Archivio per Giobbe

70 – LA CRESCITA E L’ARABA FENICE

Posted in ARMONIA, ATTUALITA', ECONOMIA E POLITICA, EVOLUZIONE, RIFLESSIONI, STORIA, TUTTE LE CATEGORIE with tags , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , on settembre 30, 2011 by beautiful41

…..

Un uomo, con il suo lavoro o attività, produce 100 infissi in un anno, vendendoli tutti. L’anno successivo ne produce 105 e li vende tutti. Non fa debiti ma neanche risparmia, e consuma tutto quello che guadagna. la sua attività si incrementa del 5% ogni anno e così pure il suo standard di vita. L’uomo è onesto e giusto, e rispettoso della sua famiglia, degli amici e della natura. Egli pertanto viene ricambiato con lo stesso rispetto nella comunità in cui vive.

Questa crescita continua va avanti per vari decenni per cui il nostro uomo dimentica che è soggetto alle leggi dell’evoluzione provenienti dal cosmo che in sintesi dicono che ogni periodo di abbondanza viene seguito da un periodo di carestia e che ogni periodo di illuminazione viene seguito da un periodo di oscurità. Questo nostro uomo, senza saperlo nè volerlo, si trova a ripercorrere le stesse esperienze di Giobbe descritte sinteticamente all’articolo n. 65.

Un bel giorno, o un bell’anno, il suo incremento di produttività non viene assorbito più dalle vendite. Per motivi non imputabili a lui le vendite, che avevano raggiunto 150 infissi all’anno, diminuiscono anno dopo anno: 145, 140, 130, 120….70, 50, eccetera. Pur non avendo debiti da pagare, l’uomo è costretto a ridurre lo standard di vita a cui era abituato con tutta la sua famiglia. Ma, con meno di 40 infissi all’anno egli non riesce più a sfamare la sua famiglia e mette in vendita tutti i suoi beni con la speranza di sopravvivere.

Le cose sarebbero andate diversamente se il nostro uomo durante gli anni della crescita avesse messo da parte, cioè risparmiato, un quinto del suo profitto annuo. Ciò gli avrebbe permesso di affrontare la crisi da una diversa condizione e forse sottrarsi al peggio. Ma ciò purtroppo non è stato fatto. Il nostro uomo è già in una condizione più fortunata di assenza di debiti, perchè le Nazioni occidentali e molti suoi componenti e cittadini hanno fatto di peggio immergendosi in un mare di debiti confidando di pagare con la crescita futura. Per cui ora si invoca la crescita.

Dateci la crescita!!! Vogliamo la crescita!!! Ma la crescita purtroppo non verrà per parecchi o molti anni a venire. Le due opposte tendenze, per favorire la crescita, sono aumentare il debito e/o tagliare le spese ma entrambe, come si piò facilmente capire, sono controproducenti poichè nel primo caso vanno a mettere sulle spalle dei nostri figli e nipoti un carico insopportabile, e nel secondo caso impoveriscono ancora di più i cittadini. Stiamo in poche parole assistendo, attoniti, alla concreta ripetizione della stupenda e fantastica storia dell’Araba Fenice.

L’Araba Fenice, o Araba Phoenix, era, ed è ancora perchè ritorna periodicamente, un uccello bellissimo e forte, somigliante vagamente ad un’aquila, dalle piume dorate e scarlatte che, proveniente dall’Arabia, o dall’Oriente, portava fra i suoi artigli un uovo di mirra entro il quale era sepolto il corpo, o le ceneri, di suo padre. Il suo viaggio terminava ad Heliopolis (vicino al Cairo) ove l’Araba Phoenix depositava l’uovo di mirra, il sarcofago con suo padre, nel più importante santuario o tempio del centro universale millenario della conoscenza che ivi si trovava e denominato On dagli antichi egizi.

L’Araba Phoenix, a compimento del suo ciclo vitale, si lasciava morire, sembra col fuoco, nell’involucro o cesto di mirra dove essa era nata e nella quale suo figlio rinascerà o risorgerà dai suoi stessi resti o ceneri. L’Araba Fenice era in pratica un essere immortale che moriva e rinasceva continuamente senza la necessità di un accoppiamento femmina/maschio come si potrebbe essere indotti a credere. L’Araba Phoenix rappresentava la morte e la rinascita, la fine ed un nuovo inizio. Il suo mito fu agli inizi, e per qualche tempo, adottato finanche dai Cristiani per spiegare la morte e la resurrezione di Gesù o del Divino. La sua prima menzione si trova nei “Testi delle Piramidi” che sono i più antichi scritti conosciuti e la sua storia pertanto ha origine nella notte dei tempi.

Perchè stiamo assistendo alla ripetizione di questa storia??? Perchè quando si crede negli asini che volano, che sono venuti ad accumularsi nell’ultimo secolo in tutti i campi, dalla scienza alla religione, all’economia, al vivere sociale ed alla politica, alcuni dei quali descritti e narrati nello scorrere degli articoli di questo blog, come, per esempio, quello che dice che “il lavoro va dove costa meno” mentre i soldi dovrebbero andare dove il lavoro non c’è, quello di un’Europa inconcludente, di una moneta unica mal studiata, di una rapina generalizzata, di istituzioni attrezzate solo per la crescita e nessuna per la decrescita, quando si crede in un uomo senza anima, e molto di più, allora non si è fatto altro che decretare la propria morte o la propria fine, proprio come la morte o la fine dell’Araba Fenice, o Araba Phoenix.

L’uomo del secondo millennio ha terminato il suo ciclo vitale e, per sua volontà ed incapacità, si sta bruciando per essere ridotto in cenere, nelle ceneri dell’Araba Fenice. Forse l’incenerimento è già avvenuto e lui non se ne è neanche accorto dato che la sua struttura mentale gli impedisce di scorgere una nuova strada della verità che sta per nascere o rinascere in una nuova Araba Phoenix, la nuova millenaria Civiltà del Terzo Millennio portatrice di un rinnovamento di idee e credenze che rimodelleranno totalmente e dalle fondamenta l’essenza dell’uomo su valori veri, eterni ed immortali, come parzialmente descritto agli articoli 10 – 35 – 40.

L’Araba Fenice rappresentava quindi un periodico rinnovamento di idee, una rigenerazione al fine di ricordare all’uomo gli insegnamenti immortali impartiti dai Padri Fondatori della Civiltà. La storia o il mito di questo uccello bellissimo, oltre che essere attualissima per quanto sta avvenendo ai nostri giorni, ha altre affascinanti connessioni stellari di cui parleremo in un prossimo articolo.

Nota. La storia dell’Araba Fenice prosegue all’articolo n. 72 – Bennu – L’uccello di Fuoco.

Nota 2. Per la storia di Giobbe vedi art. n. 65 – “Charlatans and Cranks”.

65 – “CHARLATANS AND CRANKS”!!

Posted in ARMONIA, ASTROLOGIA, ASTRONOMIA, ATTUALITA', ECONOMIA E POLITICA, ERRORI COPERNICANI, EVOLUZIONE, MISURA E GIUSTIZIA, RELIGIONE, RIFLESSIONI, SPIRITUALITA', STORIA, TUTTE LE CATEGORIE with tags , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , on settembre 1, 2011 by beautiful41

….

“”””…IO T’INTERROGHERO’, E TU MI ISTRUIRAI! 

DOV’ERI TU QUANDO IO PONEVO LE FONDAMENTA DELLA TERRA???

DILLO, SE HAI TANTA INTELLIGENZA!!

CHI HA FISSATO LE SUE DIMENSIONI, SE LO SAI,

E CHI HA TESO SU DI ESSA LA MISURA???

DOVE SONO FISSATE LE SUE BASI

E CHI HA POSTO LA SUA PIETRA ANGOLARE,

MENTRE GIOIVANO IN CORO LE STELLE DEL MATTINO

E PLAUDIVANO TUTTI I FIGLI DI DIO???

….

PUOI TU ANNODARE I LEGAMI DELLE PLEIADI

O SCIOGLIERE I VINCOLI DI ORIONE???

….

CONOSCI TU LE LEGGI DEL CIELO

O NE APPLICHI LE NORME SULLA TERRA???

…..

L’ACCUSATORE DI DIO RISPONDA!!!””””

….

Queste poche frasi famose sono tratte dal libro di Giobbe. Il libro di Giobbe non è un libro di religione ma un libro di saggezza cosmica, universale e senza tempo, narrante la storia di Giobbe, un uomo perfetto e giusto, rispettoso degli uomini e rispettoso di Dio e che, per queste sue qualità, è a sua volta rispettato fra gli uomini per essere esempio di come un uomo giusto e buono raccolga il favore del Signore. Ma Giobbe non sa di vivere in un mondo a sè sganciato dalla realtà e verità evolutiva delle leggi del cosmo.

Un bel giorno le cose cambiano e Giobbe viene messo alla prova dell’esistenza. Nel volgere di poco tempo egli perde tutto: famiglia, possedimenti, amici e rispetto. Egli rimane solo con la sua anima al cospetto della vita. Giobbe non capisce perchè un uomo giusto venga punito così miseramente da Dio mentre i lestofanti, gli imbroglioni e gli ingiusti non vengano puniti. E nelle sue lamentele e riflessioni sapienziali egli, pur rimanendo rispettoso di Dio, chiama in qualche modo lo stesso Dio sul banco degli accusati per permettere tutta questa ingiustizia e per il Suo disinteresse e silenzio per la sua condizione.

Finchè Dio decide di intervenire e presentare la sua causa con un’arringa decisiva (“Dov’eri tu??”) descrivendo interrogativamente le meraviglie della creazione o, se preferite, dell’evoluzione per i non credenti, e le meraviglie del cosmo, facendo chiaramente capire che le due cose, le vicende del cosmo e le vicende umane, sono interconnesse e che pertanto dare giudizi unilaterali, a vanvera, senza considerare il tutto, come ha fatto Giobbe, conduce all’errore nel senso che ci si allontana dalla verità. Giobbe, con quest’intervento di Dio, passa dal banco degli accusatori al banco degli accusati. La situazione si capovolge!

Chi è Dio in questo libro??? Se non seguiamo le spiegazioni di abracadabra di religione allora Dio non può che essere un uomo in carne ed ossa, un vecchio saggio, a conoscenza del pensiero originale di coloro che in questo blog sono chiamati i Padri della Civiltà oppure, se preferite, l’Intelligenza Divina Evolutiva conosciuta dalle stesse persone. Questo pensiero arcaico era all’origine dei primi insegnamenti di Civiltà già enumerati in vari articoli, come il “tutto è Uno”, “Come sopra così Sotto”, il “Maat” o equilibrio ed armonia, il Grande Pan, la Misura universale integrata, l’astronomia ciclica e rotativa, insegnamenti spesso accompagnati da matematica, numeri e quantità precise e, last but not least, la “Confessione Negativa“.

La grandezza di questi insegnamenti è che essi sono immortali, come abbiamo visto, cioè insegnamenti universali senza tempo, validi dovunque e sempre, neutrali perchè non religiosi ma umani, proprio come la storia del libro di Giobbe. In questo pensiero arcaico ciclico ed integrato, continuamente in evoluzione, volersi astenere dalle leggi del cosmo, intese come continua osservazione e rispetto e considerazione dell’astronomia rotativa e ciclica, conduce fatalmente ad errori di valutazione come quelli di Giobbe ed alla conseguente distorsione del pensiero razionale. Ciò perchè l’Uomo è fatto di Cosmo ed egli non potrà mai separare la sua realtà da quella del Cosmo.

E come facciamo a dire che essi, questi insegnamenti, sono immortali??? E’ semplice, perchè la storia di Giobbe si sta ripetendo in modo meraviglioso sotto i nostri occhi ed ai giorni nostri con la Scienza.

“Charlatans and Cranks”. Ciarlatani o impostori, e eccentrici o stravaganti. Così sono stati etichettati dalla scienza per secoli coloro che, spesso grandi studiosi di tutto rispetto, intravedevano nel lontano passato, con la connessione fra Cielo e Terra, una grande luce di sapienza. La Scienza moderna invece, rinata dalle ceneri con Copernico, Newton e la scienza galileiana, ammantatasi di grande rispetto ed orgoglio nel riconoscersi baciata dal Signore per essersi incamminata sulla giusta strada di una moderna razionalità e verità assoluta, sganciata da qualsiasi altra realtà cosmica rotativa o religiosa, ha gongolato per vari secoli nell’illusione di questa benedetta e giusta perenne verità, anzi ritenendola in qualche caso essa stessa Dio. Ma non sapeva, essa, la Scienza, di essere sganciata dalla realtà, proprio come Giobbe.

La realtà evolutiva, però, prima o poi bussa alla porta. E’ iniziato con la crisi economica allorchè le apparenti certezze della razionalità, alla base di questa scienza, sono crollate miseramente. Si è proseguito con Copernico e Newton, due padri sacri della moderna scienza, le cui teorie ed enunciati o scoperte sui moti celesti si sono rivelati essere solo pura e semplice fantasia. Senza più certezze e senza più teorie adeguate la scienza sta perdendo rapidamente il rispetto, la credibilità e l’orgoglio di essere nel giusto, passando così, in breve tempo. dal banco degli accusatori dei “Charlatans and Cranks”, al banco degli accusati per essere essa stessa una “Charlatan and Crank”, Una Ciarlatana ed una Stravagante.

E perchè tutto questo??? La risposta è già indicata nel libro di Giobbe: “Conosci tu le leggi del cielo o ne applichi le norme sulla Terra???”. Questo è infatti il punto chiave dolente che ha provocato tutti questi disastri. L’abbandono della astronomia rotativa, cioè la non osservazione continua del cielo ad occhio nudo, abbandono avvenuto circa tre millenni orsono e mai più ripristinato, ha permesso ad Aristotele di costruirsi un sistema geocentrico tutto suo, ha permesso a Copernico di rivalutare solo il sistema eliocentrico ad esclusione di quello geocentrico, ed inoltre di inventarsi un non esistente terzo movimento dell’asse terrestre in circa 26000 anni, con Newton che ha avallato tutte queste fantasie.!

E chi ha tanto ardire di rilevare queste “fantasie” ribaltando sulla Scienza occidentale moderna le accuse di essere “Charlatan and Crank”??? Tanto ardire, coraggio e sicurezza viene da una persona amorevole e speciale. Una Donna bellissima e meravigliosa che si chiama Iside, in rappresentanza della stella più bella, più lucente e più grande del firmamento e che è Sirio, la Stella di Natale, che per lo meno da circa 6000 anni è sempre allo stesso posto ed è visibile al centro del cielo alla mezzanotte di ogni Natale e Capodanno e che, stanca di attendere, ha improvvisamente ricordato all’uomo che lei esiste ed è testimone e prova di un colossale perdurante errore, perchè la sua inamovibilità per tutti questi millenni, se fosse stata rilevata e conosciuta, avrebbe evitato ad Aristotele, Copernico e Newton gli errori commessi.

L’astronomia rotativa è diversa dall’astronomia del cannocchiale o telescopio odierna che, più che astronomia, è fisica degli elementi e particelle del cosmo e serve a conoscere più che altro la loro composizione ed anche posizione. L’astronomia rotativa segue invece i movimenti di tutti gli elementi del cosmo, individuandone i moti ed i loro significati in relazione all’uomo. Essa si sviluppò durante i tempi arcaici dei Padri della Civiltà ed è praticamente sconosciuta da circa 3000 anni, come accennato, anche se molti elementi inconfutabili della sua esistenza sono arrivati fino a noi nonostante i tanti millenni trascorsi. La sua perdita ed esclusione ha portato però agli errori citati, da Aristotele in poi, contribuendo a plasmare un pensiero scientifico artificioso ed irreale, come indicato più in dettaglio all’articolo n. 61.

Iside, o Sirio, come nel libro di Giobbe, col suo intervento capovolge o ribalta la scena mettendo gli accusatori sul banco degli accusati, facendo balenare all’improvviso l’importanza di una antica più completa ed inclusiva integrata prospettiva della scienza dimenticata.

A Giobbe, diventato più umile dopo la lezione ricevuta, vengono restituiti i suoi possedimenti e la sua dignità. La Scienza, con un atto di pentimento e di umiltà, riconoscendo gli errori commessi, potrebbe ottenere gli stessi risultati. Forse.