Archivio per Solstizio Invernale

81 – L’ALBA CHE VERRA’…… – CHIAMATA PER IL 22 DICEMBRE

Posted in ARMONIA, ATTUALITA', ECONOMIA E POLITICA, PROPOSTE MILLENARIE, TUTTE LE CATEGORIE with tags , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , on dicembre 5, 2011 by beautiful41

Traduzione dell’articolo n. 80

…….

Questo è un messaggio per tutti i Cittadini della Terra ma, più specificatamente, per tutti i cittadini dei Paesi occidentali. Ciò per rammentare l’invito a partecipare il giorno del Solstizio Invernale del 22 Dicembre alla più grande e pacifica manifestazione del genere umano. E’ una libera, spontanea manifestazione, aperta a tutti, che si terrà in tutte le città del mondo, al fine di forgiare il nostro proprio destino, effettuando un nuovo rivoluzionario cambiamento di percorso nel modo in cui progresso e civiltà sono intese.

I nostri governanti, di destra o di sinistra, democratici o repubblicani, sono pienamente immersi negli insegnamenti che essi hanno ricevuto alla scuola o università e pertanto i loro cervelli hanno subito il lavaggio, appunto, dei cervelli con le nozioni che il presente sistema, basato su una democrazia diretta dall’alto e su un libero illimitato mercato senza regole, sia l’unico possibile sistema dove, tagliando sul lavoro e sulle spese, ed aumentando le tasse in vari modi, essi possano risolvere il problema di uscire dalla presente depressione. Essi neanche immaginano che la giusta risposta per la soluzione del problema sia di riformare il “sistema” stesso che sta producendo insopportabili abissali differenze fra uomini e fra nazioni, indipendentemente da quanto si possa manovrare fra tagli e tasse, e che potrebbe minacciare un disastro globale.

Poichè noi, i Cittadini della Terra, siamo i pagatori finali di ciascun ed ogni atto dei nostri governanti, non abbiamo scelta che quella di caricare sulle nostre spalle il governo del destino che, per natura, è sempre appartenuto a noi. Noi, i Cittadini della Terra, iniziando dalla manifestazione globale del Solstizio d’Inverno del 22 Dicembre, stabiliremo una nuova forma di democrazia, una “democrazia diretta” che, con la presenza di centinaia di milioni di persone, mostri le nostre intenzioni ai nostri governanti che dovranno seguirle e realizzare. Noi capovolgiamo la vecchia idea che è il popolo a seguire ciò che i loro governanti decidono, cambiandola al suo opposto, e per sempre, dove sono i governanti a dover seguire ciò che il popolo decide.

La Terra appartiene a tutti gli esseri umani. E’ stata data da Dio a tutti noi al fine di prendercene cura, prenderci cura della natura e di noi stessi, nel rispetto, dignità e libertà di ogni singola anima ed essere. Questa visione e questo programma non possono essere perseguiti nell’attuale sistema che riconosce tutti i diritti ai possedimenti materiali, libertà, rispetto e dignità solo a poche persone privilegiate, mentre ciò viene negato a coloro che lo meritano realmente, la grande maggioranza dei Cittadini della Terra. Noi, pertanto, non vogliamo rimettere il treno in corsa verso il ladrocinio dove era diretto, ed ancora lo è, prima che il disastro accadesse; noi vogliamo dirigere il treno verso un’altra, nuova, più giusta e sostenibile direzione.

Noi, i Cittadini della Terra, abbiamo già stabilito nel precedente articolo n. 76 – Il Tradimento delle Costituzioni – in cosa consiste il nostro primo passo che intendiamo effettuare al fine di forgiare un nuovo “sistema” più adatto ad un futuro da condividere che ci attende. Questo primo passo sarà effettuato nel giorno del Solstizio Invernale del 22 Dicembre. Da questa data i nostri governanti avranno la scelta di due possibilità. La prima possibilità è di conformarsi alle regole richieste dal popolo, o Cittadini della Terra, La seconda possibilità è dare le dimissioni.

Ad ogni Solstizio noi effettueremo i passi successivi verso la semplicità e la sobrietà di un mondo dove i governanti di qualsiasi rappresentanza, sia essa una Nazione, uno Stato, una Regione, Provincia o Comune, saranno formati sempre da solo 12 persone, o Consiglieri, ed un Presidente o Primo Ministro. Questi 12 più uno saranno in carica per solo un anno. Essi non potranno possedere più della loro casa di residenza e dovranno espletare il loro lavoro senza paga o retribuzione, ad eccezione per l’alimentazione per loro e le loro famiglie, essendo la principale ricompensa composta da onore, onestà, prestigio, autorevolezza, fiducia, autostima, orgoglio e gloria nel rappresentare la leadership dei Cittadini della Terra.

In questo nuovo mondo il danaro perderà gradualmente la rilevanza e l’importanza poichè esso sarà sostituito dal valore del lavoro e dal conseguimento dei meriti e realizzazioni delle persone. Noi pertanto risusciteremo l’economia reale. Massima differenza ammessa nelle retribuzioni sarà uno a due, essendo uno il salario del meno pagato e due volte questa cifra per il più alto pagato. La proprietà privata sarà lasciata integra ma alla seconda o terza generazione essa sarà restituita alla comunità locale ad eccezione per la casa e gli oggetti personali appartenenti agli eredi. Questo nuovo mondo dove noi saremo diretti sarà, di conseguenza, un mondo senza, o molto ridimensionata, avidità o voracità, dove le persone non necessitano di chiudersi dentro e dove la buona fede e la solidarietà avranno più possibilità di avere successo che non ora, e dove lo scopo finale sarà lo spontaneo rispetto per la dignità, libertà e riservatezza, intangibili, di ciascun ed ogni donna e uomo.

Noi, i Cittadini della Terra, su queste basi, stabiliremo una Nuova Nazione, gli “Stati Uniti di Atlantide”, formata da tutte le Nazioni o Stati su ambe le sponde dell’Oceano Atlantico che, sulla libera scelta della maggioranza dei loro cittadini, decidano di farne parte. Questa Grande Nazione avrà come lingua comune ed ufficiale la lingua inglese, una Costituzione comune basata sui menzionati principi dei Cittadini della Terra, un governo con sede a Lisbona. La valuta degli Stati Uniti di Atlantide sarà l’ECU (per Earth Currency Unit) il cui valore sarà approssimativamente quello del dollaro di oggi. Gli Stati Uniti di Atlantide saranno aperti a qualsiasi altra Nazione che decida unirsi a loro, essendo lo scopo finale dei Cittadini della Terra la formazione di una Nazione per l’intero pianeta.

Tutto questo, e molto di più, tu puoi perseguire nel fare il tuo primo passo il 22 Dicembre!

L’alba di una nuova Civiltà si avvicina!

PASSA PAROLA A QUALSIASI CITTADINO/A DELLA TERRA TU VUOI.

79 – FOLLIE – INQUINAMENTO ELETTROMAGNETICO – FLASH

Posted in ATTUALITA', ECONOMIA E POLITICA, FOLLIE, TESTIMONIANZE, TUTTE LE CATEGORIE with tags , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , on novembre 24, 2011 by beautiful41

…….

Questa è una follia nel senso che negli scorsi decenni si è diffusa in Italia, e solamente in Italia, la convinzione che l’esposizione dell’uomo a forti fasci di onde elettromagnetiche, provenienti da qualsiasi antenna trasmittente segnali radio, televisivi, radar, e simili, sia dannosa per la salute, se non addirittura cancerogena, pericolosa e mortale. Il tam-tam mediatico ha diffuso subito questa notizia che in breve è diventata un dato acquisito a tal punto che vari organi legislativi e vari tribunali del Paese hanno emanato direttive e leggi per la condannna e punizione di chiunque procuri un tale inquinamento elettromagnetico, considerato quindi un reato.

Stamane in pubblica TV, Rai Uno Mattina, un imprenditore dell’industria delle telecomunicazioni di una regione del Centro Italia ha testimoniato come sia stato costretto a chiudere la sua fabbrica, cessando la sua attività e licenziando circa 1500 persone, finendo lui stesso sul lastrico, preda dei debiti, banche e sequestri, perchè la sua Regione aveva emanato le citate norme contro l’inquinamento elettromagnetico, contro altre disposizioni vigenti a carattere Nazionale ed al di sopra, quindi, delle Regioni.

Ora, prima di andare oltre, è meglio chiarire subito che le dette convinzioni, credenze, tabù, norme e disposizioni fatte proprie da organi dell’Amministrazione dello Stato, sono dei palloni enormi, delle bufale colossali, dei veri e propri credi in asini che volano che certamente non ci fanno onore. Oltre ai danni morali e materiali che queste errate convinzioni comportano, esse allontanano il nostro caro e già tanto infangato Paese verso angoli e condizioni di arretratezza culturale e di ridicolo.

Circa 10 anni addietro una singola nave entrava in un porto italiano con il radar acceso e la sua antenna roteante, come normalmente si usa. Il pilota, imbarcato poco fuori del porto, appena entrato in plancia comunicò al capitano che bisognave spegnere subito il radar per conformarsi ad una disposizione dell’Autorità Marittima relativa al pericolo del detto inquinamento da onde elettromagnetiche. Il radar fu spento ma il capitano non potè fare a meno di domandarsi in che razza di mondo gli fosse capitato di nascere e di approdare di tanto in tanto con la sua nave.

Il capitano aveva passato una vita esposto ai fasci di onde elettromagnetiche provenienti dalla sua e altre navi ed era ancora in buona salute.

La nave era proveniente da porti del Nord Europa, del Nord America, del Giappone e Singapore, zone nelle quali confluiscono centinaia e centinaia di navi in un qualsiasi momento ed in spazi a volte molto ristretti. Solo a Singapore, nello Stretto di Malacca, si contavano circa mille navi all’ancora e tutte con il radar acceso per tenere sotto controllo la ridottissima distanza dalle altre navi circostanti. Oltre alle navi in porto e quelle in transito. E senza contare pescherecci ed altre imbarcazioni più piccole. Ciò creava un vero “maelstrom” gigantesco di fasci di onde elettromagnetiche.

In Nord Europa la nebbia la fa da padrone e la visibilità viene misurata e diramata dai bollettini meteomarini in metri. Previsioni per oggi visibiluità 500 metri. Domani 1000 metri. Eccetera. 1000 metri sono considerati una “buona” visibilità. Una nave può arrivare pertanto e spesso fino all’attracco finale solo se ha un radar funzionante. Migliaia di case ed abitanti, assieme a mucche da latte ed altri animali da allevamento, sulle sponde dei fiumi ove transitano centinaia di navi continuamente sono bombardate da infiniti fasci di onde elettromagnetiche di tutti i tipi. Ma nessuno pensa, osa, o si azzarda, nè ha mai pensato, osato, o si è azzardato a reclamare per danni da onde elettromagnetiche pretendendo l’arresto di centinaia di radars.

Purtroppo questa è la nostra follia, la follia del Paese Italia, che, assieme a tante altre follie descritte in questo blog, crea la spinta e la motivazione per i Cittadini della Terra, i Rivoluzionari del Terzo Millennio, a manifestare pacificamente e spontaneamente il prossimo 22 Dicembre, giorno del Solstizio Invernale, in tutte le città italiane e del mondo, al fine di determinare da noi stessi il nostro destino, come descritto all’articolo n. 76.

56 – IL CAPITALISMO DELLA FOLLIA

Posted in ATTUALITA', ECONOMIA E POLITICA, FOLLIE, MISURA E GIUSTIZIA, TUTTE LE CATEGORIE with tags , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , on luglio 19, 2011 by beautiful41

Il Capitalismo esiste da molte migliaia di anni ed è parte della natura dell’uomo. Abitare nella propria casa e coltivare il proprio terreno per alimentarsi e possedere i propri utensili e beni necessari per un’esistenza confortevole sono delle necessità fondamentali dell’uomo ed il loro valore rappresenta il “Capitale” originario.

Da questo “capitale” originario si è venuta sviluppando, col passare dei millenni, una “economia capitalista” basata sul diritto di proprietà dei propri beni e dei propri guadagni. Persino il codice di Hammurabi, del 1750 A.C., per quanto un codice barbaro perchè il codice della legge del taglione, salvaguardava questo diritto naturale dell’uomo.

Anche nelle fasi di crescita moderne, in particolare durante il “miracolo economico”, la crescita era basata sul risparmio. Cioè io, proprietario di un bar o negozioo o gestore di una attività o lavorando, accumulando gradualmente quello che riesco a risparmiare facendo dei sacrifici, con questi risparmi miei se sarò fortunato aprirò un secondo bar o una seconda attività o mi ingrandirò o migliorerò la mia condizione. Era questo il capitalismo “buono” o “standard” millenario che permise all’Italia di essere ricostruita dopo l’ultima guerra.

Ed anche quando si faceva ricorso a dei prestiti, questi raramente oltrepassavano la metà del valore delle proprietà possedute dal ricevitore del prestito, ciò a garanzia del prestito stesso. Questo capitalismo classico era basato sul rispetto. Rispetto per chi riceveva il prestito che così veniva aiutato nel raggiungimento dei suoi obiettivi, e rispetto per chi elergiva il prestito, il cittadino depositante presso una banca, cittadino che riceveva degli interessi quale ricompensa per il suo gesto di fiducia. Questo capitalismo classico permetteva e permise la crescita di quella che si chiama “economia reale” basata sulla proprietà immobile e liquida dei cittadini.

Verso gli anni 70 dello scorso secolo un angelo ignorante scese dal cielo ed iniziò a fare propaganda fra gli uomini convincendoli gradualmente che essi erano dei moderni uomini all’apice della conoscenza e della civiltà e che pertanto avevano tutte le ragioni per ripudiare i concetti e gli insegnamenti dei trogloditi del passato con i quali sarebbe stato meglio recidere ogni legame, procedendo verso una nuova concezione di “libertà infinita”. Il crollo del comunismo alimentò ancora di più queste afrodisiache idee di “modernità” determinando i destini dell’attuale capitalismo.

Il capitalismo di oggi non è più un capitalismo, ma è l’antitesi, l’opposto, la negazione di esso. E’ un raggiro furbesco studiato nei minimi particolari da chi non ha sapienza e da chi è convinto che i soldi producano altri soldi indipendentemente dal “capitale” originario e che il cittadino proprietario dei depositi bancari non conti più niente e quindi non serve più concedergli rispetto perchè i suoi soldi non sono più una sua inalienabile proprietà, ma sono di proprietà della banca dove essi sono depositati.

La banca quindi, che effettuava solo la gestione dei soldi dei cittadini che ne erano proprietari, ora, in questo nuovo non capitalismo, se ne è proclamata essa stessa proprietaria insindacabile. Gli interessi che una volta venivano concessi ai cittadini ora non più, ed anzi al contrario è il cittadino che deve pagare la banca sotto forma di “tasse”, “spese tenuta conto”, “spese postali”, “assicurazioni” ed altre allucinazioni del genere. E naturalmente, dopo tanta decurtazione, bisogna anche ringraziare.

Con le liberalizzazioni e le privatizzazioni questo processo si è ancor più acutizzato. Tutti sentiamo che poche singole persone sono “azionisti” o “proprietari” di tale o tal altra banca e che, assieme ad altre banche, concorrono ad essere “azionisti” o “proprietari” delle banche centrali. Ed i cittadini che fine hanno fatto??? I cittadini sono semplicemente scomparsi. Non esistono. Con i soldi degli interessi non più pagati ai cittadini, tranne a qualche raccomandato, le banche hanno acquistato ogni ben di Dio di cui naturalmente i suoi “azionisti” o “proprietari” ne sono i goditori ed intestatari. E con gli stessi interessi non pagati i loro managers hanno potuto riconoscersi remunerazioni e stipendi milionari da mille e una notte.

Questa manna caduta dal cielo, solo per modo di dire perchè in realtà è una manna proveniente dalle tasche dei cittadini che spesso hanno duramente lavorato, è andata ad alimentare un’altra idea geniale moderna, quella dei “finanziamenti” totali a progetto. In pratica un nullatenente che presenti un progetto giudicato ammirevole e funzionale, senza un solo soldo dei suoi, riceve il finanziamento del 100% o più per l’attività che vuole intraprendere. Ciò comporta un altissimo rischio ed un’alta percentuale di insolvenza. Questi “finanziamenti” sono anche chiamati “investimenti”.Chi paga??? Ma naturalmente il cittadino che non conta niente!!!

La ciliegina sulla torta del moderno non capitalismo è rappresentata dalla Borsa dove in pratica, a comando, si fanno salire o scendere le quotazioni scommettendoci sopra, ricavando in pochi secondi ingenti fortune dal niente e, con la nota “speculazione”, distruggendo in pari tempo capitali, nazioni, uomini, cose e lavoro. Ed i governi sono talmente debilitati dalla propaganda dell’angelo ignorante, che cioè questo sistema è il non plus ultra della sapienza e della Civiltà, che essi neanche hanno il coraggio di proibire per sempre per lo meno quello che si chiama “la vendita a breve” o “short selling”, ciò perchè la libertà del mercato è tabù “intoccabile”.

Ma è bene che il cittadino sappia che questo capitalismo non è capitalismo. Il capitalismo vero è uno strumento naturale di crescita e di produzione di ricchezza per tutti i cittadini della Terra quando praticato nel rispetto, senza eccessi e nella giusta misura, proteggendo il vero capitale che è fatto dei possedimenti e del lavoro dei cittadini, ora totalmente esclusi ed insignificanti. Questo moderno capitalismo invece, sinonimo di distruzione, è pura follia predatoria e lo vediamo tutti i giorni come, attoniti, assistiamo al baratro che si prospetta davanti a noi.

I cittadini della Terra, con la prossima manifestazione pacifica, spontanea e planetaria del solstizio invernale del 22 Dicembre, potranno ancora far sentire la loro voce, indicando il da farsi ai loro governi, perchè essi, i cittadini della Terra, sono i veri padroni della Terra e del loro destino.