiltà, che essi neanche hanno il coraggio di proibire per sempre per lo meno quello che si chiama “la vendita a breve” o “short selling”, ciò perchè la libertà del mercato è tabù “intoccabile”.

Ma è bene che il cittadino sappia che questo capitalismo non è capitalismo. Il capitalismo vero è uno strumento naturale di crescita e di produzione di ricchezza per tutti i cittadini della Terra quando praticato nel rispetto, senza eccessi e nella giusta misura, proteggendo il vero capitale che è fatto dei possedimenti e del lavoro dei cittadini, ora totalmente esclusi ed insignificanti. Questo moderno capitalismo invece, sinonimo di distruzione, è pura follia predatoria e lo vediamo tutti i giorni come, attoniti, assistiamo al baratro che si prospetta davanti a noi.

I cittadini della Terra, con la prossima manifestazione pacifica, spontanea e planetaria del solstizio invernale del 22 Dicembre, potranno ancora far sentire la loro voce, indicando il da farsi ai loro governi, perchè essi, i cittadini della Terra, sono i veri padroni della Terra e del loro destino.

FLASH 45 – L’ITALIANO CON I GENITORI TEDESCHI

Posted in ARMONIA, ATTUALITA', ECONOMIA E POLITICA, FOLLIE, RIFLESSIONI, TESTIMONIANZE, TUTTE LE CATEGORIE with tags , , , , , , on giugno 11, 2011 by beautiful41

“Ma i suoi genitori sono tedeschi???”. Così talvolta si vede apostrofare un italiano onesto che sappia fare bene qualcosa con volontà, impegno e dignità, da un cittadino di lingua tedesca. “E’ un tedesco!” Quest’altra qualificazione viene invece profferita da un cittadino italiano verso un altro cittadino italiano che si comporta in modo preciso ed è ligio al dovere. I cittadini di madrelingua inglese preferiscono però usare una diversa “forma mentis” con la locuzione “E’ un italiano onesto!”.

Non si tratta di una cosa nuova e risale per lo meno agli anni 70. Insomma un italiano semplice e senza alcuna specifica è già in partenza uno che non sa fare niente o non vuole fare niente o disonesto. Ultimamente ciò è capitato al Governatore della Banca d’Italia Mario Draghi dopo essere stato prescelto, con qualche titubanza, a governare la Banca Centrale Europea per il prossimo mandato.

La titubanza sembra essere svanita quando la stampa tedesca ha riportato che il sig. Mario Draghi “parla come un tedesco”.

E’ chiaro che per risollevare questo Paese dal suo stato di estrema rilassatezza in cui si trova non abbiamo scelta se non quella di diventare tutti, o quasi tutti, “tedeschi”. E come si fa a diventare “tedeschi”??? E’ semplice. La proposta di questo sito è quella di dare una medaglia d’oro agli operatori “veri” quali operai, muratori, minatori, spazzini,artigiani, professori valorosi e coloro che operano nell’economia “reale” con passione e distinzione. Poi vedremo di aggiustare il tiro in futuro.

Non dimenticate il 21 Giugno (articolo 30) per cambiare questo mondo malato con la nostra volontà e non quella dei nostri governanti.