Archivio per Editoria

FLASH 54 – MURDOCH, DARWIN E LA CIVILTA’

Posted in ARMONIA, ATTUALITA', ECONOMIA E POLITICA, EVOLUZIONE, MISURA E GIUSTIZIA, RIFLESSIONI, TUTTE LE CATEGORIE with tags , , , , , , , , , , , , , , , , , , , on luglio 15, 2011 by beautiful41

Murdoch, il magnate dell’editoria, televisioni e telecomunicazioni coinvolto in Inghilterra nello scandalo delle “intercettazioni” illegali, è un uomo appartenente all’evoluzione di Darwin o è un prodotto della Civiltà??? E si può essere una espressione di entrambe contemporaneamente??? Sembra che ciò non sia possibile, con dispiacere di molte persone. O si appartiene all’una o si appartiene all’altra.

Negli ultimi decenni le idee evoluzioniste di Darwin, con la selezione naturale, sono state interpretate sempre più come idee di progresso. Il più adatto, il più forte, il più intelligente “sopravvive” a scapito dei concorrenti che così periscono o si estinguono. Da questa interpretazione è nata l’idea del “successo” e del successo “ad ogni costo”, il solo o la sola cosa che conti veramete. Il successo ad ogni costo è il credo, la fede incrollabile di moltissimi magnati, managers ed imprenditori delle comunicazioni e non solo. Il fine giustifica i mezzi è anche il loro motto. Spiare, ingannare, dire il falso, agire senza considerazione per la privacy altrui, infangare persone, al fine di essere sempre sulla cresta dell’onda della notizia, per avere sempre uno “scoop” ed un margine di vantaggio sulla concorrenza, e quindi vendere di più, è l’invasiva idea della “modernità”.

Il mondo imprenditoriale è pervaso fin nel suo midollo di questa filosofia. Competere significa competere per vincere ad ogni costo ed ormai non si fa più neanche distinzione fra competizione leale e competizione sleale. In nome di una libertà infinita concessa dalle costituzioni liberali assieme ad una competitività senza regole, essa, questa moderna classe dirigenziale, i Templari del XXI° secolo, ha condotto il mondo sull’orlo del baratro. Tutto viene tracimato, polverizzato, sminuzzato, annientato nella voragine, nel vortice, nel maelstrom, nel buco nero, nel gorgo del “successo ad ogni costo” o del “si salvi chi può”.

Ma questa filosofia o teoria non fa parte della Civiltà. La Civiltà nacque con la “Confessione Negativa” in una filosofia di non violenza e rispetto verso sè stessi, verso gli altri e verso la natura. Ma soprattutto la Civiltà nacque come “Governo dell’Uomo” delle forze evolutive della natura nella inclusione, nella Misura, nella condivisione, nell’umiltà e razionalità, nellìassenza di eccessi e di predominio, tutte cose di cui i Templari del XXI° secolo neanche sospettano l’esistenza.