Archivio per Sogni

47 – IL RISVEGLIO DELL’ANIMA MUNDI

Posted in ARMONIA, ASTRONOMIA, ATTUALITA', ECONOMIA E POLITICA, EVOLUZIONE, MISURA E GIUSTIZIA, PREGIUDIZI MILLENARI, PROPOSTE MILLENARIE, SPIRITUALITA', TUTTE LE CATEGORIE with tags , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , on giugno 18, 2011 by beautiful41

Una corsa senza soste attraverso infiniti disastri e durata millenni, intervallata solo da pause più o meno lunghe fra un disastro e l’altro, sempre rincorrendo l’illusione di una più giusta e più moderna verità. Questo processo millenario è andato avanti infinite volte concludendo tutte le sue fasi con delle delusioni sempre più amare. Questo processo è continuato fino ai giorni nostri allorchè tutte le illusioni sono venute a cadere, rivelando improvvisamente all’Uomo contemporaneo l’inconfondibile realtà davanti ai suoi occhi.

Con ia sconfitta ed il crollo del totalitarismo comunista era sembrato che le democrazie capitaliste occidentali, con la libertà infinita operante in un libero mercato, con le tante conquiste della scienza, della tecnologia, dei diritti umani, delle tante conquiste sociali, dell’affrancamento dalla religione, avessero raggiunto la condizione ideale per il pieno e sano sviluppo dell’Uomo moderno, come mai era successo nella storia conosciuta. Tanto forte era l’orgoglio di quest’Uomo per far parte di questa fortunata o benedetta fetta dell’umanità che egli pretendeva, e lo pretende ancora nella sua cecità, di esportare in tutto il mondo questo suo sistema che rappresentava il non plus ultra della Civiltà!!.

Ma era solo un sogno!!! Il sogno era stato fatto credere e passare per realtà confidando che potesse esistere un uomo senza anima, un uomo “civico” soggetto solo alle sue necessità materiali senza alcuna relazione con la sua anima o spiritualità che ancora oggi, e per molto tempo a venire, è e sarà sbeffeggiata e derisa da tanti presunti “intellettuali”. Un tale uomo senza anima operante con una libertà infinita in un mondo senza regole ha dato luogo alla formazione dell’unico e più grande monoteismo della storia di tutti i tempi: il credo nel Dio Denaro ed il suo accumulo con la conseguenza delle abissali differenze e degli eccessi di ricchezze e debiti stratosferici fra uomini e fra nazioni che stanno facendo vacillare paurosamente i fondamenti dell’essenza stessa dell’umanità intera.

Finanche l’Amore, l’espressione più nobile dell’animo umano, si è fatto passare come sesso, e si lascia credere che debba esistere un diritto al sesso come una necessità basilare di questo moderno uomo senza anima. La domanda che sorge spontanea è come sia potuto accadere, come sia stato possibile che questo uomo moderno occidentale sia diventato in realtà una pura e semplice bestia??

Il sogno del faro di Civiltà si è tramutato nella realtà di faro di Inciviltà. Questa è la condizione nella quale l’uomo moderno si trova suo malgrado ad essere coinvolto e che deve in qualche modo fronteggiare se si vorrà salvare. Questo uomo moderno però ha già capito, prima dei suoi dirigenti, che deve prima di tutto ripristinare i valori dell’anima e molti sono i segnali provenienti da tante diverse fonti indicanti che questa nuova presa di coscienza, un vero e proprio risveglio dell’anima, favorita dall’uso di internet, accomuna tutti gli abitanti del pianeta Terra sui valori immortali della loro umanità e che essi hanno sempre conservato allo stato latente inconsciamente dentro sè stessi.

Il risveglio dell’Anima Mundi è il grande avvenimento che stiamo vivendo. La consapevolezza dei cittadini della Terra che essi appartengono alla stessa famiglia e riconoscono tutti gli stessi valori della Civiltà. Questi valori sono semplici e facili da capire per tutti. Essi sono il ripristino della Misura in tutte le manifestazioni delle attività umane, la riduzione degli eccessi in modo che tutti siano liberi di esprimere la propria dignità dell’essere un elemento importante del creato. Da questa riduzione degli eccessi deriva il rispetto per sè stessi e quella per il proprio simile ed il rispetto per la natura circostante, senza alcuna forma di violenza. Senza il rispetto per sè stessi non ci possono essere gli altri due e nè l’assenza di violenza. Questi valori ripudiano le contrapposizioni e vivono degli insegnamenti di Civiltà fondati sulle inclusioni e sulla Misura.

Il risveglio dell’Anima Mundi è anche la consapevolezza di prendere in mano il proprio destino, secondo la propria coscienza, e riconoscere gli eterni valori dell’umanità che è in ogni singola persona, quale nuova Stella Polare verso la quale dirigere i propri passi sulla perduta strada della Civiltà. Questa nuova Anima Mundi non attende e nè dipende dal fare o non fare dei propri governanti. Questa nuova Anima Mundi indica lei stessa ai propri governanti quello che si deve o non si deve fare, e quando. I nostri governanti hanno ampiamente dimostrato di non avere idee. Essi inoltre sono bloccati da una contrapposizione selvaggia adatta più ai comportamenti delle scimmie che a quelle degli uomini sapiens. Ed hanno paura di “riformare” lo status quo per non perdere i loro tanti privilegi. Pertanto il cambiamento potrà avvenire solo con il diretto intervento dell’Anima Mundi.

Mentre l’umanità intera è minacciata dal vacillare di una incombente catastrofe dovuta ai tanti pregiudizi, diventati poi dei paradigmi, menzionati su questo blog e rivelatisi solo dei sogni o illusioni, è arrivato il momento di agire concretamente mostrando tutta la potenza dell’Anima Mundi. Come descritto all’articolo 30 il prossimo 21 Giugno si terrà una manifestazione planetaria in tutte le città e paesi della Terra ed alla quale parteciperanno tutti i cittadini del mondo di buona volontà che credono nei valori dell’Anima Mundi. Sarà una passeggiata pacifica, reale o metaforica, aperta a tutti, senza distinzione di età, sesso, ceto sociale e religione, ove tutti si sentano attratti dal condividere un comune destino e tutti possono portare il loro contributo, piccolo o grande che sia.

Il solstizio d’estate del 21 Giugno è particolarmente adatto a marcare il risveglio millenario dell’Anima Mundi perchè la Terra inizia a percorrere la sua parte di orbita che la porterà verso il solstizio invernale del 22 dicembre che segna l’inizio dell’anno astronomico del 2012 che, forse solo per una ennesima coincidenza, tanta attesa ha ispirato nell’Anima Mundi. Questa Anima Mundi quindi procederà con pacifiche manifestazioni di solstizio in solstizio indicando ai propri governanti il da farsi per i successivi 6 mesi. Il primo passo di questo programma è stato già esposto all’articolo 30 ed è solo un primo passo sul cammino delle mille miglia diretto verso la Civiltà perduta dove il credo nel più grande monoteismo della storia dell’uomo, il credo nel Dio Danaro, non vi ha dimora, essendo enormemente ridimensionato secondo gli insegnamenti della Civiltà.

La restaurazione della Civiltà è nelle nostre mani. Nessuno verrà a sollevarci dalla barbarie dell’Inciviltà se noi tutti non ci rimbocchiamo le maniche e diventiamo i padroni di noi stessi ed i fautori del nostro destino.

10 – GIUSEPPE IN EGITTO

Posted in RELIGIONE, STORIA with tags , , , , , , , , , , on novembre 19, 2010 by beautiful41

Le mille e una notte. E’ dove il pensiero va leggendo la storia affascinante di Giuseppe, che, assieme ad altre fantastiche, ha dato forse origine nel tempo  anche alle favolose storie delle mille e una notte. Ed è una tristezza che questa storia, che fino a poco tempo fa era insegnata durante l’ora di religione a tutti gli studenti, ora non lo è più. Infatti qualche anno fa,  parlando con  un avvocato di circa 40 anni, mi sono accorto che non conosceva, nè aveva mai sentito menzionare, la storia biblica di Giuseppe in Egitto. Sono rimasto sbalordito ma poi ho capito che nell’abracadabra dei pregiudizi del pensiero moderno queste storie dell’antichità, per giunta bibliche, non hanno senso, sono inutili e dannose per i bambini o per gli studenti. Poichè non è così, vale la pena di raccontare questa storia che oltre che essere bella e farci sognare, è attualissima per i giorni che stiamo vivendo e per i messaggi di verità eterne in essa nascosti.

Giuseppe era il figlio prediletto di Giacobbe e fin da piccolo si dimostrò molto saggio e bravo nella interpretazione dei sogni. Ciò diede origine ad una invidia e gelosia da parte dei suoi altri 11 fratelli i quali per tale motivo decisero di sbarazzarsene vendendolo come schiavo ad una carovana di passaggio per 20 monete d’argento. Giunta in Egitto la carovana rivendette Giuseppe come schiavo a Potifar, capo delle guardie e consigliere del Faraone, che lo impiegò nelle faccende domestiche nelle quali Giuseppe si dimostrò persona leale, onesta e di fiducia per cui dopo qualche tempo fu promosso sovrintendente della casa di Potifar.

Giuseppe era giovane forte e bello ed attrasse l’attenzione della moglie di Potifar la quale lo invitò a fare l’amore con lei. Giuseppe rifiutò per non tradire la fiducia che Potifar gli aveva accordato ma la signora sentendosi offesa e rigettata decise di vendicarsi accusando Giuseppe, davanti al marito, di averla violentata per cui egli venne immediatamente imprigionato. Nella prigione Giuseppe incontrò il coppiere ed il panettiere del Faraone, imprigionati per avere offeso il loro Signore. Essi, dopo qualche tempo, fecero entrambi dei sogni premonitori che Giuseppe interpretò come la rimessa in libertà ed il ripristino del suo lavoro per il coppiere, e come la condanna all’impiccagione per il panettiere. E così fu perchè dopo tre giorni questi sogni divennero realtà.

Dopo un paio di anni il Faraone fece dei sogni premonitori. In uno di essi sognò che mentre era sulla sponda del Nilo vide salire dall’acqua sette vacche belle e grasse ed avviarsi per i campi circostanti mentre dal Nilo spuntarono altre sette vacche brutte e magre che andarono a divorare le sette vacche grasse. Ed in un altro sogno il Faraone vide, mentre era sulla sponda del Nilo, spuntare da uno stelo sette belle e piene spighe di grano seguite da sette spighe arse e vuote che inghiottirono le sette spighe piene. Turbato da tali sogni il Faraone al mattino chiamò gli indovini ed i saggi del palazzo affinchè fornissero una interpretazione ed una spiegazione di tali sogni, ma nessuno di essi riuscì a farlo. Fu allora che intervenne il coppiere reale il quale, ricordando quanto successe nella prigione un paio di anni prima, comunicò l’avvenimento al Faraone che, incuriosito, mandò a chiamare Giuseppe rimasto ancora nella prigione.

Giuseppe, sbarbatosi ed indossato abiti puliti, si presentò al cospetto del Faraone col suo spirito di sempre non indebolito dalle tante sofferenze. Dopo avere ascoltato il racconto dei sogni del Faraone Giuseppe disse che i due sogni manifestavano la volontà di Dio di voler avvertire il Faraone che ci sarebbero stati sette anni di abbondanza, rappresentati dalle sette vacche grasse e dalle sette spighe piene, seguiti da sette anni di carestia rappresentati dalle sette vacche magre e dalle sette spighe vuote. Durante la carestia, che sarebbe stata brutta, la gente avrebbe dimenticato gli anni di abbondanza per cui Giuseppe suggerì al Faraone di mettere una persona saggia a capo del paese d’Egitto affinchè raccogliesse un quinto del raccolto durante gli anni di abbondanza e lo conservasse da essere usato per la sopravvivenza durante gli anni di carestia.

Il Faraone fu colpito da tanta saggezza e dallo spirito del Divino che pervadeva quest’uomo e, con l’unanime accordo di tutti i suoi ministri, lo nominò Vicerè d’Egitto. Si tolse l’anello del comando dalla sua mano e lo infilò in un dito di Giuseppe, gli mise al collo un monile d’oro e lo rivestì con abiti di lino finissimo, designando lui come la giusta e saggia persona atta a governare il paese d’Egitto. Lo fece montare sul suo secondo carro e, assieme, lo presentò a tutto il paese d’Egitto ordinando che nessuno potesse ergersi contro la sua volontà.  E gli diede in moglie Asenet, la figlia di Potifera, grande scienziato dell’Università di On (l’attuale Eliopoli vicino alla odierna Cairo).

Giuseppe si mise all’opera e, da quell’uomo che era, governò con determinazione ed estrema saggezza su tutto l’Egitto, costruendo intorno ad ogni città degli enormi depositi ove ammassò un quinto del raccolto del grano ed altri prodotti durante gli anni di abbondanza. La sua opera rimase nella storia per l’eternità perchè quando arrivò la terrificante carestia non solo il popolo d’Egitto riuscì a sfamarsi ed a sopravvivere egregiamente ma anche i popoli dei paesi vicini che cercavano e trovarono in Egitto e nella saggezza e previdenza di Giuseppe la loro salvezza.

Questa è la parte più importante della storia di Giuseppe ma, anche se essa continua fino alla fine in modo glorioso, noi ci fermiamo quì per fare alcune considerazioni. E’ piuttosto rimarchevole che, dopo la scoperta della decifrazione dei geroglifici da parte di Jean-François Champollion, sia stato riscontrato che questa storia era già raccontata come una fiaba ai tempi delle prime dinastie egiziane antiche, quindi la sua origine si perde nella notte dei tempi. Millenni dopo essa fu fatta propria dai compilatori della Bibbia ed è significativo il consistente numero di pagine ad essa accordato, quasi a sottolineare la grande importanza che già gli originatori le davano. Ciò ci dà l’idea che questa storia, come tante altre, potrebbe essere una delle verità svelate all’Uomo da questi antichi fondatori della civiltà umana i quali, come noto ai lettori di “Il Mulino di Amleto”, usavano trasmettere dati scientifici e verità eterne, oltre che con i monumenti, attraverso leggende e miti.

Al di là delle metafore di carattere morale che ciascuno con la propria sensibilità può ricavare da questa storia, appare piuttosto chiaro il messaggio scientifico di natura economica trasmessoci dagli antichi e che noi, facendo i finti tonti, non vogliamo capire. I sette anni di abbondanza seguiti dai sette anni di carestia significano che il progresso avanza secondo uno sviluppo a carattere sinusoidale, con alti e bassi, anzichè  come una crescita infinita, come oggi ritenuto. La storia di Giuseppe inoltre ci dice che durante gli anni di abbondanza bisogna mettere da parte, o “risparmiare”, il necessario per far fronte ai brutti periodi, che sempre seguono l’abbondanza. La stessa storia ci dice inoltre che si può e ci si deve reggere sulle proprie gambe basandosi solo su quello che si ha, evitando debiti e finanziamenti che sono una semplice scommessa e causa di rovina.

Tutto ciò è esattamente il contrario di quello che si fa o si è fatto oggi nella società occidentale  ove, credendo che il domani sarà sempre migliore dell’oggi, per soddisfare l’oggi non si bada al domani caricandosi di debiti e finanziamenti e dove quasi nessuno intraprende una qualsiasi attività con soldi propri. Ma iniziare una attività con soldi non propri, o con “finanziamenti”, e caricando nazioni intere di debiti senza fine è solo una follia dell’uomo moderno. O, meglio, è una follia dell’uomo occidentale perchè in un’altra parte di mondo si segue la filosofia di Giuseppe, cioè la crescita è fondata e costruita solo sui soldi risparmiati. E questa forbice, tra una parte di mondo che vive sul debito e l’altra parte che vive sul risparmio, che si va allargando, potrebbe diventare estremamente pericolosa.  E’  il problema del governo o controllo degli opposti e dei contrari e la storia di Giuseppe ci mostra come ciò possa essere adempiuto con saggezza attraverso l’uso della Ragione fatta di parole, numeri e spiritualità.

…….

P.S. del 15 Dicembre 2012 – A conferma ed a parziale correzione di quanto sopra descritto vale la pena di aggiungere che la storia di Giuseppe non è una fiaba. E’ la storia vera di IMHOTEP, vicerè del faraone Zoser della  terza Dinastia. IMHOTEP fu definito da alcuni come il Leonardo da Vinci egizio. La sua storia fu copiata dagli ebrei della Bibbia dandogli il nome di Giuseppe.